giovedì 28 marzo 2019

Braciola di maiale con salsa ai mirtilli


Regna ancora molta confusione su questa carne che si presenta effettivamente rosata da cruda, diventando persino bianca da cotta. Ma la carne di maiale è bianca o rossa? Come si classifica a livello nutrizionale, e quali sono le sue proprietà?
Dal punto di vista nutrizionale la carne di maiale, contenendo una concentrazione di mioglobina che va dallo 0.1 allo 0.3%, è classificata certamente come rossa. E tale resta, anche se dopo la cottura schiarisce a tal punto da non sembrarlo: il contenuto di mioglobina è comunque superiore a quello del pollo e del pesce (0.05%).
In effetti il suo colore chiaro, soprattutto se paragonato a quello delle altre carni rosse di bovini, equini e ovini, può trarre in inganno. Complici di questo fraintendimento anche quei siti o riviste che definiscono erroneamente la carne di maiale una carne bianca o addirittura “rosa”. Ma quest’ultima è la classificazione gastronomica, che non ha niente a che vedere con la classificazione nutrizionale.
La carne di maiale possiede dunque tutte le proprietà delle carni rosse e in particolare è fonte di proteine di alta qualità e di sostanze nutritive ad elevata biodisponibilità, tra cui le più rappresentate sono la tiamina, riboflavina, niacina, vitamina B6 e B12, ma anche minerali come fosforo, potassio, zinco e selenio, mentre il ferro è leggermente minore rispetto alle altre carni rosse. Notevole anche la presenza di composti bioattivi positivi per la salute e con funzione antiossidante, come la creatina, la taurina e il glutatione.
Nonostante sia il tipo di carne rossa più popolare e più consumata al mondo, aleggia purtroppo ancora oggi la percezione nel consumatore che il maiale sia in qualche modo “meno sano” del pollo e del manzo: credenza che non trova riscontro nella realtà. Al contrario, il consumo di carne di maiale fresca è perfettamente in linea con le attuali raccomandazioni nutrizionali, anche per quanto riguarda l’apporto di grassi saturi e insaturi.
Proprio per andare incontro alle esigenze dei consumatori i suini di oggi sono allevati e alimentati in modo da avere meno colesterolo e meno grassi saturi nelle carni, a favore invece di un aumento dei grassi monoinsaturi e polinsaturi omega 3 a catena lunga, migliorando il profilo lipidico della carne e il suo impatto sulla salute, dimostrato anche in studi dove si evidenziano gli effetti positivi della carne di maiale sui parametri cardio-metabolici e sulla composizione corporea.
Il consumo regolare di carne di maiale all’interno della dieta mediterranea è in grado di fornire benefici per la salute come quelli legati alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e del diabete, oltre ad essersi dimostrata anche più saziante rispetto ad altre carni, con risultati concreti nella perdita di peso dovuto ad una riduzione della massa grassa, preservando quella magra.
Anche negli anziani la carne di maiale, e in generale tutta la carne rossa fresca, si è rivelata ottima per la prevenzione della sarcopenia e della demenza, diminuendo il rischio cognitivo, la perdita di tessuto muscolare e l’invecchiamento. È interessante notare la costante presenza di carne di maiale, lardo e cotenna nell’alimentazione delle popolazioni più longeve, di cui il maiale è piatto tipico di tante ricette tradizionali.
Anche gli abitanti di Okinawa, tra i più longevi al mondo, contrariamente a chi li vorrebbe vegani mangiano in realtà carne di maiale e usano abitualmente lo strutto nella loro dieta, che ha tante similitudini con la nostra mediterranea. Non a caso i sardi, che hanno nel menù tradizionale il “porcetto”, oltre a una gran varietà di salumi suini  di cui sono fra i maggiori consumatori in Italia, sono il secondo popolo più longevo al mondo, e il primo per ultracentenari.
La carne di maiale è anche una delle più adatte per l’alimentazione degli sportivi, per il suo contenuto in beta-alanina e carnosina, che oltre ad avere una funzione antiossidante sono utili per riprendersi dalla fatica neuromuscolare e migliorare le performance.
Anche nei bambini è molto apprezzata, soprattutto nella forma processata anziché fresca. Ne è il miglior esempio il prosciutto cotto, il tipo di carne di maiale più frequentemente consumato tra i più piccoli, che anche quando consumato in quantità superiori alle raccomandazioni nutrizionali non sembra provocare effetti avversi sulla salute o sul rischio di obesità.
La carne di maiale si rivela dunque davvero adatta a tutti e a tutte le fasce d’età, e se consumata una o due volte a settimana come tutte le carni rosse apporta sicuramente sostanze nutritive preziose e quindi benefici per la salute.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone:

400 gr di mirtilli
4 fette di braciole di maiale
Succo di   un limone
1 arancia non trattata
1 cucchiaio di zucchero
½ bicchiere di vino Moscato
4 rametti di timo
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale e pepe q.b.

Procedimento.
Mettete  a marinare per un’ora  le braciole  in un’emulsione composta da 3 cucchiai  d’olio, il succo del limone,  il timo, sale e pepe.
Nel frattempo preparate la salsa di mirtilli.
Grattugiate la scorza dell’arancia, spremetela e filtrate il succo.
Lavate delicatamente i mirtilli e asciugateli.
Metteteli in un pentolino insieme allo zucchero, il vino e  il succo e la scorza dell’ arancia.
Cuocete a fuoco medio per circa 20 minuti, mescolando spesso finché non otterrete una salsa densa.
Scolate le braciole e fatele cuocere in una padella antiaderente ben calda,  aggiungendo un pochino della marinata.
A cottura ultimata disponete le fette nei singoli piatti, condite con la salsa di mirtilli ben calda e servite.

martedì 19 marzo 2019

Zeppole di San Giuseppe con la crema pasticcera

TANTISSIMI AUGURI A TUTTI I PAPA’ DEL MONDO!!!!!

Le zeppole di San Giuseppe sono  un dolce tipico, tradizionalmente preparato per la festa di San Giuseppe il 19 marzo divenuta anche la festa dei papà.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per l’impasto delle zeppole

150 gr  di farina
100 gr  di burro
2 cucchiai  di zucchero
Un pizzico di sale  (la punta di un cucchiaino)
2 bicchieri d’acqua (circa 250 cl)
2 uova

Ingredienti per la crema pasticcera

2 rossi d’uovo
100 gr  di zucchero
100 gr  di farina
mezzo litro di latte
1 stecca di vaniglia (facoltativa)
1 buccia grattugiata di limone non trattato

Per decorare
More sciroppate

Procedimento

Preparate la crema pasticcera:

Portate ad ebollizione  il latte con la stecca di vaniglia. Spegnete il fuoco e lasciatelo intiepidire un po’.
Lavorate  con la frusta elettrica  i due rossi d’uovo con lo zucchero  fino a quando il composto risulterà gonfio. Aggiungete gradatamente la farina (aiutatevi eventualmente con un cucchiaio di latte tiepido) e amalgamate bene per evitare la formazione di grumi, aggiungete, sempre lentamente e rimestando, il latte, unite la buccia grattugiata del limone.
Sciogliete bene il composto e rimettetelo sul fuoco bassissimo, rimestando continuamente.
Vedrete la crema gonfiarsi lentamente (circa 7/8 minuti), quando la consistenza sarà quella “sofficiosa” classica della crema pasticciera  spegnete il gas.

Prepariamo le zeppole:

Versate in una pentola l’acqua, aggiungete il sale, lo zucchero e il burro, portate il tutto ad ebollizione e versate immediatamente tutta la farina setacciata. Lavorate energicamente l’impasto e cuocetelo per 10 minuti, finché non si stacca dalle pareti della pentola.  A fuoco spento  aggiungete il primo uovo mescolando velocemente. Quando risulterà  ben  incorporato aggiungete il secondo uovo, sempre mescolando.
La pasta dovrà essere simile ad  una crema vellutata e liscia. Lasciate riposare per 20 minuti.
Accendete il forno a 200°.
Riempite un sac a poche con la crema ottenuta e formate sulla placca da forno, precedentemente imburrata, dei mucchietti grossi come un’albicocca  e distanziati tra loro. Cuocetele nel forno preriscaldato per circa venti minuti fino a quando risulteranno ben gonfie.
Lasciatele  raffreddare .
Se preferite potete farle friggere, in una padella dai bordi alti, con olio d’oliva per qualche minuto.  In questo caso, la preparazione risulterà sicuramente più “pesante”.

Quando si saranno raffreddate, con una siringa da pasticcere, riempitele di crema (se non avete la siringa, potete tagliare un po’ la calotta e riempirle). Mettete una mora  sopra ogni zeppola e  cospargete di zucchero a velo.
Buon appetito!

Potete anche decorarle con le ciliegie sciroppate come in questa versione




giovedì 14 marzo 2019

Fragole cioccolatose


Questi deliziosi frutti…non frutti (in realtà i frutti sono quei puntini gialli che noi consideriamo semi)  compagni dell’uomo fin dall’antichità e di cui  sono stati ritrovati dei reperti addirittura risalenti alla Preistoria, appartengono alla Famiglia delle Rosacee e crescono sia in coltivazioni che  spontanee nei nostri boschi ,  solo nel 1600 vennero incrociate con una varietà americana più grande e più dolce

Le fragole sono ricche di  la vitamina C che  rafforza il sistema immunitario e aiuta la rigenerazione della pelle e di  fitonutrienti  che limitano il rischio di malattie    cardiovascolari.
Contengono anche 
 molte  fibre alimentari e sono  ricche di iodio,di potassio, di acido folico, di riboflavina, di vitamina B5, di omega-3 acidi grassi, di vitamina B6, di vitamina K, di magnesio e di rame.
Infine una curiosità: le fragole si chiamano anche Lacrime di Venere perché, narra la Mitologia,  l’amore del giovane Adone era conteso tra Venere e Persefone. Quest’ultima, gelosa della rivale, si rivolse a Marte che si trasformò in un cinghiale e, durante una battuta di caccia, uccise lo sfortunato giovane. Venere, disperata, pianse copiose lacrime che, al contatto con il sangue di Adone, si trasformarono in piccoli cuori rossi: le fragole.




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti

400 gr di fragole
200 gr di cioccolato bianco
60 gr di cioccolato fondente
Codette di zucchero di vari colori q.b.

Procedimento

Lavate bene e delicatamente le fragole, asciugatele perfettamente.
Aiutandovi con un coltellino liscio ricavate piccolissime scaglie dal cioccolato fondente.
Sciogliete il cioccolato bianco a bagnomaria o con il forno a micronde.
Immergete le fragole nel cioccolato bianco e mettetele ad asciugare su di una gratella.
Quando il cioccolato non sarà ancora completamente solidificato passatene un terzo  nelle granelle di zucchero, su  l’altro terzo distribuite le scaglie di cioccolato fondente.
Lasciate solidificare bene le fragole rimanenti.
Sciogliete cioccolato fondente  restante e, aiutandovi con un cucchiaino schizzate le ultime fragole.
Lasciate consolidare  bene.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...