giovedì 12 maggio 2022

Flan di carote e crema di formaggio

La carota è una pianta erbacea originaria dall’Europa sud-orientale e dall’ Asia occidentale mentre  il suo nome deriva dal greco Karotón.
Sebbene tutti conoscano le qualità benefiche e curative della carota, utilissima a rinforzare la vista, portando sollievo a chi soffre di arrossamento degli occhi frequente, così come a prevenire l’invecchiamento della pelle e favorire l’insorgere del latte nelle donna che hanno partorito.
Non  tutti sanno che in origine i colori prevalenti della carota erano quelli della varietà violacea o quelli tendenti al grigio, ancora propri delle varietà tradizionali ormai in forte disuso nelle coltivazioni. Solo alla fine del secolo XVII, in Olanda, per rendere onore alla dinastia degli Orange, che avevano guidato il paese nella guerra di indipendenza contro il potere spagnolo, alcuni coltivatori iniziarono a selezionare con cura le sementi per dare all’ortaggio il caratteristico colore arancione che vediamo ancora adesso. La scelta politica degli agricoltori olandesi fu, da quel momento in poi, apprezzata da tutta Europa, dato che il nuovo colore era molto più gradevole alla vista e si caratterizzava per un gusto più dolce e delicato rispetto alla versione originaria.

Fonte : Alimentazione.pazienti

 


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.



Ingredienti per 6 stampini di 10 cm di diametro

600 g di carote
160 gr di robiola morbida
3 uova
60 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
Burro q.b. per imburrare gli stampini
Sale e pepe q.b.
 
Per la crema di formaggio
50 g di taleggio
50 g di latte scremato

Procedimento

Pelate le carote, lavatele e fatele cuocere a vapore per una decina di minuti.

Fatele raffreddare, mettetele in una ciotola, unite la robiola, le uova, il parmigiano grattugiato, sale e pepe. Frullate tutto.
Imburrate gli stampini e versate all’interno il composto di carote.
Infornate ( forno  statico e già caldo  a 160°C)  per 30 minuti.
Trascorso il tempo di cottura, spegnete il forno, aspettate sette o otto minuti, sfornate e servite.
Potete accompagnare i flan con la crema di formaggio.
Eliminate la crosta del taleggio e tagliatelo a pezzetti, metteteli in una casseruolina antiaderente, aggiungete il latte e fate sciogliere lentamente  il formaggio su fuoco basso, mescolando.
Distribuite la crema su piatti individuali, sformateci sopra i flan e servite.
Oppure potete servirla a parte.

martedì 26 aprile 2022

Fave stufate con cipolla e origano

La pianta delle fave è originaria dell'Asia Minore e da secoli è ampiamente coltivata per l'alimentazione umana e animale (foraggio).
Cibo dei poveri per eccellenza considerato il basso costo, è tuttavia un alimento ricco di elementi nutritivi come sali minerali, in particolare ferro, potassio, selenio, magnesio, rame e vitamine, tuttavia il processo d’essiccazione fa sì che gran parte di questi nutrienti vadano perduti. Le foglie essiccate sono sfruttate in erboristeria come rimedio naturale per stimolare la diuresi.
Le fave sono largamente consumate nelle tavole italiane, in particolare nelle regioni pugliesi, sicule e sarde, dove le ritroviamo sia crude, accompagnate ai formaggi, ai salumi e al pane, sia cotte.
In soggetti predisposti il consumo di questi legumi può scatenare una grave reazione allergica detta “favismo” che nei casi più gravi può addirittura indurre il coma.

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

700 g di fave fresche

1 cipolla bianca
1 bicchiere di brodo vegetale o di acqua calda
4 cucchiai d’olio d’oliva extravergine
Origano q.b.
Sale e pepe q.b.

Procedimento

Aprite i baccelli delle fave, estraete i semi, eliminate i cappelletti e lavate con cura.
Pulite e tagliate la cipolla a fettine.
In una padella o casseruola scaldate quattro cucchiai d’olio, unite la cipolla e lasciate dorare per qualche minuto poi aggiungete le fave, il bicchiere di brodo vegetale e il sale.


Continuate la cottura fino a quando le fave saranno cotte (circa 10/15 minuti), poi spolverizzate a piacere con l’origano e il pepe.
Lasciate insaporire per un minuto e servite.

 

 

 

giovedì 7 aprile 2022

Casatiello napoletano

Il Casatiello è una ricetta tipica della cucina partenopea, preparato come da tradizione dalle massaie campane il giovedì santo . E’ il piatto della tradizione pasquale per eccellenza in quanto celebra la resurrezione del Cristo: per questo motivo e per il suo sapore unico è particolarmente amato dai napoletani.
Le strisce di pane incrociate che ingabbiano le uova semisommerse dall’impasto, rappresentano la croce su cui morì Gesù e la sua corona di spine, mentre la forma a ciambella rappresenta la ciclicità insita nella resurrezione pasquale.
Un tempo la preparazione di questo rustico era considerata un vero e proprio rito: rappresentava una sorta di pulizia delle dispense, utilizzando tutte le piccole quantità di alimenti che altrimenti sarebbero stati buttati. Il nome “casatiello” deriva da “caseus” (“caso”) che nella lingua napoletana (cacio) vuol dire formaggio, e rievoca la cospicua quantità che se ne trova al suo interno.
Le sue origini sono antichissime, si fanno risalire alla Napoli prima greca e poi romana. Nella letteratura greca, in effetti, già si legge di pani conditi con diversi ingredienti. Inizialmente servito durante le feste primaverili in onore di Demetra o Cerere per i romani, diventa, poi, simbolo della Pasqua cattolica simboleggiando la corona di spine di Cristo. Col tempo questa pietanza si è legata sempre di più alla Pasqua e ad una simbolicità religiosa che si ritrova nella decorazione con le uova, simbolo pasquale per eccellenza. Il Casatiello non viene però consumato solamente la domenica di Pasqua, ma, essendo perfetto come pranzo al sacco, è diventato il protagonista immancabile delle gite fuoriporta e dei pic-nic tipici del lunedì di Pasquetta. Attenzione a non confonderlo con il Tòrtano, una versione che si prepara secondo lo stesso procedimento del Casatiello, ma che non è tipica delle festività pasquali e non è perciò decorata con uova. Esistono anche altre varianti di questo rustico.

 

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone e uno stampo di 26 cm

500 gr di farina 00
270 ml di acqua
10 gr di lievito di birra
130 gr di strutto
100 gr di salame tipo Napoli
100 gr di salsiccia piccante napoletana
200 gr di Provolone
70 gr di Pecorino grattugiato
6 uova
Sale e pepe q.b.

Procedimento:
 
Sciogliete il lievito di birra nell’acqua intiepidita  (non deve superare i 30 gradi).
In una ciotola capiente setacciate la farina e aggiungete lentamente l’acqua con il lievito.
Iniziate ad impastare fino a quando tutta l’acqua sarà assorbita.
Rovesciate l’impasto su di un piano da lavoro infarinato  e aggiungete, poco alla volta, metà dello strutto, metà del Pecorino,  un pochino di sale (poco perché il pecorino è già molto salato e così i salumi e il formaggio) una grattata di pepe  e continuate ad impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Rimettete l’impasto nella ciotola e lasciatelo lievitare fino al raddoppio del volume, coperto con un canovaccio e lontano da correnti d’aria.
Nel frattempo  che l’impasto lievita, rassodate due  uova per otto minuti a partire dal bollore dell’acqua.
Lasciatele raffreddare e sgusciatele.
Pelate la salsiccia e il salame e riducete la polpa a dadini. Tagliate a dadini anche il Provolone.
Trascorso il tempo della lievitazione riprendete l’impasto, lavorate ancora delicatamente e per cinque  minuti l’impasto, staccatene un pezzo grande come un limone piccolo e tenetelo da parte avvolto nella pellicola trasparente , servirà per fare le striscioline.
Stendete il resto della pasta  con un mattarello in un rettangolo di circa 1 cm di spessore.
Distribuite il rimanente strutto sulla pasta massaggiandolo delicatamente.
Sistemate i salumi, il Provolone e le uova sode tagliate a spicchi (4 per ogni uovo) sul rettangolo di pasta lasciando un cm per lato libero.
Distribuite il rimanente Pecorino grattugiato.
Arrotolate l’impasto formando un cilindro molto stretto, e sistematelo in uno stampo a ciambella unto di strutto e unite bene le due estremità. Spennellate la superficie con altro strutto.
Appiattite la pasta tenuta da parte e ricavate  otto striscioline.
Lavate molto bene le altre quattro uova e asciugatele.
Formate quattro  incavi sull’impasto e spingetevi dentro le uova per metà. Tenete fermo ogni uovo con due striscioline di pasta  incrociate.
Spennellate ancora con altro strutto.
Coprite il Casatiello con un telo infarinato e lasciatelo lievitare ancora per tre ore.
Infornatelo in forno statico preriscaldato a 180°C e fate cuocere per 50/60 minuti.
Per verificare il grado di cottura infilate uno stecchino nella pasta, se ne uscirà asciutto il Casatiello è cotto.

Lasciate intiepidire in teglia per un paio d’ore  e servite.





sabato 26 marzo 2022

Frittelle di zucchine, carote e patate

La pianta che produce le zucchine è originaria dell'America centro-meridionale e appartiene alla  famiglia delle curcubitacee, la stessa dei cetrioli, delle zucche, dei meloni. Ne esistono di diverse varietà: verde di Milano, rampicante, bianca, striata, tonda di Nizza. Sono un prodotto dell'orto  tipico della tarda primavera e dell'estate, ma ormai  sono reperibili sul mercato tutto l'anno.
Le zucchine forniscono poche calorie e sono ricche di sali minerali quali  potassio, fosforo, calcio e ferro. Contengono anche una discreta quantità di vitamina E (potente antiossidante), vitamina C, acido folico (vit. B9), di zeaxantina e di luteina.
Hanno proprietà antiinfiammatorie, diuretiche , lassative e quindi disintossicanti.
Sceglietele sempre piccole, molto sode, con la buccia lucida e cucinatele nel giro di 3 o 4 giorni per non perdere le loro preziose qualità nutritive.
La carota è una pianta erbacea originaria dall’Europa sud-orientale e dall’ Asia occidentale mentre  il suo nome deriva dal greco Karotón.
Sebbene tutti conoscano le qualità benefiche e curative della carota, utilissima a rinforzare la vista, portando sollievo a chi soffre di arrossamento degli occhi frequente, così come a prevenire l’invecchiamento della pelle e favorire l’insorgere del latte nelle donna che hanno partorito,
non  tutti sanno che in origine i colori prevalenti della carota erano quelli della varietà violacea o quelli tendenti al grigio, ancora propri delle varietà tradizionali ormai in forte disuso nelle coltivazioni. Solo alla fine del secolo XVII, in Olanda, per rendere onore alla dinastia degli Orange, che avevano guidato il paese nella guerra di indipendenza contro il potere spagnolo, alcuni coltivatori iniziarono a selezionare con cura le sementi per dare all’ortaggio il caratteristico colore arancione che vediamo ancora adesso. La scelta politica degli agricoltori olandesi fu, da quel momento in poi, apprezzata da tutta Europa, dato che il nuovo colore era molto più gradevole alla vista e si caratterizzava per un gusto più dolce e delicato rispetto alla versione originaria.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

2 zucchine scure

2 carote
2 patate
4 cucchiai di farina O
4 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
Qualche rametto di erba cipollina tagliuzzata
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale e pepe q.b.

 

Procedimento

Lavate e spuntate le zucchine e le carote.

Pelate e lavate le patate.
Grattugiate tutti gli ortaggi con una grattugia a fori grossi e mettete tutto in una ciotola.
Aggiungete l’erba cipollina, la farina, il formaggio, sale e pepe.
Mischiate tutti gli ingredienti per inglobarli bene.
Scaldate l'olio e tuffateci una cucchiaiata del composto, schiacciatela subito con il mestolo e fate friggere cinque minuti per lato.
Scolate e mettete su della a cucina per far assorbire l’unto in eccesso.
Servitele calde.

 

 

 

martedì 15 marzo 2022

Sarde a beccafico

Le sarde a beccafico, in siciliano sardi a beccaficu, sono una preparazione tipica della gastronomia siciliana, in particolare palermitana, messinese e catanese e come tale è stata ufficialmente riconosciuta e inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf).
La ricetta consiste nel preparare le sarde al forno arrotolate intorno a un composto di pan grattato, aglio tritato, prezzemolo tritato, uva sultanina, pinoli, sale, pepe e olio d'oliva. Il piatto appartiene alla tradizione popolare e si trova spesso in vendita nelle friggitorie dei mercati palermitani - come la Vucciria - ma anche a Messina, Trapani, Agrigento, Catania e nei vari comuni delle relative province. Le sarde a beccafico sono considerate un secondo ma vengono anche servite come ricco antipasto soprattutto nei pranzi cerimoniali.
Il nome del piatto deriva dai beccafichi, volatili della famiglia dei Silvidi. In passato i nobili siciliani li consumavano, dopo averli cacciati, farciti delle loro stesse viscere e interiora. Il piatto era gustoso ma inavvicinabile al popolo in quanto bene di lusso.  I popolani siciliani ripiegarono quindi sulle materie prime che potevano permettersi ovvero le sarde. Per imitare il ripieno d'interiora si pensò di utilizzare la mollica di pane, i pinoli e poco altro.  

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:
 
600 gr di sarde
100 gr di pangrattato
30 gr di uvetta
20 gr di pinoli
2 arance bio
1 mazzettino di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
Alloro q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale fino q.b.
Pepe q.b.

 

Procedimento
 
Pulite le sarde, apritele a libro e togliete la lisca lasciando la coda.
Lavate e sgrondate il prezzemolo  e tritatelo con l’aglio.
Tritate grossolanamente anche l’uvetta e i pinoli.
Condite il pangrattato con il composto di prezzemolo e aglio, salate, pepate e amalgamate con dell’olio, unite anche il trito di uvetta e pinoli.
Mettete al centro di ogni sarda un cucchiaino d’impasto e avvolgetela su se stessa lasciando fuori la codina.
Lavate bene le arance poi tagliatele prima a rondelle e poi dividetele a metà. (vedi foto piatto finito).
Ungete una teglia e posizionate le sarde vicine mettendo una foglia d’alloro e mezza rondella d’arancia  tra una e l’altra, irrorate con un pochino d’olio.
Infornate a 180°C (forno statico e già preriscaldato) per 15 minuti.

Servite fredde.


giovedì 17 febbraio 2022

Sogliole con i pomodorini

Con il nome comune sogliola si indicano alcune specie di pesci d'acqua salata,  la cui evoluzione li ha portati alla postura sdraiata su un fianco, con uno dei due occhi che si è spostato a fianco dell'altro, sul lato rivolto verso la superficie dell'acqua. Anche la colorazione ha seguito quest'evoluzione: il lato rivolto verso il fondo è bianco, quello verso l'alto è bruno, marezzato, mimetico e spesso camaleontico: le sogliole riescono infatti a cambiare colore per imitare l'ambiente circostante grazie ai cromatofori, cellule con pigmenti colorati dell'epidermide.
La sogliola abita solitamente i fondali marini fangosi, dalle coste più basse fino a profondità di oltre 50 m. Si nutre di invertebrati, in particolare di crostacei, ed altri molluschi.

La sua carne è molto apprezzata in cucina: di sapore molto delicato, non deciso né caratteristico, il che consente di adoperarla per diverse preparazioni in cui viene facilmente unita ad altri ingredienti, per ottenere una mousse o degli involtini.

 

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

4 sogliole medie

400 g di pomodorini
1 spicchio d’aglio
1 piccolo mazzetto di prezzemolo (una ventina di rametti)
1 cucchiaio di capperi dissalati
4 cucchiai d'olio extravergine d’oliva 
Sale  q.b.
 

Procedimento

Pulite le sogliole, evisceratele ed eliminate la pelle ( o fatelo fare dal pescivendolo).

Lavate e sgrondate il prezzemolo e tritatelo insieme ai capperi e allo spicchio d’aglio.
Lavate i pomodorini e tagliateli a metà
In una padella scaldate 4 cucchiai d’olio,  unite i pomodorini e fate cuocere per cinque minuti.
Unite le sogliole intere, salate  e continuate la cottura  a fuoco medio per dieci minuti, girando il pesce a metà cottura.
Due minuti prima di spegnere il gas unite il trito di prezzemolo, capperi e aglio.

 

 

mercoledì 2 febbraio 2022

Croque madame

Il croque madame è un sandwich  tipico della boulangerie parigine molto conosciuto e diffuso, solitamente abbinato al croque monsieur dal quale si differenzia per l’aggiunta dell’uovo.
La farcitura a base di prosciutto cotto e groviera, la croccantezza dovuta alla rosolatura nel burro, il “cappello” della besciamella e dell’uovo all’occhio di bue ne fanno una golosità irresistibile da consumare  ad ogni ora del giorno, per colazione, per un pranzo veloce, per uno spuntino.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 2 persone

4 fette di pane per toast
180 g di prosciutto cotto
200 g di groviera a fette
30 g di groviera grattugiata
2 uova
80 g di besciamella
60 g di burro
4 cucchiai di senape di Digione

Procedimento

Spalmate la senape su tutte e quattro le fette, poi farcite due fette con il formaggio e il prosciutto  e chiudete con le altre.
In un’ampia padella fate sciogliere il burro e fate rosolare i sandwich.
Quando saranno dorati, trasferiteli su di una placca ricoperta da carta da forno, copriteli con la besciamella e la groviera grattugiata.
Infornate a 180°C (forno già caldo) e fate  gratinare.
Nel frattempo scaldate 20 g di burro in una padella e depositateci  le uova, lasciatele cuocere fino ad addensare l’albume ma non il tuorlo ( all’occhio di bue), salate e pepate.
Per ottenere una forma perfettamente tonda potete aiutarvi inserendo nella padella un coppa pasta del diametro adatto alle vostre fette di pane e inserendo al loro interno le uova crude.
Sfornate i croque madame , adagiate delicatamente  sopra ad ognuno un uovo e serviteli subito ben caldi.

 

 

2

 

 

3

 

 

 


 

 

 

lunedì 24 gennaio 2022

Tortilla di patate e cipolle

La tortilla di patate (tortilla de patatas)  è un piatto tipico spagnolo molto apprezzato e con diverse varianti; può essere solo di patate, patate e cipolle come in questo caso oppure arricchita con altri ingredienti come il prosciutto, i funghi ecc.
Ottima anche nel panino o da servire tagliata a quadratini o a spicchi come antipasto o come aperitivo.

 

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

500 gr di patate gialle
200 gr di cipolle bianche
5 uova
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale fino q.b.

Procedimento

Lavate e sbucciate le patate e le cipolle, asciugatele e tagliatele a fettine  sottili.

In una larga padella antiaderente sciogliete scaldate 5 cucchiai d’olio, aggiungete le patate, e fatele cuocere a fuoco medio per 5 minuti. Aggiungete le cipolle , coprite  e fate cuocere ancora per 15 minuti.
Fate cuocere a fuoco dolce e a pentola scoperta per 15 minuti.
Il tutto non deve friggere ma cuocere lentamente anche all’interno.
In una ciotola capiente rompete le uova, salate e sbattetele molto  bene, aggiungete le patate e le cipolle ben calde ma scolate dall’olio.
Mescolate gli ingredienti, versate nella padella coprite e cuocete per 10 minuti a fuoco basso.
Aiutandovi con un coperchio o un piatto capovolgete la frittata e continuate la cottura ancora per 5 minuti anche dall’altro lato.
Trasferite la tortilla in un piatto da portata e servite.
E’ ottima sia calda che tiepida.

 

giovedì 20 gennaio 2022

Stufato di costine di maiale

Lo stufato di costine è una ricetta semplice, ricca, saporita e poco costosa.
La sua realizzazione non richiede particolari doti culinarie ma, per avere costine succulente e morbide è bene rispettare poche e semplici regole:

La marinatura preparata con olio, erbette, pepe, ecc. tutto ben miscelato e massaggiato sulla carne è un passaggio fondamentale se volete ottenere una carne morbida e saporita.

Dopo il trattamento mettetele in frigo per almeno due ore, l’ideale sarebbe tutta la notte.

Prima della cottura tenete le costine a temperatura ambiente per una mezzora per fa si che le fibre si distendano e in modo da non provocare uno shock termico, dovuto al passaggio diretto dal frigo alla padella calda, che le renderebbe stoppose.

La cottura, dopo una prima fase iniziale a fuoco vivace per far dorare e caramellizzare la carne, chiudere i pori per evitare che fuoriescano i succhi, deve proseguire a fuoco basso e per lungo tempo.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone


900 g di costine di maiale a temperatura ambiente
400 g di patate
2 carote
1 cucchiaio di conserva
1 cipolla bianca
1 spicchio d’aglio
1 lt. d’acqua calda
Mezzo bicchiere di vino bianco secco
4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
1 rametto di rosmarino
2 foglie d’alloro
Sale e pepe q.b.

Procedimento


Pelate la cipolla, lavatela  e tagliatela a pezzetti, sbucciate l’aglio.
Lavate il rametto di rosmarino e tritate gli aghetti.
Scaldate l’olio in un’ampia casseruola, unite la cipolla, l’aglio intero e fate rosolare per due minuti, unite le costine e fatele dorare in modo uniforme, aggiungete i rametti di rosmarino, lasciate dorare ancora per un minuto, eliminate lo spicchio d’aglio, irrorate le costine con il vino e fatelo sfumare a fuoco alto. 
Aggiungete  la conserva, l’acqua calda e lasciate  cuocere  per un’ora.
Nel frattempo pelate le patate e le carote. Tagliate le prime a pezzi  e le seconde a rondelle non troppo sottili.
Trascorso il tempo di cottura, unite le patate, le carote, salate, pepate e continuate la cottura per circa un’altra ora, saranno cotte quando la carne si staccherà con facilità dall’osso.
Se il fondo dovesse asciugarsi troppo, aggiungete un pochino di acqua calda.

 

domenica 16 gennaio 2022

Budino di pane noci e uvetta

La sacralità del pane da millenni accompagna la vita dell’uomo e ne è diventato parte integrante. Frutto del lavoro nei campi, per millenni è stato il fautore dell’equilibrio d’ogni società. Numerose nei secoli sono state le lotte popolari nate proprio alla sua carenza legata a carestie o a motivi politici. Ben lo sapevano gli imperatori romani che dominavano il popolo con il famoso motto “panem et circenses” (pane e divertimento).
Molto meno attenti a queste esigenze sono stati i loro successori delle società medievali che, per questo motivo, erano spesso oggetto di rivolte popolari legate alla carenza di farine o all’aumento del costo del pane. In età moderna abbiamo avuto modo di assistere ad analoghe reazioni come la famosa rivolta dei milanesi del 1628 o la Rivoluzione francese che ha avuto, tra le cause principali, quella della carenza di pane.

Questo piccolo escursus storico per ricordarci l’importanza di quello che oggi troviamo tutti i giorni con facilità sulle nostre tavole e che, spesso, gettiamo perchè raffermo, dimenticando, non solo il nostro passato, ma anche chi, purtroppo, ancora oggi, muore di fame. Ho avuto più volte modo di sottolineare da questo blog l’importanza del riutilizzo degli alimenti e spesso ho postato ricette con queste caratteristiche, anche questa è una di quelle che ci consente di riutilizzare dell’ottimo pane che ha solo il “difetto” di essere raffermo.

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti:

      250 g di pane raffermo

      scorza di un limone bio

      1/2 litro di latte intero

     30 g di uvetta sultanina

     30 g di gherigli di noce sminuzzati

     200 g di zucchero semolato

     3 uova

     1 baccello di vaniglia (o una bustina di vanillina)

     

     Procedimento

    

Mettete a bagno l’uvetta sultanina per 15 minuti.

Tagliate a dadini il pane e mettetelo in una ciotola,unite la scorza grattugiata di mezzo                  

limone, i semi di mezzo baccello di vaniglia e irrorate con il latte tiepido.

Sbattete le uova con 100 g di zucchero fino a renderle chiare e spumose.

Unite il pane con il latte, l’uvetta strizzata e leggermente infarinata, le noci sminuzzate.

Amalgamate bene il composto.

In un pentolino preparate il caramello : fate sciogliere a fuoco bassissimo il restate zucchero senza girarlo mai, ma facendo roteare il pentolino.

Quando avrà raggiunto un bel color ambra versatelo sul fondo di uno stampo da forno (rettangolare, tondo o singoli stampini).

Versate sopra il composto di pane.

Mettete lo stampo dentro uno più grande in cui avrete versato un dito d’acqua (bagnomaria) e infornate (forno statico, già caldo a 180°C ) per circa 40 minuti (fate la prova dello stecchino, se, infilandolo nel dolce ne uscirà pulito vuol dire che è cotto, viceversa lasciate cuocere ancora un pochino).

Sfornate, fatelo riposare dieci minuti nello stampo, poi sformate, fate raffreddare e servite.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...