lunedì 2 dicembre 2019

Spiedini di prugna e speck

Questa ricetta di antipasto è semplicissima ma gustosa e la presentazione è d’effetto.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

 
Ingredienti per 4 persone

8 fette di speck
8 grosse prugne secche morbide
8 riccioli di burro

Per guarnire
1 grossa pagnotta
8 grossi  stecchini
1 arancia

Procedimento

Piegate a ventaglio una  fetta di speck ed infilzatela  nello stecchino, aggiungete la prugna senza il nocciolo.
Infilate lo stecchino nella pagnotta e metteteci sopra un ricciolo di burro.
Continuare così fino ad ultimare gli ingredienti.
Tagliate delle fettine di arancia e guarnite il piatto come nella foto.
Buon appetito!


Qualche idea per presentare altri affettati.



Disporre su di un tagliere di legno dei fogli di alluminio accartocciati a formare una palla e distribuite sopra gli affettati come nelle foto.

Per ottenere la rosa basta fare delle striscioline di carote con il pelacarote e arrotolarle.







domenica 1 dicembre 2019

Plumcake alle noci e mirtilli senza burro e latte


Per noi italiani la parola plumcake indica  vari tipi di dolci cotti al forno in speciali stampi rettangolari a pareti alte, chiamati stampi a cassetta. Questo dolce di origine inglese a base di farina, uova, zucchero, burro e/o frutta secca o candita, talvolta con l'aggiunta di spezie e liquori,  viene servito nella prima colazione o  già tagliato a fette per accompagnare il tè del pomeriggio. Il termine plum cake deriva dal fatto che anticamente in Inghilterra si usavano come ingrediente le prugne (plum) secche. Attualmente questo dolce è chiamato fruitcake nei paesi anglosassoni. Il nome plum cake invece viene riservato negli Stati Uniti alle torte alle prugne e nel Regno Unito ad alcune specialità regionali simili ai fruitcake.
La particolarità di quello della ricetta è che è stato pensato per chi deve seguire un regime alimentare senza latticini o burro.
Non ho aggiunto nemmeno il classico olio di semi in quanto le noci ne contengono e lo rilasciano durante la cottura.
Quest’olio  o  quello delle nocciole venivano usati in tempo di guerra e non solo, in sostituzione del ben più caro e difficilmente reperibile olio d’oliva.
Il Porto (che durante la cottura perde l’alcol) sostituisce il latte e dona al dolce un gusto particolare.


 
LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per uno stampo da cm 32/35

250 gr di farina 0
250 gr di mirtilli
80 gr di noci già sgusciate
100 gr di zucchero di canna
2 uova
200 ml di Porto
10 gr di lievito per dolci (circa mezza bustina)
1 pizzico di sale

Procedimento

Lavate e asciugate delicatamente i mirtilli.
Tritate grossolanamente le noci.
Rompete l’uovo in una ciotola capiente, unite lo zucchero e un pizzico di sale. Lavorate il tutto con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto spumoso.



Unite il lievito alla farina e  incorporatela al composto di uova e zucchero alternandola con il Porto.
Lavorate con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo.


Aggiungete alla pastella i mirtilli e le noci.



Amalgamate bene e versate il composto nella tortiera rivestita da carta da forno. Spolverizzate con un cucchiaio di zucchero.


Infornate (forno preriscaldato a 180°C)  e lasciate cuocere  per circa 40 minuti.
Spegnete il forno e lasciate riposare  al suo interno il plumcake per 5 minuti.
Sfornate, lasciate raffreddare su di una gratella da dolci.


mercoledì 13 novembre 2019

Cecatelli al ragù di carne e salsiccia con crumble di ceci neri


I Cecatelli prodotti dalla Cooperativa Agricola Palazzo Piccolo di Satriano (FG)  sono un formato di pasta regionale (Puglia)  prodotta con la semola di grano duro varietà “Senatore Cappelli”. E’ un tipo di pasta  che per la sua particolare forma si presta  particolarmente ad essere condita con sughi corposi come questo ragù di carne e salsiccia, il cui gusto deciso è stato esaltato sia dalla sfumatura di vino Nero di Troia biologico delle Cantine Pirro di Troia (FG) sia dall’olio extravergine Bio  San Martino dell’Azienda Agricola Masseriola e il crumble di ceci neri dell’azienda Del Sud è il tocco finale che rende questo piatto unico.

La Cooperativa Agricola Palazzo Piccolo, le Cantine Pirro, DelSud e   l'Azienda Agricola Masseriola aderiscono al circuito Qui da Noi- Cooperative Agricole - Confcooperative



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

320 gr di Cecatelli della Cooperativa Agricola Palazzo Piccolo
150 gr di carne di manzo tritata
150 gr di salsiccia
3 cucchiai di crumble di ceci neri Del Sud
400 gr. di passata di pomodoro
1 cucchiaio di conserva,
1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
1 rametto di rosmarino
2 foglie di salvia
2 foglie d'alloro
1 spicchio d'aglio
1 quarto di bicchiere di Nero di Troia Rosso delle Cantine Pirro
1 bicchiere di acqua calda
4 cucchiai d’olio d’oliva extravergine San Martino ( Azienda Agricola Masseriola)
Sale e pepe q.b.



Procedimento

Lavate e tagliate a cubettini la carota, la cipolla, il sedano e l'aglio (o lasciatelo intero se preferite e toglietelo a fine cottura), tritate gli aghi del rosmarino e la salvia.
In una casseruola fate scaldare 4 cucchiai d’olio, unite gli ortaggi e gli aromi e fate dorare  a fuoco dolce per 5 minuti.
Aggiungete la carne tritata,  la salsiccia spellata e sminuzzata e fate rosolare a fuoco vivo.
Quando  il tutto sarà  ben rosolato e tutto l'eventuale liquido prodotto si sarà asciugato, versate il vino Nero di Troia e lasciate sfumare  a fuoco vivo per 2/3 minuti.
Aggiungete la passata di pomodoro, il cucchiaio di conserva, le foglie di alloro,il bicchiere d'acqua calda, il sale e il pepe.
Coprite e fate cuocere a fuoco bassissimo per 40/50 minuti.


Scaldate abbondante acqua salata fino a raggiungere il bollore poi  tuffateci i Cecatelli.
Quando saranno cotti condite con il ragù e distribuite sopra il crumble di ceci neri.
Servite subito e accompagnate il piatto con il Nero di Troia.

Contattate subito le aziende per acquistare i loro ottimi prodotti!





Si ringraziano le cooperative e le aziende per la fornitura degli ingredienti per la realizzazione della ricetta.

giovedì 7 novembre 2019

Creme brulèe ai frutti di bosco


La crème brûlée (cioè crema bruciata in francese), è una crema formata da una base di crema inglese cotta, sormontata da una sfoglia croccante di zucchero caramellato. La crema inglese utilizzata è a base di panna liquida e di latte e, a differenza della crema pasticcera, non contiene alcun tipo di amido.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

80 gr di frutti di bosco tra more e mirtilli
4 lamponi
500 ml di panna fresca
130 ml di latte
8 tuorli
120 gr di zucchero di canna
1 pizzico di cannella

Procedimento

Sbattete molto bene i tuorli con lo zucchero.
Versate la panna e il latte in un pentolino e portate lentamente  ad ebollizione rimestando continuamente.
Togliete dal fuoco e versate a filo sul composto di uova e zucchero mescolando con una frusta per evitare grumi e riempite 4 cocottes, unite metà dei frutti di bosco, meno i lamponi e sistemate all’interno di una teglia piena di acqua calda.
Fate cuocere a 160°C in forno statico per un’ora.
Lasciate raffreddare la crème brulée a temperatura ambiente poi sistemate le cocottes in frigo per due ore.
Prima di servire cospargete la superficie con lo zucchero e caramellatelo con il cannello da cucina o, in alternativa, utilizzate il grill del forno
Distribuite sulla crema i rimanenti frutti di bosco e servite.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...