sabato 13 agosto 2022

Croissant brie fichi e rucola

 

I fichi sono dei frutti molto dolci, dalla caratteristica forma a goccia, dal diverso colore e spessore della buccia secondo le varietà. I più diffusi sono: il fico nero, il fico verde e quello viola.

Maturano da giugno a settembre e in realtà quello che noi conosciamo non è il frutto, ma l’infiorescenza, all’interno del quale sono contenuti i veri frutti, cioè dei piccoli acheni immersi nella polpa.
Possiedono notevoli proprietà nutritive, sono ricchi di vitamina A, B1, B2, C, di sali minerali (potassio, ferro, cromo, calcio) e di fibre che sono utili a riequilibrare i disturbi intestinali legati alla stitichezza. Contengono un’alta percentuale di polifenoli (sostanze antiossidanti) che contrastano i rischi di malattie tumorali e cardiovascolari.  Il loro consumo è particolarmente indicato per i bambini, gli anziani, le donne incinte e gli atleti. Sono controindicati per i diabetici e gli obesi a causa dell’alto contenuto di calorie e di zuccheri.
I fichi freschi forniscono circa 65 calorie per 100 grammi.
Quelli secchi arrivano a fornire 280 calorie per grammi.

 



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone

4 croissant

8 fichi neri non troppo maturi
200 gr di formaggio Brie
50 gr di rucola 

Procedimento


Lavate e asciugate la rucola.
Pulite la buccia dei fichi con della carta da cucina inumidita e ricavate tre fette da ogni fico.
Tagliate a fettine il Brie.
Tagliate a metà i croissant e distribuite delle fettine di formaggio, sovrapponete le fette di fico e la rucola.
Sono buonissimi così, ma se volete, potete passarli in forno per due minuti.

venerdì 5 agosto 2022

Gazpacho

Il gazpacho è una zuppa fredda a base di verdure crude; tipica ricetta spagnola  servita in varie varianti, la più famosa è quella andalusa che prevede anche l’uso di peperoni  dolci, aglio, cetrioli e pane.
Il suo consumo è ideale nelle giornate più calde e può essere servito come primo piatto o come antipasto presentato in piccoli bicchieri e accompagnato da qualche croccante cubetto di pane abbrustolito.
Questa che vi propongo è una versione più semplice senza pane e peperoni, più adatta ad essere servita come antipasto.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 6 persone

 
1 kg di pomodori
1 cetriolo grande o 2 piccoli
1 spicchio d’aglio
8 ciuffetti di basilico tritati
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
Il succo di 1 limone
4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
Sale e pepe q.b.
12 cubetti di ghiaccio 

Procedimento

Lavate e spelate i pomodori, eliminate tutti i semi e tagliateli a dadi.

Spuntate il cetriolo, sbucciatelo e dividetelo a pezzi.
Pelate lo spicchio d’aglio.
Versate tutto nel bicchiere del robot da cucina, unite il basilico, il prezzemolo, l’aglio, due cucchiai d’olio e frullate finché non otterrete un composto omogeneo.
Unite il succo del limone filtrato, salate, pepate.
Tenete in frigo fino al momento di portare a tavola.
Al momento di servire aggiungete l’olio rimasto e mescolate bene.
Distribuite il gazpacho in sei bicchieri, ponete in ognuno due cubetti di ghiaccio e guarnite ogni bicchiere con un ciuffetto di basilico e una dadolata di pomodori e cetriolo.
Se preferite servite a parte una ciotola con i cubetti di ghiaccio in modo che i commensali che desiderano il gazpacho addirittura gelato se ne serviranno.

 

 

 

 

 

 

martedì 2 agosto 2022

Confettura di cipolla rossa di Tropea

La cipolla rossa (allium cepa) coltivata tra i comuni in provincia di Vibo Valentia di Cosenza e lungo la fascia tirrenica è denominata cipolla rossa di Tropea. La caratteristica principale che contraddistingue quest’ortaggio, oltre al bellissimo colore, è la dolcezza dovuta alle particolari sostanze contenute nei terreni di queste zone che la rendono ricca di zuccheri quali glucosio, fruttosio e saccarosio.
E’ ricca di vitamina C e di vitamina E, di selenio, ferro, iodio, zinco e magnesio.
Grazie ai composti solforati e al cromo possiede proprietà anticoagulanti e antibiotiche, nonché attività ipoglicemizzante e di contenimento dei livelli ematici di colesterolo e trigliceridi. Il succo è considerato diuretico. Grazie ai numerosi flavonoidi presenti sembrano avere effetti anticancerogeni specialmente per il cancro allo stomaco.
E’ ipocalorica; 100 gr di prodotto forniscono circa 20 calorie.




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 vasetti tipo Bormioli da 250 gr

1 kg di cipolle rosse di Tropea
300 g di zucchero
1 bicchiere di Moscato
50 ml di aceto balsamico

Qualche rametto di timo fresco


Procedimento

Innanzitutto è necessario preparare e sterilizzare  i vasetti.

Per sterilizzarli potete utilizzare vari metodi, personalmente utilizzo il seguente:
Lavo  i vasetti e i coperchi con acqua calda e detersivo, li sciacquo molto bene sempre con l’acqua calda e li asciugo.
Accendo il forno a 100 gradi (non di più perché si rischia di rompere il vetro), quando la temperatura è raggiunta, spengo il forno,   posiziono i vasetti e i coperchi assicurandomi che non si tocchino e li lascio lì per 20/25 minuti. Trascorso il tempo, li tolgo usando i guanti e invaso la confettura caldissima, poi chiudo ermeticamente e lascio raffreddare su dei sottopentola. Lo sbalzo di temperatura potrebbe far rompere i vasetti.

Pelate, lavate e asciugate perfettamente le cipolle. affettatele finemente e mettetele in una pentola d’acciaio (assolutamente non di alluminio), aggiungete l’aceto balsamico, il vino, gli aghetti di timo  e lo zucchero. Lasciate macerare per 4 o 5 ore poi mettete sul fuoco e lasciate cuocere per circa un’ora, mescolando spesso. La confettura avrà raggiunto la cottura ideale quando, mettendola su un piattino e inclinandolo, non scivolerà ma tenderà a restare attaccata alla superficie.
Invasate e chiudete subito i barattoli con il loro coperchio. Lasciate passare una ventina di giorni prima di consumare.
Questa confettura è ottima sui formaggi stagionati, sulle carni bollite, sui salamini cotti.

 

mercoledì 27 luglio 2022

Garganelli con spada e ortaggi

Il pesce spada appartiene alla categoria dei pesci così detti “azzurri”, possiede carni magre delicate, molto pregiate.
E’ ricco di acidi grassi essenziali (Omega3), di vitamine del gruppo B, di retinolo (vitamina A), di sali minerali come  il potassio, il fosforo, il selenio e di proteine ad alto valore biologico.
garganelli sono un prodotto tipico dell’Emilia-Romagna. Si tratta di un formato di pasta all’uovo, ottenuta ripiegando delle piccole losanghe di pasta e ripassandole su di un apposito utensile per realizzare la caratteristica rigatura.
L’unione del pesce con la pasta e gli ortaggi fanno di questo piatto un piatto unico, ricco di sapori e di nutrienti, a tutti gli effetti un “piatto della salute”.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

320 g di garganelli

2 fette di pesce spada spesse
2 zucchine scure non troppo grandi
20 pomodorini
1 carota
1 spicchio d’aglio
4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
1 piccolo mazzetto di prezzemolo
1 cucchiaio di capperi
Sale q.b.

Procedimento

Lavate il prezzemolo, sgrondatelo e tritatelo con i capperi.

Lavate i pomodorini e tagliateli a spicchi.
Lavate le zucchine, spuntatele e tagliatele a cubetti.
Pelate la carota, lavatela e tagliatela a striscioline non troppo sottili.
Togliete la pelle al pesce spada e tagliatelo a cubetti.
Scaldate 4 cucchiai d’olio in un ampia casseruola , unite lo spicchio d’aglio e le striscioline di carota. Fate cuocere per cinque minuti.
Aggiungete i cubetti  di zucchine e fate cuocere per altri cinque minuti.
Unite anche i pomodorini e continuate la cottura per altri cinque minuti.
Aggiungete il pescespada ,il trito di prezzemolo e capperi, salate e fate cuocere ancora per tre minuti ( il pesce spada non deve cuocere troppo o diventa stopposo).
Portate ad ebollizione 2 litri due litri di acqua salata e tuffateci i garganelli.
Quando saranno al dente, scolateli e fateli saltare con il condimento per un minuto.
Servite subito.

lunedì 11 luglio 2022

Insalata di mare a modo mio

L’insalata di mare è uno dei piatti più conosciuti ed amati che viene preparata in numerosissime varianti poiché ognuno ha la sua e questa è la mia.
Il segreto nel presentare una bella insalata di mare consiste nel tagliare i molluschi quando sono freddi, diversamente si sfilaccerebbero.
Una volta preparata richiede un riposo in frigorifero di almeno un’ora e l’ideale sarebbe prepararla il giorno prima in modo che si insaporisca bene.
Infine vi consiglio di usare, se possibile, del pesce fresco.




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

900 g di polpo
500 g di seppie
200 g di cozze
1 cipolla rossa di Tropea
1 mazzetto di prezzemolo
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di capperi sott’aceto
150 g di olive nere tagliate a rondelle
Qualche foglia di basilico per guarnire
Olio extravergine d’oliva q.b.
Succo di mezzo limone
Aceto di mele o di vino bianco q.b.
Sale fino e pepe bianco q.b.
 
Procedimento

Lavate le cozze, raschiate i gusci ed eliminate il bisso. Mettetele a spurgare per circa un’ora in una ciotola con acqua  fredda  a cui avrete aggiunto un cucchiaio di sale grosso.
Lavate bene il polpo e ponetelo, con uno spicchio d'aglio e il succo di mezzo limone, in una pentola senza aggiungere acqua (cuocerà nei suoi liquidi).
Mettete il coperchio e cuocete per 40 minuti a fuoco bassissimo, ogni tanto muovetelo dolcemente. 
Lasciatelo raffreddare nella sua acqua.
Nel frattempo preparate la salsina per il condimento.
Lavate il prezzemolo, sgrondatelo bene e tritatelo con lo spicchio d’aglio rimasto e i capperi. Ponete il trito in una ciotola e versate un po’ d’olio. Mescolate bene.
Pulite e lavate le seppie.
Portate a ebollizione una pentola d’acqua, immergeteci le seppie e fatele cuocere per dieci minuti.
Scolate le cozze e sciacquatele.
In una casseruola versate due cucchiai d’olio, lo spicchio d’aglio schiacciato e un rametto di prezzemolo tritato, unite le cozze, coperchiate e fate cuocere a fuoco vivace per cinque minuti. Tutte le cozze dovranno aprirsi, non mangiate quelle chiuse ma gettatele.
Togliete il molluschi dai gusci e metteteli in una capiente ciotola.
Scolate il polpo poi togliete la pelle e le ventose, tagliatelo a tocchetti e mettetelo in una ciotola.
Scolate le seppie e tagliatele a listarelle  unitele al polpo.
Pulite la cipolla e tagliatela a rondelle sottili e  mettetela nella ciotola con i molluschi.
Aggiungete le olive,  il succo del mezzo limone rimasto, un po' di aceto bianco, la salsina di prezzemolo, un paio di cucchiai d’olio, aggiustate di sale e di pepe (quest’ultimo è facoltativo)
Mescolate e lasciate riposare almeno un’ora in frigorifero e servite.

sabato 2 luglio 2022

Insalata esotica

L’avocado è l’unico alimento che possiamo classificare come frutta, come grasso e come vegetale. E’ un frutto, ma si utilizza in cucina, soprattutto nei paesi in cui nasce ed è   grasso, infatti  100 gr di prodotto edibile (senza buccia) forniscono circa 230 calorie.
Nessun alimento accomuna queste caratteristiche. Originario dell’America Centrale, l’avocado o “aguate”, come era in origine il suo nome spagnolo, faceva parte dell’alimentazione  degli indigeni Atzechi e Maya.
La principale caratteristica nutrizionale di questo frutto consiste nella sua ricchezza di grassi, specialmente insaturi , come l’acido grasso linoleico ed  Omega-3, grassi “buoni” poiché stimolano la produzione di colesterolo buono (HDL) che aiuta a contrastare quello cattivo (LDL).
Grazie a questa proprietà, il consumo dell’avocado aiuta a diminuire il colesterolo nel sangue e quindi è di ausilio per prevenire l’arteriosclerosi e i disturbi circolatori.
E’ ricco anche di fitonutrienti, di glutatione e luteina, che sono  elementi antiossidanti e di vitamina A e vitamina E ed è altresì ottimo per i diabetici perché possiede la capacità di rallentare l’assorbimento del glucosio a livello intestinale.
Molte sono le ricette che prevedono l’utilizzo di quest’alimento, specialmente quelle messicane.
Quando acquistate l’avocado controllate che la buccia sia di un bel verde scuro, senza ammaccature e, premendo leggermente, deve essere  un po’ morbido. Se è troppo duro, non è ancora maturo.

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


 Ingredienti per 4 persone:

2 avocado

400 g di gamberi
1 cipolla di Tropea
15 mandorle
125 g di rucola
Succo di limone q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale fino q.b.

Procedimento

Sciacquate i gamberi e fateli lessare  in acqua acidulata con un po' di limone per due minuti a partire dal bollore.  Scolateli, eliminate il carapace e, aiutandovi con uno stecchino, togliete anche il filetto nero sul dorso.

Lavate e sgrondate la rucola.
Pulite la cipolla e tagliatela prima a rondelle e poi a cubetti.
Tritate le mandorle.
Preparate un’emulsione (vinaigrette) amalgamando  cinque cucchiai d’olio, sale, e un cucchiaio di succo di limone.
Unite le mandorle tritate e mischiate bene.
Lavate gli avocado, asciugateli poi tagliateli a fette  e bagnatele con un po’ di succo di limone per evitare che anneriscano.
Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola  o in piatti individuali, condite con l’emulsione e servite.

giovedì 16 giugno 2022

Confettura di nespole

Uno dei frutti che caratterizzano la primavera è la nespola. Simile nella forma alle albicocche ha in realtà gusto e caratteristiche ben diverse. Esistono due tipi di nespole: le nespole comuni e le nespole del Giappone:  le prime sono originarie del bacino del Mediterraneo e si sono poi diffuse anche in America specialmente in California. In Italia questa coltivazione è diffusa prevalentemente in Sicilia e maturano nei mesi di aprile e maggio. Le nespole sono dei frutti particolari che non maturano sull’albero, ma vanno raccolte acerbe e conservate al caldo per completare la maturazione come ci ricorda la saggezza popolare con il famoso proverbio; “Col caldo e con la paglia si maturano le nespole”. 
Questo frutto ha ottime qualità che consentono di riequilibrare l’intestino; possiedono un’azione astringente quando sono acerbe, lassativa quando sono mature.
Contengono molta vitamina C, tannino, acido tartarico, acido acetico, antiossidanti e zuccheri.
Si utilizzano, oltre che al naturale, anche per preparare deliziose torte, mousse, liquori ed elisir.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 6 vasetti circa da 250 gr cad tipo Bormioli

2 kg di nespole

800 gr di zucchero di canna
1 limone non trattato

Procedimento

Lavate accuratamente  con l’acqua calda i vasetti e i relativi coperchi (cambiateli ogni volta che riutilizzate i vasetti) e asciugateli perfettamente.

Lavate le nespole, sbucciatele e togliete i noccioli (potete utilizzarli per preparare un ottimo liquore: il nespolino) tagliatele a metà e mettetele in una pentola adatta in acciaio inox o ceramica (non utilizzate l’alluminio).
Terminata l’operazione aggiungete il succo del limone, la scorza dello stesso  a striscioline (solo la parte gialla, state attenti a non prelevare la 
parte bianca (albedo) che renderebbe amara la confettura) e lo zucchero.

Mescolate e lasciate riposare per un paio d’ore.
Trascorso il tempo ponete la pentola sul fuoco molto basso. Fate cuocere adagio adagio, mescolando e schiumando.

Quando la confettura raggiungerà la giusta densità  (fate la prova versando un po’ di confettura in un piatto ed inclinandolo, se non scorre è perfetta), toglietela dal fuoco e invasatela immediatamente nei vasi, chiudeteli ermeticamente e conservateli all’asciutto e all’oscuro.


Sentiamo spesso parlare di marmellate, confetture e composte, ma in che cosa si differenziano?

La marmellata è un prodotto fatto di zucchero e agrumi (arancia, mandarino, limone, cedro, bergamotto, pompelmo) in cui la percentuale di frutta sia almeno il 20%. Le parti di agrumi utilizzabili sono polpa, purea, succo, estratti acquosi e scorza.

La confettura è un   prodotto contenente zucchero e polpa (o purea) di tutti gli altri tipi di frutta. La percentuale di frutta non è in generale inferiore al 35% (con differenze anche notevoli a seconda del frutto usato), ma sale al 45% nel caso della “confettura extra“.

La composta. In questo caso si ritiene che la percentuale di frutta non debba essere inferiore ai due terzi. Nella composta lo zucchero aggiunto è sensibilmente minore, così come il conseguente apporto calorico.

Le confetture, come le marmellate e le composte, sono semplicissime da preparare, ma bisogna porre molta attenzione ai contenitori che devono essere sempre ben lavati con acqua bollente e sterilizzati prima dell’utilizzo; i coperchi devono essere nuovi per garantire la chiusura ermetica.

Per sterilizzarli potete utilizzare vari metodi, personalmente utilizzo il seguente:

Lavo  i vasetti e i coperchi con acqua calda e detersivo, li sciaquo molto bene sempre con l’acqua calda e li asciugo.
Accendo il forno a 100 gradi, raggiunta la temperature lo spengo e posiziono i vasetti e i coperchi assicurandomi che non si tocchino. Chiudo il forno e li lascio lì per 20/25 minuti. Trascorso il tempo, li tolgo usando i guanti e invaso la confettura caldissima, poi chiudo ermeticamente e lascio raffreddare su dei sottopentola. Lo sbalzo di temperatura potrebbe far rompere i vasetti.

 

mercoledì 15 giugno 2022

Liquore Nespolino

Il Nespolino è un liquore ricavato, come dice il nome stesso, dai noccioli delle nespole. Possiede un aroma intenso che ricorda quello del liquore amaretto, il suo colore è ambrato e il gusto estremamente gradevole.
Si serve a fine pasto come digestivo o per accompagnare dei dolci o per preparare dei dolci (in questo caso allungatelo con il triplo dell’acqua se lo utilizzate per imbibire un pan di spagna: Es. 50 ml. di Nespolino 150 ml di acqua).
Come tutti i liquori ha una lunga preparazione ma, credetemi, ne vale la pena.
Un invecchiamento lungo ( uno o due anni) rende il suo profumo ed il gusto ancora più intenso.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


 Ingredienti per  circa 1 lt e mezzo di liquore

 
280 g di noccioli di nespole
500 ml di alcool puro a 96°
1 litro di acqua
500 g di zucchero di canna
 

Procedimento

Per ottenere 280 g di noccioli occorreranno circa 1 kg  e mezzo di nespole.

A questo punto avete 2 alternative, o mangiate le nespole e tenete i noccioli o con la polpa delle stesse fate una confettura o una cheesecake.
Qualunque sia la vostra scelta, pulite i noccioli da eventuali residui di polpa e fate asciugare all’ombra per 3 giorni o più finchè non saranno perfettamente asciutti.



Metteteli in un vaso a chiusura ermetica, aggiungete l’alcool e lasciate macerare al buio per 40 giorni scuotendolo due volte al giorno.





Trascorso il tempo della macerazione versate lo zucchero nell’acqua , portate ad ebollizione girando spesso, spegnete il gas e lasciate raffreddare.
Nel frattempo filtrate l’alcool per eliminate i noccioli e le eventuali impurità, versatelo  nello sciroppo  di acqua e zucchero freddo, mischiate e  e imbottigliate.
Usate delle  bottiglie ,perfettamente pulite e sterilizzate, con la chiusura ermetica.  Personalmente ho utilizzato quelle della Bormioli.
Lasciate riposare sempre al buio per circa due mesi. Sul fondo si formerà un deposito, quindi filtrate utilizzando una garza sterile e imbottigliate.
Finalmente potrete gustare il vostro Nespolino a fine pasto come digestivo o aggiunto al gelato  o utilizzarlo nella preparazione di dolci.




sabato 11 giugno 2022

Risotto con peperoni, gamberi e cozze

gamberi sono apprezzati di solito anche da chi non ama il pesce. Tolto il carapace, non hanno le spine e sono pronti da gustare.
Dal punto di vista strettamente calorico, i gamberetti sono assimilabili al pesce bianco: 100 g di prodotto apportano tra le 80 e le 90 calorie. Dal punto di vista dei nutrienti, sono principalmente una fonte di proteine, sali minerali (iodio, zinco, ferro, calcio, fosforo e magnesio) e vitamine (B1, B2, PP e astaxantina, una provitamina A fortemente antiossidante). I grassi sono minimi (si parla dell’1 o 2%) e per lo più si tratta di acidi grassi polinsaturi (PUFA) e omega 3, un acido grasso essenziale. Attenzione, però, a chi soffre di ipertensione o eccessiva ritenzione idrica: tra i valori nutrizionali dei gamberetti di mare (esistono anche quelli di fiume) una voce critica è il contenuto di sodio, che è abbastanza elevato.
Come tutti i crostacei, anche la famiglia dei gamberi presenta un elevato contenuto percentuale di colesterolo, che però si ridimensiona se si considera la questione in termini assoluti. Questo significa che sono assolutamente adatti anche a chi è a dieta, mentre chi soffre di ipercolestemia dovrebbe fare solo un po’ più di attenzione e valutare con il medico la porzione consentita. Si sa, infatti, che in realtà solo il 25% del colesterolo viene assunto per via alimentare, mentre il restante viene prodotto dall’organismo stesso.
I gamberi possono essere bianchi o rossi, di mare oppure di acqua dolce. Le mazzancolle, spesso assimilate a questi crostacei, sono in realtà un’altra specie, che si distingue sia per il colore (non è rosa, ma ha delle striature nere) sia per le dimensioni leggermente superiori. Dal punto di vista organolettico sono più pregiate e saporite dei gamberi.

Fonte: La cucina italiana

 


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

300 gr di riso Carnaroli
80 gr di peperone rosso (1 grossa falda)
80 gr di peperone giallo (1 grossa falda)
250 gr di code di gamberi (circa 28/30 code)
400 gr di cozze
150 gr di pomodorini tipo Pachino
1 bicchierino di vino bianco
1 spicchio d’aglio
1 mazzettino di prezzemolo
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale q.b.
Peperoncino q.b. (facoltativo)
 

Procedimento

Innanzitutto preparate le cozze, eliminate quelle già aperte o con il guscio rotto poi fatele spurgare mettendole a bagno in acqua e sale per 2 ore.

Nel frattempo preparate gli altri ingredienti.
Lavate i pomodorini, tagliateli a metà e togliete i semi.
Lavate il prezzemolo e tritatelo con lo spicchio d’aglio.
Lavate le code di gambero, tenetene otto da parte e sgusciate le altre, togliete il filetto nero e tagliatele a pezzetti di circa 1 cm.
Tagliate le falde dei peperoni a dadini.
Trascorso il tempo, togliete le cozze dall’acqua, raschiate i gusci per eliminare le impurità e  togliete il bisso (la barbetta che fuoriesce dal guscio).
Risciacquate bene.
In una casseruola scaldate  3 cucchiai d’olio,  aggiungete le cozze, un po’ del trito di prezzemolo e aglio,  fatele cuocere a fuoco vivace  finché saranno tutte aperte (5 minuti).
Gettate quelle che non si sono aperte, togliete il mollusco e filtrate il liquido di cottura e tenetelo da parte. Se volete potete tenere qualche cozza con il guscio per guarnire.
Scaldate  quattro cucchiai d’olio, gettateci il riso e fatelo tostare poi unite il liquido filtrato delle cozze e un pochino d’acqua , ne aggiungerete dell’altra, poca alla volta, durante la cottura. Non salate essendo il liquido delle cozze già salato.
Nel frattempo che il riso cuoce ultimate il sugo.
Scaldate 4 cucchiai d’olio  in una casseruola capiente, unite il trito di prezzemolo e aglio, aggiungete le otto code di gambero e fatele insaporire per due minuti.


Versate il vino e sfumate ancora per un minuto. Togliete le code di gambero e tenetele da parte (vi serviranno per guarnire).
Aggiungete al fondo di cottura la dadolata di peperoni e lasciateli cuocere a fuoco dolce per dieci minuti (dovranno diventare morbide).

 


Unite i pomodorini, salate leggermente e lasciate cuocere ancora per cinque minuti, aggiungete i pezzi delle code di gambero, il peperoncino e continuate la cottura per cinque minuti, spegnete il gas e aggiungete le cozze.
Scolate il riso  cinque minuti prima della fine della cottura, versatelo nella padella con il sugo e amalgamate. Impiattate, distribuite le code di gambero intere, spolverizzate con un po’ di prezzemolo tritato, servite subito.

 

 

lunedì 6 giugno 2022

Crema di mozzarella e confit

I pomodori Pachino sono  delle  eccellenze del made in Italy agroalimentare tra le più apprezzate e consumate. Dolci e profumati, ipocalorici e ricchi di nutrienti, ciliegino e datterino oltre che gustosi e salutari sono molto versatili in cucina. Anche se simili per composizione e aspetto questi due tipi di pomodorini non sono esattamente uguali: le loro caratteristiche e differenze possono renderli ognuno più adatto dell’altro per la realizzazione di determinati piatti.
La varietà datterino  (usata in questa ricetta) contiene meno acqua rispetto al ciliegino; tutti e due hanno un gusto molto dolce, “corretto” comunque da un giusto grado di sapidità grazie alle caratteristiche dei terreni vicino al mare in cui sono coltivati.
E’ ricco di licopene , minerali e vitamina c.
Fonte:  Artimondo
 

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:
 
250 g di mozzarella
2 cucchiai di latte
300 g di pomodorini Pachino tipo Datterino
Timo q.b.
Origano q.b.
Zucchero q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.
 
 
Procedimento
 
Lavate e asciugate il pomodorini.
Divideteli a metà senza togliere i semi.
Deponeteli su della carta da forno messa sulla leccarda.
Salate e versate un po’ d’olio sui mezzi pomodorini.

Spolverizzate con il timo e l’origano  e distribuite un pochino di zucchero.
Infornate a 100°C (forno ventilato preriscaldato) per circa 2 ore.
Sfornate lasciate raffreddare.

                                 
Mettete la mozzarella tagliata a pezzetti nel frullatore, aggiungete il latte, un cucchiaio d’olio e frullate fino ad ottenere una morbida crema.
Componete le ciotoline mettendo sul  fondo qualche pomodorino, ricoprite con la mousse di mozzarella, distribuite un filo d’olio e un po’ dell’olio di cottura dei pomodorini e servite.
I pomodorini che avanzano metteteli in un contenitore di vetro, aggiungete un po’ d’olio, chiudete con il coperchio e mettete in frigorifero.
Si manterranno per 3 o 4 giorni.
 
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...