domenica 26 dicembre 2010

QUALCHE IDEA SUL MENU' DI CAPODANNO

Cliccate sul nome della ricetta e vi si aprirà immediatamente il collegamento


Vol au vent con fonduta e funghi
 
Bignè e datteri  con crema di gorgonzola e noci



Peperoni sott'olio





Agnolotti alla piemontese




Carote in agrodolce









Liquore al cioccolato fondente
 





 











Bignè e datteri con crema di gorgonzola, mascarpone e noci

Un antipasto veloce che delizierà i vostri ospiti…

 

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per i bignè:

75 gr. di farina
50 gr. di burro
Mezzo cucchiaino di zucchero
Un pizzico di sale  (la punta di un cucchiaino)
1 bicchiere d’acqua (circa 125 cl)
2 uova

Per il ripieno per circa  12 bignè e 12 datteri Deglet Nour

100 gr. di gorgonzola dolce
100 gr. di mascarpone
12 gherigli di noce

Procedimento
Versate in una pentola l’acqua , aggiungete il sale, lo zucchero e il burro, portate il tutto ad ebollizione e versate immediatamente tutta la farina. Lavorate energicamente l’impasto e cuocetelo per 10 minuti,finché non si stacca dalle pareti della pentola. Aggiungete il primo uovo mescolando velocemente. Quando risulterà  ben  incorporato aggiungete il secondo uovo continuando a mescolare.
La pasta dovrà essere simile ad  una crema vellutata e liscia.
Accendete il forno a 180°.
Riempite un sac a poche con la crema ottenuta e formate sulla placca da forno, precedentemente imburrata, dei mucchietti grossi come una noce e distanziati tra loro. Fateli cuocere nel forno preriscaldato per circa un quarto d’ora fino a quando risulteranno ben gonfi.
Lasciarli raffreddare poi tagliare la calotta per poterli riempire.
In alternativa, per chi ha poco tempo, potete acquistarli già pronti da riempire.
Lavorate il gorgonzola con il mascarpone fino ad ottenere una crema morbida, incorporate metà dei gherigli di noce tritati e le calottine dei bignè sminuzzate.
Tagliate verticalmente i datteri senza dividere le due parti ed estraete il nocciolo.
Riempite con il composto i bignè e i datteri e guarnite con i restanti gherigli di noce.
Serviteli a temperatura ambiente o leggermente scaldati.
Buon appetito!


Consiglio: Per velocizzare ulteriormente i tempi, potete acquistare i bignè già pronti.

Vol au vent con fonduta e funghi

I funghi contengono sali minerali, vitamine, acido folico  e betacaroteni che contribuiscono a rafforzare il sistema immunitario,  sono ottimi antiossidanti e hanno proprietà antiinfiammatorie, depurative e lassative. Per queste loro caratteristiche contribuiscono a tenere sotto controllo la pressione alta ed il colesterolo.
Sono capaci di agire come un vero e proprio antibiotico naturale e mantengono alto il livello degli anticorpi. Per il loro basso contenuto calorico (22 kcal per 100 gr.) sono ideali per le diete ipocaloriche.
Sono controindicati a chi è allergico alle muffe e ai lieviti e a chi soffre di gotta e calcoli renali.
E' bene tener presente che la famiglia dei funghi comprende ben 3000 specie, ma solo un centinaio sono commestibili e quelli velenosi che possono rappresntare un grave rischio per la nostra salute, per cui è meglio affidarsi per la loro raccolta a persone esperte.
Vanno consumati entro breve tempo dalla loro raccolta (massimo due giorni di conservazione in frigorifero, nello scomparto della frutta e verdura, dopo averli ripuliti e spazzolati per eliminare residui terrosi), il gambo deve essere sodo e compatto, il cappello integro e senza muffe,l'odore gradevole.
Tenete presente che funghi commestibili, se mal conservati, possono essere pericolosi per la saluti come quelli velenosi.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 8 persone

16 vol au vent pronti
4 funghi porcini
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 spicchio d’aglio
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.

Per la fonduta:

1 etto di fontina
1 tuorlo
3 cucchiai di parmigiano
30 gr. di burro
1 cucchiaio di farina
Latte q.b.

Procedimento

Tagliate a dadini la fontina, metteteli in una ciotola e ricopriteli con  un po’ di latte. Lasciateli riposare per almeno un’ora.
Nel frattempo pulite i funghi e tagliateli a fettine. Metteteli in una padella con un po’ d’olio, lo spicchio d’aglio  e fateli cuocere a fuoco vivo per 10 minuti. A fine cottura aggiungere il prezzemolo e il sale
Mettete la farina in un pentolino, scolate i dadini di fontina  versate lentamente il latte sulla farina mescolando per evitare la formazione di grumi, aggiungete i dadini di fontina e ponete sul fuoco bassissimo rimestando continuamente. Quando la fontina si sarà sciolta completamente aggiungete l’uovo sbattuto, il burro e il parmigiano. Continuate la cottura per 5 minuti sempre rimestando.
Lasciate raffreddare bene.
Unite i funghi alla fonduta e riempite i vol au vent che poi cuocerete in forno già caldo a 180° per circa 5 minuti. Serviteli molto caldi.
Potete sostituire la fonduta con 100 g. di panna liquida  da aggiungere nei funghi a metà cottura e 300 gr. di prosciutto cotto tagliato a dadini da aggiungere a fine cottura

Buon appetito!

martedì 21 dicembre 2010

Tasca ripiena




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone:

1 tasca di manzo (si tratta di un taglio di carne triangolare con un incisione al centro che lo rende simile ad una tasca)
200 gr. di salciccia
100 gr. di castagne bollite
150 gr. di cime di rapa bollite e strizzate
50 gr. di Parmigiano  Reggiano grattugiato
2 cucchiai di pan grattato
1 uovo
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
1 mazzetto di  erbe aromatiche (salvia, alloro, rosmarino)
10 bacche di ginepro schiacciate
1 bicchiere di Marsala
2 bicchieri di acqua calda o di brodo
olio extravergine d’oliva q.b.
sale q.b.

Procedimento

Mettete un po’ d’olio e le cime di rapa strizzate e tritate  in una padella e lasciate asciugare per 2/3 minuti. Versate le cime in una ciotola, aggiungete la salciccia spellata e schiacciata, le castagne bollite e tritare, il pangrattato, il parmigiano e l’uovo. Aggiustate di sale (tenete presente che la salciccia è già salata) e impastate bene il tutto. Farcite con il composto la tasca, cucite l’imboccatura con spago da cucina o, in alternativa con degli stecchini.
Affettate sottilmente la cipolla e mettetela in un tegame con dell’olio, lo spicchio d’aglio, le bacche di ginepro schiacciate e le erbe aromatiche. Adagiatevi sopra la tasca e fatela dorare da tutti i lati per qualche minuto. Versate il marsala e farlo evaporare a fuoco vivo per 5/6 minuti.
Aggiungete l’acqua calda o il brodo, aggiustate di sale e cuocete a fuoco basso e a pentola coperta per circa 1 ora e mezza. Eventualmente aggiungete dell’altra acqua calda se il fondo dovesse restringersi troppo.
A cottura ultimata, togliete la tasca dal tegame e passate a setaccio il fondo di cottura. Affettate e servite caldo con il suo sughetto.

Buon appetito!

venerdì 17 dicembre 2010

Filetti di cernia con uvetta e olive

E VENERDI'?  PESCE!


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI



Ingredienti per 4 persone:

600 gr. di filetti di cernia
200 gr. di pomodori pelati
40 gr. di uvetta sultanina
1 manciata di olive taggiasche
1 spruzzata di vino bianco
1 spicchio d'aglio
1 pugno di farina bianca
qualche rametto di prezzemolo
olio extravergine d'oliva q.b.
sale q.b.

 Procedimento

Mettete a rinvenire, in una ciotola piena d'acqua, l'uvetta sultanina, nel frattempo ponete  lo spicchio d'aglio a rosolare in una padella con un po' di olio, aggiungete i filetti di cernia leggermente infarinati e fateli dorare da ambo i lati per 5 minuti, spruzzate con il vino bianco e fatelo evaporare.
Togliete i filetti dalla pentola e teneteli al caldo in un piatto.
Versate nella padella contenete il sughetto dei filetti i pomodori pelati tritati e  l'uvetta scolata. Lasciate cuocere per una decina di minuti.
Rimettere i filetti di cernia nel sugo aggiungendo le olive e il prezzemolo tritato, lasciate insaporire ancora per 5 minuti e servite.
Buon appetito!

giovedì 16 dicembre 2010

Gnocchi alla sorrentina

Giovedì? GNOCCHI!!


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI



Ingredienti per 4 persone

 Per gli gnocchi:  
1 kg. di patate
250 gr. di farina
1 uovo
sale q.b.

Per il condimento:
400 gr. di pelati
250 gr. di mozzarella di bufala
100 gr. di parmigiano grattugiato
1 cipolla piccola
basilico q.b.
olio extravergine d’oliva q.b.
sale e pepe q.b.



Procedimento


Cuocete le patate in abbondante acqua, sbucciatele e passatele, ancora calde, allo schiacciapatate. Aggiungete la farina, l’uovo e il sale. Impastate con cura, formate un rotolo, tagliatelo  in fette spesse circa 2 cm. Su di un piano infarinato arrotolate con le mani le singole fette e formate un rotolino spesso un dito e ritagliate gli gnocchi di 2 cm. l’uno. Passateli con l’aiuto del pollice sui rebbi di una forchetta per dargli la caratteristica forma.
In alternativa acquistateli già pronti.
In un tegame versate d’olio e fate dorare la cipolla tagliata a fettine sottili, aggiungete i pomodori, una generosa manciata di basilico, un po’ d’acqua  e il sale. Fate cuocere a fuoco basso per una decina di minuti.
Lessate gli gnocchi in abbondante acqua salata. Quando gli gnocchi saliranno a galla scolateli con una schiumarola e aggiungeteli al sugo. Aggiungete la mozzarella tagliata a dadini e il pepe.
Versate tutto in una pirofila e spolverizzate con abbondante parmigiano ed infornate a 200 °.
Quando si sarà formata una bella crosticina e la mozzarella sarà filante toglieteli dal forno, aggiungete ancora qualche fogliolina di basilico e servite subito.
Buon appetito!

sabato 11 dicembre 2010

Crema bicerina

Questa dolcissima e golosissima crema è un prodotto tipico piemontese e questo che vi suggerisco è solo uno dei tanti modi in cui potete gustarla.
Potete utilizzarla per farcire il panettone, un pan di spagna, le crèpes, ecc




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI



Ingredienti:

300 gr. gianduiotti (cioccolatino tipico piemontese a base di nocciole e cioccolato)
300 ml. di latte
200 ml. di panna
120 ml di alcool da liquori a 90°
1 tazzina di caffè
Procedimento

Scaldate il latte senza farlo bollire e scioglietevi i gianduiotti, aggiungete il caffè, la panna e mescolate bene ancora per qualche minuto, avendo cura di non far bollire.
Spegnete il fuoco, lasciate  raffreddare e aggiungete l’alcool. Invasate, si conserva per un mese  in frigorifero.
Al momento di servirla scaldatela leggermente e versatela in un bicchiere  mettendo come base dei pezzetti di panettone o di pan di spagna,  e (tanto ormai ci siamo già rovinati…..) distribuite sopra un po’ (un bel po'....) di panna montata.
E….che dire… buon appetito è riduttivo!

Cannelloni ripieni di carne e funghi

 I cannelloni sono un tipo di pasta cilindrica e relativamente recenti se paragonati ad altri formati di pasta. Se ne fa menzione solo dalla prima metà dell’Ottocento e ne parla un cuoco aretino, come fosse una ricetta toscana e presentandola come “timballo di cannelloni”. In realtà era stato preceduto da un cuoco napoletano, tal Vincenzo Corrado che, nel suo libro “Cuoco Galante”, descrive una sorta di antenato del cannellone; in realtà altro non era che un grosso pacchero prelessato e riempito con una farcia di carne e tartufi e poi messo a completare la cottura con sugo di carne.
A differenza di altri tipi di pasta che erano riempiti con avanzi della mensa, i cannelloni furono considerati da subito una pasta della festa.




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2030 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI



Ingredienti per 4 persone
Per i cannelloni:
300 gr di farina
3 uova
Un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva
Un pizzico di sale fino

Per la besciamella
½ litro di latte
50 gr di farina
35 gr di burro
40 gr di Parmigiano Reggiano grattugiato
Noce moscata q.b.
Un pizzico di sale fino

Per il ripieno:
300 gr carne di manzo
100 gr di funghi puliti e affettati
100 gr di salsiccia
50  gr di prosciutto crudo tritato
100 gr di Parmigiano Reggiano
1 uovo
Noce moscata, sale, pepe e olio extravergine q.b.

Per il sugo:
400 gr di pelati
1 cipolla
1 gambo di sedano
1 carota piccolina
1 spicchio d’aglio
2 foglie d’alloro
Olio extravergine q.b.
Sale q.b.


Procedimento

Unite il sale alla farina e formate una fontana sulla spianatoia. Fate un buco al centro e aggiungete le uova. Impastate bene fino a ottenere un composto omogeneo, formate una palla, ricopritela con della pellicola e lasciatela riposare per un’ora.

Nel frattempo preparate il sugo.
Tritate la cipolla, la carota e il gambo di sedano. In una casseruola scaldate quattro cucchiai d’olio e unite il trito d’ortaggi e lo spicchio d’'aglio intero e fate soffriggere a fuoco dolce per qualche minuto. Aggiungete i pelati tritati, le foglie d’alloro, il sale e portare a cottura. Eliminate lo spicchio d’aglio.


Preparate il ripieno.

Versate un po’ d’olio in una casseruola e fate rosolare la carne tritata e la salciccia spellata, aggiungete i funghi e lasciate rosolare ancora per cinque minuti. Spegnete il fuoco e versare il composto in una ciotola. Unite il prosciutto crudo, all’uovo, il Parmigiano Reggiano, un po’ di pepe e di noce moscata. Amalgamate bene.

Preparate la besciamella.
In una pentola mettete la farina, un po' di sale e aggiungete il latte freddo, poco per volta, per non formare grumi.  Ponete sul fuoco molto basso e fate cuocere, sempre rimestando, fino raggiungere la giusta consistenza (una decina di minuti circa). Spegnete il fuoco, aromatizzare con la noce moscata e aggiungete il burro e il Parmigiano Reggiano.

Trascorso il tempo, riprendete l’impasto, tiratelo a sfoglia sottile e ritagliate dei rettangoli di circa 10 x 12 cm.
Accendete il forno a 200C°.
Mettete i rettangoli di pasta su di un tagliere, farciteli con il ripieno e arrotolateli delicatamente a formare dei cannelloni.
Imburrate una teglia, distribuite sul fondo qualche cucchiaiata di sugo, adagiate i cannelloni, copriteli con il sugo, la besciamella e il Parmigiano grattugiato.
Informate e lasciate cuocere per 30/40 minuti, finché la superficie sarà ben gratinata.
Lasciate riposare per una decina di minuti e servite.
Buon appetito!



Consigli: per velocizzare i tempi potete acquistare 300 gr di sfoglia fresca

Carote in agrodolce



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI




Ingredienti per 4 persone:

1 kg. di carote
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
3 cucchiai d’aceto
1 cucchiaino di zucchero
2 cucchiai di bagnet verd (ved. ricetta nella sezione salse) o del prezzemolo tritato
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.

Procedimento

Tagliate a fettine sottili  la cipolla,  spelate le carote, lavatele e tagliatele a tocchetti o a rondelle.
Mettere tutto in una padella con l’olio e lo spicchio d’aglio.
Fate soffriggere dolcemente per una decina di minuti, aggiungete poi l’aceto, lo zucchero, un po’ d’acqua e il sale.
Fate cuocere a padella coperta per 15 minuti, scoprire, aggiungete il bagnet  o, in alternativa, il prezzemolo tritato e lasciate ancora sul fuoco per 2/3 minuti.
Se preparate questo piatto  un giorno prima,  risulterà molto più gustoso.
La dose d’aceto può variare a seconda dei gusti personali.

Buon appetito!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...