venerdì 28 dicembre 2018

Faraona al forno con frutti di bosco e aceto balsamico


A Capodanno provate a stupire i vostri ospiti con questa ricetta semplice e coreografica.
La faraona o gallina faraona è originaria dell’Africa, da cui fu introdotta in Europa nel XIII secolo d.C. ad opera dei marinai e dei mercanti che provenivano da quelle zone.
Possiede carni magre, gustose   e ricche di proteine ad alto valore biologico, di ferro e di vitamine del gruppo B. 
Il termine "frutti di bosco" identifica un insieme di frutti che sono reperibili nel sottobosco o, più genericamente, nelle macchie di vegetazione selvatica (nonostante siano oggetto di colture agrarie). Hanno un impiego gastronomico estremamente diffuso e variegato e sono impiegati prevalentemente freschi aggiunti a yoghurt, bavaresi, mousse , gelati e altri dolci al cucchiaio, tuttavia sono ottimi anche cucinati con brasati di selvaggia, risotti, paste ecc..
I frutti di bosco più conosciuti e consumati sono: mirtilli rossi e neri, lamponi, more, fragole, ribes rossi e neri, uva spina, more di gelso, bacche del sambuco, amarene, uva spina.
Sono ricchi di vitamine e antiossidanti utilissimi al buon funzionamento del nostro organismo.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:



1 faraona di circa un chilo e mezzo pulita e tagliata a pezzi
300 gr di frutti di bosco (mirtilli, lamponi, ribes)
1 carota piccola
1 cipolla piccola
1 costa di sedano
½ bicchiere di vino rosso
1 bicchiere di acqua calda
4 cucchiai di aceto balsamico
2 foglie d’alloro
2 chiodi di garofano
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale e pepe q.b.

Procedimento

Pulite gli ortaggi  e tritateli finemente.
Scaldate 4 cucchiai d’olio in un tegame, unite la faraona e lasciatela dorare da tutti i lati, poi unite il trito di ortaggi e lasciatelo dorare per qualche minuto.


Aggiungete l’alloro, i chiodi di garofano, il sale e il pepe.
Irrorate con il vino e fatelo evaporare completamente a fuoco vivace.


Trasferite tutto in una pirofila da forno, bagnate con mezzo bicchiere d’acqua calda e infornate (forno già caldo a 190°C), fate cuocere per 40 minuti.
Girate ogni tanto i pezzi  di carne e bagnateli con il loro sughetto, se fosse troppo asciutto aggiungere ancora un pochino di acqua calda.
Trascorso il tempo irrorate con l’aceto balsamico e continuate la cottura per altri 15 minuti.
Unite quasi tutti i frutti di bosco e mescolate.
Disponete la faraona nel piatto da portata o nei singoli piatti e decorate con i frutti rimasti.



lunedì 24 dicembre 2018

Buon Natale


Natale è vivere con gli altri un momento di felicità, condividere la gioia che essa reca a noi e a tutti coloro che ne hanno bisogno, è dare con tutto il cuore il tuo amore  agli altri, è avere la possibilità di rendere migliore una vita! Auguri di cuore! 


Lorenzo Lotto, Natività (1530). Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

                      

mercoledì 19 dicembre 2018

Mini bavaresi al Moscato e frutti di bosco


Fresche e leggere queste mini bavaresi sono ideali  da consumare come dessert dopo un pasto ricco come quello natalizio.
Il termine "frutti di bosco" identifica un insieme di frutti che sono reperibili nel sottobosco o, più genericamente, nelle macchie di vegetazione selvatica (nonostante siano oggetto di colture agrarie). Hanno un impiego gastronomico estremamente diffuso e variegato e sono impiegati prevalentemente freschi aggiunti a yoghurt, bavaresi, mousse , gelati e altri dolci al cucchiaio, tuttavia sono ottimi anche cucinati con brasati di selvaggia, risotti, paste ecc..
I frutti di bosco più conosciuti e consumati sono: mirtilli rossi e neri, lamponi, more, fragole, ribes rossi e neri, uva spina, more di gelso, bacche del sambuco, amarene, uva spina.
Sono ricchi di vitamine e antiossidanti utilissimi al buon funzionamento del nostro organismo.





LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone ( 9 stampini da 6 cm di diametro)

200 gr di frutti di lamponi
1 disco di pan di Spagna
300 gr di yoghurt greco
1 dl di panna fresca
30 gr di albume
9 gr di gelatina
3 cucchiai di miele
2 cucchiai di zucchero di canna
½ bicchiere di  vino Moscato
1 pizzico di cannella

Per guarnire
60 gr di lamponi
60 gr di ribes
60 gr di mirtilli
Zucchero a velo q.b.

Procedimento

Mettete a bagno in acqua  fredda la gelatina per 10 minuti.
In un pentolino mettete i lamponi con lo zucchero di canna, la cannella e il vino Moscato e fate cuocere per circa 10 minuti.
Spegnete e passate tutto al setaccio fine per eliminare i semi dei lamponi.
Tenete da parte un pochino di sciroppo per imbibire i dischi di pan di Spagna e mettete il rimanente sciroppo nuovamente nel pentolino scaldate leggermente, unite la gelatina  rimasta scolata e strizzata , mescolate bene per farla sciogliere, lasciate raffreddare, mescolando spesso.
Versate lo sciroppo negli stampini e mettete in freezer per 20 minuti
Mescolate lo yoghurt  con il miele e incorporate  5 gr  di gelatina scolata, strizzata e fatta sciogliere in un cucchiaio di panna calda.
Montate separatamente la panna rimasta e l’albume e aggiungeteli al composto di yoghurt..
Con un coppapasta ricavate dal disco di pan di Spagna 9 cerchi.
Imbibite i dischi con un pochino dello sciroppo di lampone.
Togliete lo sciroppo dal freezer fate un altro strato con la mousse di yoghurt e ultimate coprendo con il disco di pan di Spagna.
Mettete in frigo per 2 ore.
Al momento di servire, sfornate le bavaresi rovesciandole su singoli piattini in modo che il pan di Spagna resti sotto, guarnite con i frutti di bosco e una spruzzata di zucchero a velo e servite.










Insalata natalizia


Questa insalata invernale è ricca di vitamine, antiossidanti e sali minerali che ci aiutano ad affrontare i rigori dell’inverno e i relativi malanni.
Fin dai tempi più remoti, erano note le proprietà curative dei vari tipi di cavolo che erano utilizzati, sopratutto, nella cura di ulcere, ferite e affezioni respiratorie. I recenti studi hanno confermato le proprietà terapeutiche di questi ortaggi, non solo, ma ne hanno scoperte delle altre, come la funzione protettiva a livello arterioso e di prevenzione in alcune forme tumorali. I cavoli sono ricchi di sali minerali quali ferro, potassio, calcio, fosforo e di vitamina A, B2, C. di carotenoidi, di acido folico e di folati, indispensabili per prevenire la spina bifida in gravidanza
Il radicchio è una verdura ricca di vitamine e sali minerali, come il ferro, il potassio, il  calcio, il selenio e il cromo. Ha proprietà depurative, poche calorie ma molte fibre. Il radicchio rosso, deve il suo splendido colore alla presenza di antocianine, sostanze dalle proprietà antibiotiche e antiossidanti ed è un valido alleato contro le patologie cardiache.

Fonte: Coltiviamo la salute di Ciro Vestita ed. Giunti




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone

150 gr di frutti di bosco tra mirtilli, lamponi e ribes
130 gr di radicchio rosso tondo
70 gr di cuore di cavolo verza
120  gr di Provolone piccante
8 noci
Olio extravergine d’oliva q.b.
Aceto di mele o di vino q.b.
Sale q.b.

Procedimento

Lavate delicatamente i frutti di bosco e tamponateli con carta da cucina.
Lavate e sgrondate le verdure e tagliatele a listarelle sottili
Tagliate il Provolone a dadini.
Sgusciate le noci e spezzettate grossolanamente i gherigli
In una bottiglietta o in una ciotola versate  5 cucchiai d’olio, un cucchiaio d’aceto ( di più o di meno a seconda dei vostri gusti in fatto d’aceto) e il sale.
Miscelate bene tutti gli ingredienti e avrete pronta la vinaigrette per condire l’insalata.
In un’ insalatiera o  in singole ciotole, unite tutti gli ingredienti, condite con la vinaigrette e servite.
Per una presentazione più coreografica come nella foto regolatevi così:
formate un letto di radicchio, al centro mettete la verza, sopra di essa i frutti di bosco, distribuite su tutto i dadini di formaggio e i gherigli di noce spezzettati.


martedì 18 dicembre 2018

Torrette di polenta con funghi briè e mirtilli


Il mais..atavico nutrimento e sole permanente che ci riporta al calore e ai colori dell’estate quando, nelle fredde giornate autunnali o invernali assisi attorno al desco ci accingiamo a gustarlo accompagnato da carni voluttuose, pesci saporiti o profumati formaggi e annaffiato da vini corposi in compagni di chi amiamo e di amici sinceri.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone


Per la polenta
250 gr di polenta a cottura veloce
1 litro di acqua
1 cucchiaio di sale grosso
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Per la farcitura
300 gr di funghi porcini (o altro tipo di funghi)
70 gr di brie
50 gr di mirtilli
1 mazzettino di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale e  pepe q.b.

Procedimento

Ponete sul fuoco una pentola con l'acqua e il sale e quando sta per prendere il bollore gettate a pioggia la farina di mais rimestando sempre nello stesso verso per non fare grumi, versate l’olio e cuocete , sempre rimestando, per il tempo indicato sulla confezione.
Versate la polenta su un foglio di carta da forno e livellatela fino a raggiungere uno spessore di 1 cm. e lasciate raffreddare.
Con un coppapasta di circa 8 cm (se non l’avete potete utilizzare un bicchiere) ricavate dalla polenta tanti dischi.



Pulite i funghi e tagliateli a fettine mettendo i gambi un piatto e le cappelle in un altro.. Lavate, sgrondate e tritate il prezzemolo.
Lavate e asciugate i mirtilli
In una padella antiaderente scaldate  due cucchiai d’olio con uno spicchio d’aglio poi unite prima i gambi dei funghi e dopo 5 minuti le cappelle. 


Lasciate dorare dolcemente, pochi minuti prima del termine della cottura eliminate lo spicchio d’aglio, unite il trito di prezzemolo, il sale, il pepe e i mirtilli. Spegnete.
Tagliate il brie a fettine sottili.
Coprite la leccarda con un foglio di carta da forno e disponete metà dei dischi di polenta creando un primo strato.


Ricopriteli con metà dei funghi, del brie e dei mirtilli, coprite con i rimanenti dischetti e gli altri ingredienti.


Infornate (forno già caldo a 180°C) per 6/7 minuti.
Mettete nei piatti da portata e servite subito.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...