mercoledì 13 novembre 2019

Cecatelli al ragù di carne e salsiccia con crumble di ceci neri


I Cecatelli prodotti dalla Cooperativa Agricola Palazzo Piccolo di Satriano (FG)  sono un formato di pasta regionale (Puglia)  prodotta con la semola di grano duro varietà “Senatore Cappelli”. E’ un tipo di pasta  che per la sua particolare forma si presta  particolarmente ad essere condita con sughi corposi come questo ragù di carne e salsiccia, il cui gusto deciso è stato esaltato sia dalla sfumatura di vino Nero di Troia biologico delle Cantine Pirro di Troia (FG) sia dall’olio extravergine Bio  San Martino dell’Azienda Agricola Masseriola e il crumble di ceci neri dell’azienda Del Sud è il tocco finale che rende questo piatto unico.

La Cooperativa Agricola Palazzo Piccolo, le Cantine Pirro, DelSud e   l'Azienda Agricola Masseriola aderiscono al circuito Qui da Noi- Cooperative Agricole - Confcooperative



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

320 gr di Cecatelli della Cooperativa Agricola Palazzo Piccolo
150 gr di carne di manzo tritata
150 gr di salsiccia
3 cucchiai di crumble di ceci neri Del Sud
400 gr. di passata di pomodoro
1 cucchiaio di conserva,
1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
1 rametto di rosmarino
2 foglie di salvia
2 foglie d'alloro
1 spicchio d'aglio
1 quarto di bicchiere di Nero di Troia Rosso delle Cantine Pirro
1 bicchiere di acqua calda
4 cucchiai d’olio d’oliva extravergine San Martino ( Azienda Agricola Masseriola)
Sale e pepe q.b.



Procedimento

Lavate e tagliate a cubettini la carota, la cipolla, il sedano e l'aglio (o lasciatelo intero se preferite e toglietelo a fine cottura), tritate gli aghi del rosmarino e la salvia.
In una casseruola fate scaldare 4 cucchiai d’olio, unite gli ortaggi e gli aromi e fate dorare  a fuoco dolce per 5 minuti.
Aggiungete la carne tritata,  la salsiccia spellata e sminuzzata e fate rosolare a fuoco vivo.
Quando  il tutto sarà  ben rosolato e tutto l'eventuale liquido prodotto si sarà asciugato, versate il vino Nero di Troia e lasciate sfumare  a fuoco vivo per 2/3 minuti.
Aggiungete la passata di pomodoro, il cucchiaio di conserva, le foglie di alloro,il bicchiere d'acqua calda, il sale e il pepe.
Coprite e fate cuocere a fuoco bassissimo per 40/50 minuti.


Scaldate abbondante acqua salata fino a raggiungere il bollore poi  tuffateci i Cecatelli.
Quando saranno cotti condite con il ragù e distribuite sopra il crumble di ceci neri.
Servite subito e accompagnate il piatto con il Nero di Troia.

Contattate subito le aziende per acquistare i loro ottimi prodotti!





Si ringraziano le cooperative e le aziende per la fornitura degli ingredienti per la realizzazione della ricetta.

giovedì 7 novembre 2019

Creme brulèe ai frutti di bosco


La crème brûlée (cioè crema bruciata in francese), è una crema formata da una base di crema inglese cotta, sormontata da una sfoglia croccante di zucchero caramellato. La crema inglese utilizzata è a base di panna liquida e di latte e, a differenza della crema pasticcera, non contiene alcun tipo di amido.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

80 gr di frutti di bosco tra more e mirtilli
4 lamponi
500 ml di panna fresca
130 ml di latte
8 tuorli
120 gr di zucchero di canna
1 pizzico di cannella

Procedimento

Sbattete molto bene i tuorli con lo zucchero.
Versate la panna e il latte in un pentolino e portate lentamente  ad ebollizione rimestando continuamente.
Togliete dal fuoco e versate a filo sul composto di uova e zucchero mescolando con una frusta per evitare grumi e riempite 4 cocottes, unite metà dei frutti di bosco, meno i lamponi e sistemate all’interno di una teglia piena di acqua calda.
Fate cuocere a 160°C in forno statico per un’ora.
Lasciate raffreddare la crème brulée a temperatura ambiente poi sistemate le cocottes in frigo per due ore.
Prima di servire cospargete la superficie con lo zucchero e caramellatelo con il cannello da cucina o, in alternativa, utilizzate il grill del forno
Distribuite sulla crema i rimanenti frutti di bosco e servite.




domenica 3 novembre 2019

Polpette di zucca


Questo meraviglioso ortaggio, tipicamente autunnale ha, molto probabilmente, origini centro americane: i semi più antichi sono stati ritrovati in Messico e risalgono a oltre 4.000 anni fa. Furono i nativi americani, per cui la zucca era un alimento base della dieta, a insegnare la loro coltivazione ai primi coloni che la portarono in Europa insieme al mais, al tabacco, ai peperoni e alle patate.  La zucca appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, la stessa delle zucchine, che non sono altro che il frutto immaturo. Il ciclo vitale della pianta è annuale, si coltivano in primavera-estate e la raccolta è tipicamente autunnale.
Le qualità nutrizionali della zucca sono molteplici, contiene vitamina E, C, acido folico, pro-vitamina A, vitamine del gruppo B. Sali minerali come potassio, fosforo, ferro e magnesio, e infine i caroteni cui deve lo splendido colore arancione.
I carboidrati ammontano al 3,5% e l’indice glucidico è basso per cui, nonostante il gusto dolcissimo è l’ortaggio più efficace per controllare il metabolismo degli zuccheri, il suo consumo è quindi indicato per i diabetici e gli ipertesi.
Infine, la zucca, possiede proprietà digestive, diuretiche, lassative e rinfrescanti.
In fitoterapia sono utilizzati i semi che contengono cucurbitina, tocofenoli, tocotrienoli, steroidi (1%) proteine, pectine e modeste quantità di Sali minerali quali manganese, zinco, selenio e rame.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.



Ingredienti per 4 persone 

700 gr di zucca
3 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
4 cucchiai di mais per impanature
1 uovo
1  cucchiaino di maggiorana secca o due rametti di fresca
Mais per impanare q.b.
Olio per friggere q.b.
Sale e pepe q.b.

Procedimento

Pulite la zucca eliminando la scorza.
Tagliatela a fette non troppo spesse e fatela cuocere in forno a 180°C per 25/30 minuti.
Toglietela dal forno, mettetela in una ciotola e schiacciatela con i rebbi di una forchetta, non frullatela perché diventerebbe troppo acquosa.
Unite il Parmigiano Reggiano, la maggiorana, il mais per impanature, sale, pepe e l’uovo.
Amalgamate bene il tutto e se il composto fosse troppo morbido aggiungete ancora un pochino di mais.


Una volta raggiunta la giusta densità, prelevate una noce  del composto e arrotolatelo tra i palmi a formare una polpettina.


Continuate così fino ad esaurire tutto l’impasto.
Passate ora le polpettine nel mais  per impanature e friggetele in olio ben caldo per qualche minuto.
Scolatele con una schiumarola e mettetele su carta da cucina per eliminare l’unto in eccesso.
Servite subito.




lunedì 28 ottobre 2019

Cupcake stregati

Fin dai tempi più remoti esiste, in tutte le culture, la tradizione di donare cibo ai morti. Gli Egizi e, non solo, avevano la consuetudine di mettere del cibo nelle tombe dei loro morti affinché fosse di ristoro per il loro viaggio verso l’Adilà. Nella  comunità cristiana del 835 d.c. Papa Gregorio Magno spostò la festa di Ognissanti dal 13 di maggio al 1 novembre. La stretta associazione con la festa dei defunti fu istituita  il giorno dopo, 2 novembre, solo nel 998 d.c..
In  onore dei cari scomparsi  ci si mascherava da angeli, santi e diavoli e si accendevano falò. Fu Papa Sisto IV, nel 1474, a rendere obbligatoria la solennità in tutta la Chiesa d’Occidente.
I cibi offerti alle anime dei defunti, che tornano dall’aldilà nel giorno a loro dedicato, simboleggiano i doni che portano dal cielo e, contemporaneamente,  come nell’antico Egitto,  il conforto per il loro viaggio.
Un’abitudine  per esorcizzare la paura della morte e dell’ignoto.
Nasce così una tradizione culinaria dedicata a questa festività.
Oggi la nostra cultura risente fortemente dell’influenza della cultura americana e non solo e le nostre tradizione sono soppiantate a poco a poco dalle loro. Oggi parliamo sempre meno  di commemorazione dei defunti, ma  festeggiamo Halloween.
Pochi sanno però che Halloween non è una festa nata in America; le sue origini  sono irlandesi e risalgono ai Celti. Il nome Halloween è una forma contratta di All Hallows’Eve ovvero Vigilia di tutti i Santi.
Questo giorno corrispondeva al capodanno celtico (Samhain) che, per questo popolo di pastori, iniziava il 1 novembre quando le greggi venivano riportate e a valle per via del freddo imminente.
Lo Samhain era una festa in cui si  celebrava l’inizio di un nuovo anno e la fine del bel tempo e quindi la morte era il tema principale di questo evento.
Finiva la bella stagione, la terra cessava le sue produzioni in superficie, ma sottoterra comunque rinasceva qualcosa. Secondo le leggende celtiche proprio in questa occasione Samahin chiamava a sé gli spiriti dei morti e permetteva loro di vagare sulla terra mescolando il mondo dei vivi con quello dei defunti, in un atmosfera a metà strada tra festeggiamento e terrore, tra paura e allegria.
Nella notte del 31 ottobre i Celti accendevano fuochi nei boschi,  indossavano maschere e compivano sacrifici animali, poi vagavano alla luce delle lanterne per tre giorni  indossando le pelli degli animali sacrificati al fine di spaventare i defunti e costringerli a tornare sottoterra.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.



Ingredienti per 14/15 muffin

400 gr di farina
180 gr di burro
180 gr di zucchero
1 bicchiere di latte
2 uova intere e 1 tuorlo
4 cucchiai di cacao
100 gr di cioccolato fondente
1 buccia grattugiata di limone
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

Per il frosting (rifinitura) alla crema di burro

160 gr di burro freschissimo
160 gr di zucchero a velo
2 albumi d’uovo
Una puntina di zafferano per dare il colore giallo
Qualche goccia di cioccolato per decorare

Procedimento

Accendete il forno a 180°. Mettete in una ciotola lo zucchero, la vanillina
e il burro ammorbidito a temperatura ambiente e mescolate tutto energicamente (l’ideale
sarebbe usare le fruste elettriche), aggiungete il sale e la scorza di limone e continuate a sbattere fino a quando il composto risulterà cremoso.
In un’altra ciotola versate le uova, il tuorlo e il latte e sbattete tutto con una forchetta.
Incorporate,poco alla volta, il composto ottenuto alla crema di burro e zucchero continuando sempre a mescolate fin quando la consistenza risulterà omogenea e gonfia.
Mischiate il lievito alla farina e uniteli, setacciandoli, al composto facendo attenzione a non formare dei grumi. Quando l’impasto risulterà cremoso incorporate il cacao e il cioccolato fuso e amalgamate.
Mettete il composto, a cucchiaiate, negli appositi stampi imburrati e infarinati, riempiendoli quasi fino al margine. Infornateli per 20/25 minuti, spegnete il forno e lasciateli riposare, a sportello aperto, per 5 minuti.

Nel frattempo preparate la crema per la guarnizione.

In una padella antiaderente appena unta con il burro fate cuocere la polpa di zucca tagliata a dadini, frullatela e se è molto liquida mettetela in un colino. Quando sarà ben asciutta unite  un cucchiaino di zucchero a velo.
In un pentolino mettete lo  zucchero e lo zafferano (pochissimo solo per dare colore) insieme a 30 gr d'acqua e portate a bollore, a fuoco basso,spegnendo dopo circa 3 o 4 minuti.
Montate a neve i due albumi d’uovo con una frusta elettrica o con la planetaria e versate a filo il composto caldo. Continuate a montare fino al completo raffreddamento. Quando il composto sarà freddo noterete il cosiddetto becco d’uccello, cioè  una sorta di punta sulla parte finale della frusta. Lasciate raffreddare.
Lavorate il burro ammorbidito con le fruste e incorporarlo, poco alla volta al composto di zucchero e uova lavorando sempre con le fruste.
Mettete la crema in un sac-à-poche e decorate la superficie dei cupcake (completamente raffreddati) , guarnite con gocce di cioccolato o zuccherini.







lunedì 21 ottobre 2019

Zuppa del boscaiolo


I funghi chiodini  sono  funghi  che crescono sui ceppi degli alberi. Sono ottimi ma devono essere trattati prima di poter essere utilizzati per qualsiasi preparazione per eliminare le tossine termolabili in essi  contenute e che si eliminano facendoli bollire per 10 minuti e schiumando. Scolateli bene e poi potete procedere alla cottura che preferite.
Diversamente, per questa preparazione potete usare qualsiasi altro tipo di fungo.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti
200 gr di funghi chiodini
240 gr di  petto di pollo
50 gr  di mirtilli
1  cipolla bianca di Voghera
1 carota
3 patate
2 pomodori
8 cimette di cavolfiore romano
200 gr di pane tostato
1 pizzico di erbette di Provenza secche.
2 lt di acqua
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.


Procedimento

Come detto sopra, pulite i funghi, lavateli velocemente e fateli  bollire per 10 minuti schiumando. Scolateli bene.
Pulite tutti gli ortaggi.
Tagliateli tutti  a dadini, dividete le cimette di cavolfiore.
Tagliate a dadini anche  i  gambi dei  funghi, le cappelle più grandi dividetele a metà le altre lasciatele intere.
Tagliate il pollo a striscette.
In una casseruola mettete a scaldare 4 cucchiai d’olio e fate stufare per qualche minuto la cipolla , la carota, la patata e i funghi.
Unite il pollo, i pomodori, il cavolfiore, le erbette di Provenza, l’acqua e aggiustate di sale.
Fate cuocere per 25  poi unite i mirtilli. Continuate la cottura per un paio di minuti.
Spegnete, irrorate con un pochino di olio crudo e servite con i crostini di pane.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...