martedì 12 dicembre 2017

Calzoncelli alle mandorle

I Calzoncelli o “Cuscini degli angeli” sono tra i dolci più antichi della tradizione natalizia pugliese; sono considerati dolci tipici natalizi della provincia di Foggia, ma sono diffusi anche in altre zone della regione; a Turi ad esempio non lontano da Bari, i calzoncelli sono chiamati proprio “Chusscine de Ge’su’ Ba’mmine” (“Cuscino di Gesù Bambino”): qui il ripieno è composto da ceci cotti e passati, mescolati con cioccolata fondente e liquore.
Le caratteristiche sono la forma a cuscinetto e il colore giallo scuro dovuto alla doratura della frittura, ma possono essere di diverse forme e dimensioni.
I Calzoncelli sono quindi dei dolcetti di pasta sfoglia fritti, farciti: all’interno sono di colore marrone perché il ripieno classico è fatto con le castagne, uno dei due ingredienti principali insieme al miele, meglio se di fiori di ciliegio.
Ma ci sono diverse varianti di questo dolce che si riferiscono all’uso di ingredienti diversi per il ripieno: si possono preparare con ripieno di ceci passati e cioccolato o di marmellata di uva o di mele cotogne, certo è che tutti gli ingredienti di questo dolce sono di origine naturale.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti:

Per la pasta:
600 gr di farina 00
100 gr di zucchero
50 gr di olio extravergine
2 uova
Sale q.b.
Vino bianco q.b.

Per il ripieno:
400 gr di mandorle pelate e tostate
250 gr di zucchero
Scorza di limone non trattato
200 gr di cioccolato fondente


Procedimento
Su una spianatoia disponete la farina a fontana, fate un buco al centro e versate l’olio, il sale lo zucchero e le uova leggermente sbattute; amalgamate il tutto  e di impastate aggiungendo poco alla volta con il vino bianco, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo; avvolgete  l’impasto con la pellicola e lasciatelo riposare per un’ora.
Intanto preparare il ripieno:
Nel bicchiere del frullatore mettete le mandorle, lo zucchero, la scorza di limone e il cioccolato e frullate tutto fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio.
Stendetelo su di un piano e formate un salsicciotto spesso circa 1 cm poi tagliatelo in cilindretti di circa 4 cm.
Riprendete l’impasto e stendetelo fino ad ottenere una sfoglia molto sottile (2 mm)
tagliate delle strisce larghe circa 8 cm e disponete al centro il ripieno  e lasciando uno spazio  tra un cilindretto e  di ripieno e l’altro. Piegare la striscia di sfoglia su se stessa e con una rotella dentellata ricavate i calzoncelli.
Friggete in olio ben caldo per pochi secondi da entrambi i lati finché non saranno leggermente dorati. Metteteli su carta assorbente da cucina per eliminare l’unto in eccesso.
 Potete consumarli così o intinti nel vincotto riscaldato.
.
Se  preferite potete  cuocerli in forno:  coprire la superficie di zucchero a velo e cannella e infornate i calzoncelli a 200°  (forno già caldo) per 10-15 minuti.
Si possono conservare per circa 15-20 giorni.





domenica 10 dicembre 2017

Ambrosia ripiena al forno

La mela al forno è un fine pasto che nulla ha da invidiare ad altri dessert; delicato, leggero, gustoso, è  ideale per chi vuole qualcosa di sfizioso a fine pasto ma non vuole appesantirsi.
Un dolce che è un conforto per il palato, coccola ed è facile da digerire e ci rimanda ai tempi passati, ai nostri nonni , al calore di un camino nelle fredde sere d’inverno con la famiglia raccolta attorno al desco.
Le mele Ambrosia sono l’ideale per questo tipo di preparazione grazie alla loro dolcezza e croccantezza che ben si  sposa con gli altri ingredienti e  si presta  in modo eccellente alla cottura.
Questa mela per le sue caratteristiche può essere definita a ragione il frutto degli Dei.
Succosa, croccante e aromatica ha come caratteristica principale il multicolore essendo circa per il 75% rossa e con uno sfondo giallo crema che la rendono molto gradevole alla vista.
La caratteristica è dovuta al fatto di essere nata per caso in Canada, nello stato della British Columbia, alla fine degli anni ‘80 grazie ad un incrocio naturale,ossia non generata e prodotta in laboratorio, molto probabilmente tra la Red Delicious (mela rossa) e la Golden Deliciuos (mela gialla) e la Jonagold.
E’ di dimensioni medio- grandi (220-280 gr) molto gustosa e profumata.
Ricca di flavonoidi, fibre e di un elevato numero di tannini, la mela Ambrosia è l’ideale per aiutare il nostro corpo a mantenersi sano.
Matura tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre, a seconda della regione di coltivazione. Per sviluppare la massima lucentezza ha bisogno di notti fresche e di giornate calde e assolate come quelle della Val Venosta, habitat ideale per la sua coltivazione.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:



4 mele Ambrosia
10 amaretti
30 gr di uva passa
20 nocciole Tonda Gentile del Piemonte tostate
20 noci
Un cucchiaio di cacao
Un limone non trattato
2 cucchiai di zucchero di canna
4 cucchiaini di miele d’acacia
20 cl di rum ( un bicchierino)
Un pizzico di cannella
Un bicchiere d’acqua
Burro q.b.

Procedimento
Mettete a bagno l’uvetta per 15 minuti.
Tritate grossolanamente le nocciole e le noci e metteteli in una ciotola insieme all’uvetta strizzata.
Spremete il limone e filtrate il succo.
Lavate bene le mele, tagliate la calotta superiore e scavate delicatamente l’interno, Spruzzate un po’ di succo di limone per evitare che annerisca.





Liberate  la polpa delle mele dai semi , tagliuzzatela,  irroratela  con il  rimanente  succo,   e versate tutto nella ciotola con la frutta secca, aggiungete un cucchiaio di zucchero e la cannella.

In una padella antiaderente sciogliete  una noce di burro e versate tutto il contenuto della ciotola, fate stufare per 2 minuti poi unite il rum e fate cuocere per 7/8 minuti.


Versate tutto in una ciotola, lasciate intiepidire e unite gli amaretti tritati finemente e il cacao.




Riempite con il composto le mele e mettetele in una pirofila.
Distribuite dei fiocchi di burro  e un cucchiaino di miele su ogni mela.


Versate sul fondo il bicchiere d’acqua, un cucchiaio raso di zucchero e un goccio di rum.
Infornate a 180°C per 30/35 minuti.
Sfornate, irrorate le mele con il succo di cottura,  lasciate intiepidire e servite.








giovedì 7 dicembre 2017

Canapè di salmone affumicato

Natale si avvicina , incominciamo a pensare a cosa preparare per l’occasione .
Vi propongo un antipasto semplice  e veloce da preparare  ma gustoso e coreografico.
Potete sostituire il salmone affumicato con la più economica, ma non per questo meno buona, trota salmonata affumicata.
Il salmone affumicato deriva da un metodo di conservazione che può essere effettuato in due modi dopo aver pulito ed eviscerato il pesce fresco.
Affumicatura a freddo:  il salmone viene filettato, messo sotto sale con l’aggiunta di un po’ di zucchero e infilato in contenitori di legno, viene poi  affumicato per 12 ore a una temperatura non superiore ai  20°C
Affumicatura a caldo: il salmone viene filettato e messo sotto sale e affumicato con legno di betulla a una temperatura di 120°C nei primi venti minuti, poi a 80°C per tre ore. La temperatura interna del salmone non deve mai superare i 75°C.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 16 canapè:

200 gr di robiola  fresca spalmabile
8  fette di pane nero ai cereali
150 gr di salmone affumicato
1 limone
Aneto q.b.
Pepe rosa in bacche q.b.
Olio extravergine d’oliva  Feudotto q.b.


Procedimento

Spremete il limone e mettete il succo in un bicchiere, aggiungete 4 cucchiai d’olio e mischiate bene. Mettete le fette di salmone in un piatto e irroratele con l’emulsione di limone e olio, lasciatele insaporire.
In una ciotola mettete il formaggio, un po’ di aneto tritato e il pepe rosa macinato. Lavorate con una forchetta  fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo.
Dalle fette di pane ricavate 16 dischetti aiutandovi con un coppapasta o, se non l’avete, con un coltellino affilato.
Spalmate su ogni dischetto il formaggio.
Scolate le fettine di salmone e disponetele arrotolate sopra il formaggio,inserite al centro un ciuffetto di aneto e servite.



 Consiglio: Se non amate il pane nero ai cereali potete sostituirlo con del normale pane casereccio grigliato.

lunedì 4 dicembre 2017

Sorbetto d'Ambrosia

Il sorbetto ha come caratteristica principale quella di non contenere né latte né panna né uova, ma solo esclusivamente una base di sciroppo di zucchero e polpa di frutta o liquore o caffè. Diversamente  se usiamo la componente uova-panna-latte produciamo un gelato.
Questo sorbetto alla mela , preparato con la mela Ambrosia, leggero e delicato, è ideale sia come spezza pranzo tra una portata e l’altra nei pranzi particolarmente elaborati, come quello di Natale o Capodanno sia come fine pasto.
Le mele Ambrosia sono l’ideale per questo tipo di preparazione grazie alla loro dolcezza e al profumo intenso.
Questa mela per le sue caratteristiche può essere definita a ragione il frutto degli Dei.
Succosa, croccante e aromatica ha come caratteristica principale il multicolore essendo circa per il 75% rossa e con uno sfondo giallo crema che la rendono molto gradevole alla vista.
La caratteristica è dovuta al fatto di essere nata per caso in Canada, nello stato della British Columbia, alla fine degli anni ‘80 grazie ad un incrocio naturale,ossia non generata e prodotta in laboratorio, molto probabilmente tra la Red Delicious (mela rossa) e la Golden Deliciuos (mela gialla) e la Jonagold.
E’ di dimensioni medio- grandi (220-280 gr) molto gustosa e profumata.
Ricca di flavonoidi, fibre e di un elevato numero di tannini, la mela Ambrosia è l’ideale per aiutare il nostro corpo a mantenersi sano.
Matura tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre, a seconda della regione di coltivazione. Per sviluppare la massima lucentezza ha bisogno di notti fresche e di giornate calde e assolate come quelle della Val Venosta, habitat ideale per la sua coltivazione.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone

600 gr di mele Ambrosia
300 gr di zucchero
Il succo di due limoni
200 gr di acqua


Procedimento

In un pentolino sciogliete a freddo lo zucchero nell’acqua; portate lentamente ad ebollizione, mescolando di continuo: dovrete ottenere uno sciroppo denso.
Lasciate raffreddare e aggiungete il succo di un limone.
Lavate bene le mele, tagliate la calotta superiore a tutte meno una,  scavate delicatamente le mele e le calotte. Spruzzate un po’ di succo di limone sia all’interno della coppette ottenute sia  all’interno delle calotte per evitare che anneriscano poi deponetele  capovolte in un piatto, coprite con pellicola e mettete in frigo, vi serviranno come contenitori del sorbetto.




Liberate  la polpa delle mele dai semi, sbucciate la mela rimasta tagliatela e unitela alla polpa delle altre mele, irroratele con il succo dell'altro limone per evitare che anneriscano,  frullate e unite allo sciroppo di zucchero e limone, amalgamate bene.
Mettete in freezer e dopo mezzora frullate il composto ottenuto.
Ripetete l’operazione due volte per renderlo omogeneo.




martedì 28 novembre 2017

Bocconcini di pollo con Ambrosia e curry

La mela Ambrosia per le sue caratteristiche può essere definita a ragione il frutto degli Dei.
Succosa, croccante e aromatica, ha come caratteristica principale il multicolore essendo circa per il 75% rossa e con uno sfondo giallo crema che la rendono molto gradevole alla vista.
Questa caratteristica è dovuta al fatto di essere nata per caso in Canada, nello stato della British Columbia, alla fine degli anni ‘80 grazie ad un incrocio naturale,ossia non generata e prodotta in laboratorio, molto probabilmente tra la Red Delicious (mela rossa) e la Golden Deliciuos (mela gialla) e la Jonagold.
E’ di dimensioni medio- grandi (220-280 gr) molto gustosa e profumata.
Ricca di flavonoidi, fibre e di un elevato numero di tannini, la mela Ambrosia è l’ideale per aiutare il nostro corpo a mantenersi sano.
Matura tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre, a seconda della regione di coltivazione e, per sviluppare la massima lucentezza, ha bisogno di notti fresche e di giornate calde e assolate come quelle della Val Venosta, habitat ideale per la sua coltivazione.
Ottima come snack, si presta particolarmente a numerose preparazioni culinarie, dalle fresche insalate ai secondi più corposi come questo, ai sorbetti spezza pranzo, ai dessert raffinati.
In questa ricetta il sapore dolce si sposa meravigliosamente bene al piccante del curry e la sua croccantezza fa si che rimanga compatta anche dopo la cottura garantendo anche dal punto di vista estetico un ottimo risultato.
Perché, dunque non provate a rifare questa ricetta per poi riproporla a Natale?



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

400 gr. di petto di pollo tagliato a bocconcini
2 mele Ambrosia
40 gr. di uvetta sultanina
1 cipolla
½ bicchiere di vino bianco secco
1 limone (succo)
Curry q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.
30 gr. di burro


Procedimento

Mettete l’uvetta in ammollo per 10/15 minuti.
Tagliate a cubettini la cipolla e fatela dorare in un tegame con 4 cucchiai d’olio.
Unite i bocconcini di pollo e fateli rosolare per qualche minuto.


Quando saranno ben dorati sfumate con il vino bianco poi unite l’uvetta strizzata e il curry (per il quantitativo regolatevi a seconda che preferiate il gusto più o meno piccante),  aggiungete un bicchiere d’acqua calda (deve coprire a filo), salate e fate cuocere per circa 20/25 minuti.


Nel frattempo lavate bene le mele, non sbucciatele e tagliatele  a spicchi non troppo sottili, irrorateli con il succo del limone.


In un tegame antiaderente fate sciogliere il burro, aggiungete gli spicchi delle mele, salate e fate dorare per 4/5 minuti.

Quando i cubetti di pollo saranno cotti unite le mele e insaporite per un minuto.
Servite subito.


giovedì 23 novembre 2017

Maltagliati di farina di piselli

I piselli sono comparsi in Europa intorno al Seicento, provenienti dall’Asia, ne esistono più di 250 varietà coltivate: in commercio ne troviamo di due qualità, quelli in cui i semi vanno sgranati e quelli che possono essere consumati con il baccello come le taccole conosciute anche come mangiatutto.
Si raccolgono da fine aprile a tutto maggio, hanno un discreto contenuto di vitamine (A,C e alcune del gruppo B) oltre che di potassio, magnesio e fosforo. Come tutte le leguminose , contengono sostanze non digeribile che si degradano durante la cottura.
La farina di piselli si ottiene dall’essicazione del legume e dalla sua macinatura. Può essere utilizzata in varie preparazioni dalle zuppe alle frittate, alla pasta o al pane.




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 3 persone.
200 gr di farina di piselli macinata a pietra
70 gr di farina integrale di grano duro macinata a pietra
1 uovo
1 bicchiere d’acqua
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale fino q.b.

Procedimento
Miscelate le due farine  e un pizzico di sale in una ciotola.
Unite l’uovo, l’olio e amalgamate, unite poco alla volta anche l’acqua e iniziate ad impastare nella ciotola.


Dovete ottenere un impasto dalla consistenza omogenea ma morbida, eventualmente aggiungete ancora un pochino d’acqua.
Infarinate con la farina di grano il piano di lavoro e continuate a lavorare l’impasto per qualche minuto.
Raccoglietelo a palla e lasciatelo riposare  per un’ora nella ciotola coperta dalla pellicola .


Trascorso il tempo infarinate bene il piano di lavoro e il mattarello e stendete l’impasto spolverizzandolo con la farina di grano.
Non dovete fare la sfoglia troppo sottile, altrimenti si spezza.


Tagliate la pasta in rombi o losanghe  e mettetela ad asciugare per un’ora o due.


Portate a bollore dell’acqua salate, calate i maltagliati e lasciateli cuocere per circa 6 o 7 minuti.
Scolate e condite a piacere.
Questi li ho conditi con il sugo del coniglio in umido e abbondante Parmigiano Reggiano,
ma saranno ottimo anche con un sugo “bianco” tipo cubetti di pancetta o prosciutto e Parmigiano, Burro e salvia, delle verdure ecc.




giovedì 16 novembre 2017

Cosce di pollo al miele e mandarini

Noto anche come “soffione” o “dente di leone”, il tarassaco è una pianta erbacea perenne, comune nei luoghi erbosi di pianura e montagna in tutta l’Italia del Nord. Le foglie, fresche o cotte, hanno proprietà depurative e stimolanti le funzioni epato-biliari, la radice può essere usata come diuretico e, tostata,  è stata a lungo usata come un surrogato del caffè.  
Il miele che se ne ricava si caratterizza per essere prodotto nella parte iniziale della primavera  (febbraio-maggio) nel caso in cui le colonie di api siano particolarmente grandi da poter dar luogo a tale operazione nel periodo in cui avviene la fioritura.
Per quanto riguarda le zone in cui è più facile rinvenire la produzione di miele di tarassaco, possiamo certamente sottolineare la notevole preminenza di comuni lombardi e piemontesi.
Per poter produrre questo miele, le api devono avere un'ottima resistenza e devono essere realmente attive nel momento in cui termina la stagione invernale e inizia quella primaverile.
Il miele di tarassaco si produce sopratutto nel corso del mese di giugno e si caratterizza per avere un colore tipicamente giallo vivo o beige crema: nel secondo caso si caratterizza per essere mischiato con del miele di salice.
Tra le sue peculiarità  troviamo anche il fatto di avere una cristallizzazione estremamente veloce e che, nella maggior parte dei casi, si verifica con dei cristalli notevolmente fini.
L'odore del miele di tarassaco è notevole ed intenso e  viene impiegato principalmente come vero e proprio miele da tavola: ci sono tantissime persone che lo preferiscono al miele tradizionale.

Fonte: www.giardinaggio.net






LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

8 cosce di pollo
10 mandarini
3 cucchiai di miele di Tarassaco La Margherita
2 cucchiai di aceto di mele
4 rametti di rosmarino
1 spicchio d’aglio
4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
Sale q.b.

Procedimento
Scaldate l’olio in una padella, unite lo spicchio d’aglio intero, i rametti del rosmarino e le cosce di pollo, salate.  Fate rosolare per una ventina di minuti girando spesso.
Nel frattempo, sciogliete il miele nell’aceto,  spremete 8 mandarini e unite il succo all’emulsione di miele e aceto. Sbucciate gli altri due mandarini e tenete da parte gli spicchi.
Trascorsi i venti minuti, eliminate lo spicchio d’aglio,  irrorate il pollo con la salsa di aceto miele e mandarini, fate cuocere ancora per circa 15 minuti e unite gli spicchi interi di mandarino, continuate la cottura ancora per cinque minuti.
Servite subito.



Apicoltura
La Margherita
C.so Francia 152 
Rivoli (TO)
tel/fax 011/9913469
api.lamargherita@alice.it



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...