domenica 28 gennaio 2018

Torta di carote e agrumi

L'arancia è sicuramente uno degli agrumi più amati e graditi da grandi e da piccini. Questi deliziosi frutti hanno moltissime proprietà; sono drenanti, antinfiammatori, depurativi e antiossidanti. Hanno poche calorie (circa 35/40 ogni 100 gr) ed essendo ricchi di fibre e di acqua  sono degli ottimi alleati della linea.
Sono ricchi di vitamina C e di vitamine del gruppo B e P; contengono anche una buona percentuale di sali minerali e molti acidi organici come l'acido citrico (utilissimo in caso di calcolosi renale)
Sarebbe utile consumare anche un po' della pellicola bianca che si trova sotto la buccia e che, solitamente, rimane leggermente attaccata al frutto, perché la fibra in essa contenuta regola l'assorbimento degli zuccheri, delle proteine e dei grassi, non solo, ma favorisce anche il transito intestinale.
Esistono molteplici varietà d’arance suddivise in due grandi gruppi:

le bionde con le varietà valencia naveline e ovale: ideali da mangiare
le pigmentate con le varietà tarocco, sanguinella e moro: ideali da spremere.

Si ritiene che il paese d'origine degli aranci sia la Cina da dove si diffusero nel mondo. Furono gli Arabi che nel 1300 li portarono in Sicilia, dove, tuttora, è concentrata la maggiore produzione. L'Italia produce 2,5 milioni di tonnellate d’arance  e questo ci colloca al quinto posto tra i maggiori produttori mondiali dopo il Brasile, gli Stati Uniti, la Cina, il Messico e la Spagna.
La raccolta avviene tra ottobre e fine giugno. 




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per una tortiera di cm 24/26

250 gr di farina 00
200 gr di carote
200 gr di zucchero di canna
1 limone bio
1 arancia bio
3 uova
Mezzo bicchiere di olio di semi di girasole
50 gr di burro
1 bustina di lievito per dolci
Un pizzico di sale
Gocce di cioccolato q.b.
Granella di zucchero q.b.


Procedimento
Pelate le carote e grattugiatele o tritatele con il mixer.
Grattugiate le bucce del limone e dell’arancia facendo attenzione a non grattugiare l’albedo (la parte bianca della buccia). Spremete gli agrumi.
Fate fondere il burro a bagnomaria.
In una ciotola lavorate le uova con lo zucchero fino a renderle spumose, unite a filo il burro fuso e l’olio. Amalgamate bene poi aggiungete lentamente la farina unita al lievito alternandola con il succo degli agrumi. Continuate a lavorare il composto fino a renderlo cremoso e senza grumi. Aggiungete le scorze e le carote grattugiate, inglobatele  bene.
Imburrate una tortiera e versate l’impasto e distribuite sopra la granella di zucchero e le gocce di cioccolato.



Infornate (forno già caldo a 170/180°C) per 35/40 minuti forno statico.
Sfornate e lasciate raffreddare.




Consiglio: potete renderla ancora più golosa tagliandola a metà e farcendola con panna o crema pasticcera o crema di nocciole  e cioccolato.





martedì 23 gennaio 2018

Frittura di paranza e patate

Con il termine frittura di paranza s’intende la frittura di tutti quei pesci che per le loro ridotte dimensioni e la presenza di spine non trovano facilmente acquirenti.
Solitamente era usanza dei pescatori vendere i pesci più pregiati e tenere per sé la paranza da consumare dopo frittura.
Ora è diventato uno dei piatti più apprezzati anche  sono stati aggiunti pesci più pregiati come i gamberi, gli scampi, ecc.
In questa ricetta ho usato solo le acciughe, le acquadelle e gli anelli di totano, ma potete aggiungere triglie, gamberi, o altri pesci più pregiati.





LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 4/6 persone
500 gr di anelli di totano
500 gr di acciughe
500  gr di acquadelle
Farina di grano duro rimacinata q.b.
3 patate
400 gr di patatine tonde piccole
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.

Procedimento
Lavate le acciughe ed eliminate la testa e la spina centrale.
Lavate le acquadelle e, personalmente io schiaccio anche un po’ la pancia.
Lavate gli anelli di Totano.
Pelate le patate e tagliatele a bastoncino, lasciate intere quelle tonde.
Asciugatele, fatele friggere, salate e tenetele al caldo.
Asciugate tutti i pesci, meno le acquadelle, infarinateli, eliminate la farina in eccesso e fateli friggere nell’olio bollente, pochi alla volta per non abbassare troppo la temperatura.
Scolateli e metteteli ad asciugare su carta assorbente da cucina, salate e servite con le patate fritte e una fetta di limone.


lunedì 22 gennaio 2018

Ambrosia dopo-pasto - Le tisane di Ambrosia

A volte ci capita di esagerare un pochino con il cibo e ci sentiamo gonfi e con un peso sullo stomaco, per risolvere il problema prepariamoci una tisana alla mela Ambrosia da sorseggiare dopo i pasti principali.
Questo delizioso frutto è uno stimolante naturale della digestione e abbinata all’alloro e al limone ci aiuta a risolvere il problema.
Le foglie di alloro contengono in diversa percentuale un olio essenziale, dalle proprietà aperitive, cioè stimolanti dell'appetito, digestive carminative. Per questa ragione viene comunemente impiegato per alleviare le coliche, i disturbi dello stomaco, favorire la digestione e per aiutare a espellere i gas dall'apparato gastro-intestinale.
La tisana alla mela va sorseggiata calda e a piccoli sorsi.
Ambrosia è una mela molto succosa, croccante e aromatica che ha come caratteristica principale il multicolore essendo circa per il 75% rossa e con uno sfondo giallo crema che la rendono molto gradevole alla vista.
Questa caratteristica è dovuta al fatto di essere nata per caso in Canada, nello stato della British Columbia, alla fine degli anni ‘80 grazie ad un incrocio naturale, ossia non generata e prodotta in laboratorio, molto probabilmente tra la Red Delicious (mela rossa) e la Golden Deliciuos (mela gialla) e la Jonagold.
Matura tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre, secondo la regione di coltivazione. Per sviluppare la massima lucentezza ha bisogno di notti fresche e di giornate calde e assolate come quelle della Val Venosta, habitat ideale per la sua coltivazione.

Questa è la prima delle TISANE DI AMBROSIA , non perdetevi le successive
Ambrosia detox - Tisana depurativa
Ambrosia della buonanotte - Tisana rilassante



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per una persona

Una mela Ambrosia (solo la buccia)
250 ml di acqua
Una fettina  di limone bio
1 foglia di alloro se grande oppure due piccole
1 cucchiaino di miele d'acacia


Procedimento
Lavate bene la mela e togliete la buccia.
Mettete l’acqua in un pentolino, aggiungete la foglia d’alloro,la buccia della mela  e il limone, portate a ebollizione.



Appena inizia il bollore, spegnete il fuoco.
Coprite e lasciate in infusione per dieci minuti.
Filtrate, dolcificate con un po’ di miele  (personalmente la preferisco senza) e bevetela calda e a piccoli sorsi.



Consiglio: Per non sprecare questa delizia utilizzate la mela sbucciata per preparare  delle golose  ricette (mele al forno, contorno al maiale arrosto, purè di mele, strudel, ecc) oppure mangiatela a fine pasto e conservate le bucce, irrorandole con un pochino di limone, per preparare questa tisana.


sabato 20 gennaio 2018

Zuppa di orzo, lenticchie e salsiccia

L'orzo è un cereale originario dell'Asia, matura molto velocemente e può raggiungere l'altezza di un metro. Appartiene alla famiglia delle Graminacee, si adatta sia alle basse che alle alte temperature e sopporta molto bene la siccità, motivi per cui può essere coltivata ovunque.
In Europa e sopratutto in Italia (siamo il maggior produttore) troviamo prevalentemente l'orzo perlato, cioè privato della pellicina che ricopre il chicco. Purtroppo questo trattamento fa perdere  molte preziose sostanze, cosa che non succede con l'orzo integrale.
E' composto per il 65% da carboidrati, 10% da proteine, 12% da acqua, 13% da zuccheri, grassi, minerali.( potassio, ferro, magnesio,zinco, calcio, sodio, fosforo)
Le vitamine presenti sono del gruppo B (B1-B2-B3-B5-B6), la vitamina A e in piccola percentuale la vitamina E. E' discreta anche la quantità di aminoacidi: acido aspartico, alanina, ecc.
L'orzo, dunque, è un alimento molto nutriente particolarmente indicato per la dieta degli anziani e dei bambini per il suo potere rimineralizzante delle ossa e, grazie al fosforo, ha proprietà in grado di apportare benefici alla concentrazione e alla memoria. Non solo, recenti studi hanno evidenziato la presenza di alcuni estrogeni di origine vegetale che sembra abbiamo proprietà benevole nei confronti del tumore al seno.
Ed infine, grazie alla presenza di acido silicico, rafforza capelli ed unghie.





LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone:
250  gr di orzo perlato
250 gr di lenticchie
200 gr di salsiccia
2 cucchiai di conserva Cirio
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla dorata
2 foglie d’alloro
1 spicchio d’aglio
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.


Procedimento
Spelate la salsiccia e tenete da parte la carne.
Pulite gli ortaggi e tagliateli a cubetti.
Eliminate dalle lenticchie le eventuali impurità e lavatele molto bene.
Lavate l’orzo in acqua fredda
In una pentola di coccio scaldate 4 cucchiai d’olio , unite gli ortaggi tritati e l’aglio intero.
Fate stufare, eliminate l’aglio, aggiungete la carne della salsiccia, fate rosolare per un minuto poi unite l’orzo e  fatelo tostare  per qualche minuto.
Coprite  con il brodo vegetale caldo, aggiungete la conserva ,  salate e fate cuocere per una decina di minuti.
Unite le lenticchie e portate a cottura.
Se dovesse asciugarsi troppo aggiungete un pochino di acqua calda.
Servite con crostini di pane casereccio tostati.





lunedì 15 gennaio 2018

Spaghetti di farro con castagne e pancetta

Il farro ha origini antichissime, infatti, se ne trova traccia già nel Neolitico, quando era utilizzato dall’uomo per sfamarsi. Nel corso dei secoli la sua coltivazione si è notevolmente ridotta a causa dell’utilizzo d’altri tipi di farine, come quella di grano duro.
Si coltivano tre tipologie di farro, farro monococco (piccolo), farro dicocco (medio) e farro spelta (grande). In Italia coltiviamo prevalentemente il farro dicocco.
Oggi, questo prezioso cereale è stato riscoperto, soprattutto dall’agricoltura biologica, e sarebbe auspicabile reintrodurlo nella nostra dieta, in quanto è ricco di vitamine del gruppo B, di sali minerali, quali potassio, fosforo, magnesio e di proteine.
Il farro, soprattutto quello integrale, pur essendo un ottimo alimento, è tuttavia sconsigliato a chi soffre di celiachia per la presenza di glutine.
Una storia basata sui valori autentici della vita di campagna, sull’amore per la natura e le cose vere. Nasce così la realtà Girolomoni, il meglio dei prodotti alimentari biologici Made in Italy, che ha utilizzato questo grano antico per produrre questi spaghetti al farro  che ho utilizzato perché sono l’ideale per questo condimento delicato ma gustoso.




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 4 persone:
200 gr di castagne
100 gr di pancetta coppata in una sola fetta
1 spicchio d’aglio
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.

Procedimento

Fate bollire le castagne con un pizzico di sale e una foglia d’alloro.
Sbucciatele ancora tiepide ed eliminate anche la pellicina interna.
Tenetene qualcuna intera e tritate grossolanamente le altre.
Tagliate a cubettini la pancetta.
Scaldate quattro cucchiai d’olio in una padella, unite lo spicchio d’aglio tagliato a metà e fatelo dorare. Eliminatelo ed aggiungete le castagne e lo speck.
Fate dorare per un paio di minuti.


Cuocete la pasta in abbondante acqua calda salata, scolate  molto al dente e tenete da parte un bicchierino dell’acqua di cottura.
Versate la pasta nella padella con le castagne  e la pancetta, unite il Parmigiano Reggiano, un cucchiaio d’olio, un pochino dell’acqua di cottura e fate saltare fino a che sarà tutto ben amalgamato.

Servite subito.


mercoledì 10 gennaio 2018

Strudel di mele

Lo strudel (dal tedesco Strudel, "vortice") è un dolce a pasta arrotolata o ripiena che può essere dolce o salata, ma nella sua versione più conosciuta è dolce a base di mele, pinoli, uvetta e cannella.
La sua ricetta ci arriva addirittura dall’VIII secolo a.C., ovvero dal tempo degli Assiri; dolci simili si ritrovano anche nell’Antica Grecia del III secolo a.C.
Probabilmente, anche grazie alla via della seta la ricetta si è diffusa andando però a modificare quella originale in diverse varianti: baklava, gullac, borek e strudel.
Lo strudel deriva quindi da una serie di nomi, forme e luoghi differenti  una delle più vicine è l'antico dolce  baklava che seguiva le varie conquiste territoriali ottomane; dal 1526 il sultano Solimano il Magnifico avrebbe diffuso la sua ricetta nei territori conquistati, ovvero fino all'Ungheria. I continui contatti tra l'impero ottomanno e quello austriaco fecero sì che anche la ricetta dello strudel  passasse  dall’impero   Austriaco , che conquistò l'Ungheria nel 1699  all'impero austro-ungarico nel 1867 e quindi nel regno delle Tre Venezie.
In Italia viene tradizionalmente preparato nei territori un tempo compresi nell’Impero, principalmente Alto Adige, Trentino. Veneto e Friuli Venezia Giulia
Ogni luogo ha poi la sua ricetta: con la pasta frolla, con pasta da strudel (tradizionale, sottile: vi si arrotolano le mele dentro prima di metterla in forno) o con pasta sfoglia.
Ne esistono anche versioni con altri tipi di frutta: pere, albicocche, frutti di bosco e c'è anche chi applica la formula dello strudel anche per preparare torte salate, ad esempio con verdure, crauti e salumi.
Gli ingredienti tipici sono: uvetta, mele, zucchero, cannella, noci o pinoli ed un rosso d'uovo.
La Val di Non, in Trentino, è una zona dove vi è una particolare tradizione dello strudel, data anche la presenza di coltivazioni di mele DOP. Qui si prepara con mele di tipo Golden Delicious sia perché si trova in ogni stagione ma anche perché zuccherine e in grado di tenere la cottura, mantenendo allo stesso tempo la morbidezza grazie all'apporto di pectina. In questo strudel ho utilizzato la mela Ambrosia. Dolcissima e croccante ideale per questo dolce.


Fonte:Wikipedia


 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 6 persone

Per una sfoglia di circa 250 gr.:
100 gr. di farina
100 gr. di burro
1 dl di acqua
Sale q.b.

Per il ripieno:
4 mele Ambrosia
100 gr. di uvetta sultanina
100 gr. di pinoli o di noci
3 o 4 biscotti secchi tipo gallette
3 cucchiai di zucchero di canna o se preferite di zucchero semolato
1 bustina di zucchero a velo
2 cucchiai di cacao
1 bicchierino di rum
Mezzo limone
1 rosso d’uovo
Un pizzico di cannella

Procedimento

Aggiungete il sale  alla farina e iniziate ad impastare unendo  l’acqua poco alla volta. Quando avrete ottenuto un composto morbido ed omogeneo, formate una palla, fate un incisione a forma di croce e lasciatela riposare 10 minuti in frigo avvolta nella pellicola trasparente. Nel frattempo ammorbidite il burro  e formate un piccolo quadrato.
Stendete la pasta con il mattarello e formate un quadrato su cui adagerete il quadrato di burro e richiudetelo accuratamente all’interno della pasta.
Stendentela in lunghezza conservando la larghezza iniziale, piegatela in tre parti, fatela ruotare di un quarto di giro, stendetela nuovamente. Piegatela e lasciatela riposare in luogo fresco per 30 minuti.
Ripetete altre due volte le medesime operazioni. A questo punto la pasta è pronta per essere utilizzata. In altermativa  acquistatela già pronta da stendere.
Accendere il forno a 180°
Lavate l’uvetta sultanina e mettetela a mollo per 15 minuti.
Sbucciate le mele,  tagliatele a dadini piccoli e mettetele  in una ciotola. Aggiungete  il succo di  limone e il rum, Mescolate bene e lasciate riposare per 4/5 minuti. Nel frattempo stendente la pasta in una sfoglia sottile e rettangolare , sbriciolate finemente i biscotti e distribuiteveli sopra.
Scolate  e asciugate l’uvetta ed infarinatela un po’. Aggiungetela alle mele insieme ai pinoli, allo zucchero, alla cannella ed al cacao. Mescolate bene il tutto e distribuite sulla pasta.
Chiudetela a formare un rettangolo e sigillate bene i bordi. Eseguite 4 tagli obliqui, spennellate con il rosso d’uovo allungato con un cucchiaio d’acqua e leggermente sbattuto.
Infornate per circa 40 minuti.
Quando sarà freddo spolverizzatelo con lo zucchero a velo

mercoledì 3 gennaio 2018

Vellutata di zucca e ceci


I ceci sono tra i legumi da preferire per il discreto indice contenuto di acidi polinsaturi e di aminoacidi e per le loro molteplici proprietà nutrizionali.
Sono più ricchi di lipidi rispetto agli altri legumi e pertanto sono più equilibrati nella ripartizione dei macronutrienti. Contengono discreti quantitativi  di vitamine A, C, B9  e saponine  che aiutano a ridurre i trigliceridi ed il colesterolo, non solo, ma sono anche ricchi di ferro, fosforo.






LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 4 persone:
200 gr di ceci secchi  da agricoltura biodinamica
400 gr di zucca
3 carote
3 coste di sedano
2 cipolle
1 spicchio d'aglio
3 rametti di rosmarino
1 lt. di acqua calda
Sale q.b. 
50 gr di fontina (facoltativa)

Procedimento

Mettete a bagno i ceci per 12 ore, scolateli, sciacquateli bene e metteteli in una pentola con abbondante acqua; unite una costa di sedano, una carota e una cipolla e fate cuocere per 2 ore senza salare (potete rendere più teneri i ceci unendo all’acqua di cottura un cucchiaino di bicarbonato).
Tagliate la zucca, le carote, il sedano e la cipolla a dadini.
Tritate finemente l'aglio e gli aghetti di rosmarino, metteteli in una pentola con quattro cucchiai di olio e fate un soffriggere appena appena. 
Unite i ceci, la zucca, tutti gli ortaggi e l'acqua calda. Fate cuocere per due ore, aggiustate di sale e  frullate bene tutto con il frullatore ad immersione. 
Volendo potete arricchire la vellutata facendo sciogliere  delle fettine sottili di fontina.
Servite subito accompagnando il piatto con i crostini di pane e buon appetito!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...