lunedì 19 settembre 2016

Spaghetti alla calabra




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

È nelle campagne di San Martino di Ferrara che si produce la  Pasta di Canossa.
Il Pastificio sorge all’interno della Tenuta Cuniola tra i campi di grano della Tenuta stessa, che si accendono dei colori dell’oro quando arriva l’estate. È qui che si realizza questa pasta artigianale a Km 0. Per il Pastifico Canossa, il Km 0, sono i confini della Tenuta e al suo interno si seguono con cura tutte le fasi; nel Mulino di zona, il grano duro diventa semolato per poi essere trasformato in pasta di semolato nel Pastificio.
Durante tutte le fasi di produzione della pasta, si eseguono scrupolosi controlli di qualità per essere sicuri di raggiungere gli elevati standard che l’azienda si è data: da un controllo delle temperature e delle pressioni in ogni fase della lavorazione, all’esame della pasta durante e dopo l’essiccazione, a prove di cottura per ogni lotto che è prodotto.
Perché solo se supera tutti i controlli, nasce
Pasta di Canossa.
Per la macinatura è stato selezionato il Mulino per la qualità e la cura che pone in ogni fase della lavorazione, perché il grano lo fa lavorare solo dalle “mani migliori”; così nasce il tipico semolato Pastificio Canossa. La lavorazione semi-integrale del semolato non stressa il chicco andando a pulire fino all’ultima fibra, ma gli lascia uno strato in più rispetto alla tradizionale semola, esaltandone e non intaccando le qualità organolettiche e di digeribilità.
Dopo la lenta fase del riposo, la pasta è confezionata nei laboratori dell’azienda pronta per arricchire le vostre tavole.
Trafilatura
Grazie alle trafile in bronzo si danno le forme e si conferisce un inconfondibile colore alla pasta: una consistenza corposa e una particolare ruvidità per meglio assorbire i condimenti e per valorizzarne il sapore. La pasta corta è stesa su telai, mentre la pasta lunga su speciali canne, e il tutto è caricato sui carrelli per la fase di essiccazione.
Essiccazione
#labuonapasta richiede cura e paziente amore. Si dà il giusto tempo alla pasta affinché sprigioni il suo sapore e acquisti la giusta consistenza e porosità:
senza fretta e seguendo i tempi della natura. L’essiccazione avviene lentamente: dalle 14 ore per la pasta corta sino alle 20 ore per la pasta lunga.
Confezionamento
Dopo la lenta fase del riposo della pasta, la stessa è confezionata
nei laboratori interni e pronta per arricchire le vostre tavole.
Per questo contest preparerò delle ricette di primi piatti, tipiche del Sud Italia, sostituendo il formato di pasta.
Questa è l’ottava e ultima ricetta e di scena c’è la Calabria. Il formato di pasta originale sono i maccheroni molto diffusi e apprezzati in Calabria  Con il termine maccheroni si intende un formato di pasta  fresca, senza uova. Si fa un impasto abbastanza sodo con acqua e farina, lo si lascia riposare circa 30/40 minuti, poi si fanno dei salamini di circa 10 cm di lunghezza (diametro 2/3 millimetri) si attorcigliano attorno  al  ferro (tipo ferro da maglia), poi con cautela si fa rotolare il ferro avanti e indietro tra il palmo della mano e il piano di lavoro. Si sfila il ferro e il maccherone è fatto
Li ho sostituiti con gli spaghetti del pastificio Canossa



Ingredienti per 4 persone

350 gr di spaghetti Pastifico Canossa
300 gr di melanzane viola
500 gr di pomodorini
1 mazzetto di basilico
1 spicchio d’aglio
Olio extravergine d'oliva
Sale e pepe q.b.

Procedimento
Tagliate le melanzane a fette, cospargetele di sale e lasciatele un’ora a spurgare, poi sciacquatele bene, asciugatele e friggetele, salate e mettetele da parte.


Nella stessa padella fate soffriggere lo spicchio d’aglio tagliato a metà.
Unite i pomodorini , salate, pepate  e fate cuocere una ventina di minuti, 


togliete l’aglio,  aggiungete il basilico sminuzzato  e le melanzane tagliate a strisce. Lasciate  insaporire per un paio di minuti.


Mettete al fuoco abbondante acqua salata e quando bolle gettate la pasta e portate a cottura.
Scolate al dente e fate saltare la pasta nel sugo di pomodori e melanzane.
Se volete rendere più ricco questo piatto, potete aggiungere 50 gr di Provola a dadini.
Buon appetito!




“Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagrana – Food Creative Idea e Pasta di Canossa” 
#lamelagranafood  #pastadicanossa #girodeiprimi #labuonapasta #lapastachesadipasta





mercoledì 14 settembre 2016

Tartellete di ‘Nduja


 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ho preparato queste tartellette con la n’duja gentilmente  omaggiatami da   ‘NDUJA E SALUMI DI GABRIELLA BELLANTONE, un’azienda con sede a Spilinga (VV) che aderisce al progetto nazionale di Coonfcooperative Qui da Noi
La ‘nduja è un celebre insaccato la cui produzione storica si concentra nell’agro di Spilinga, paesino in provincia di Vibo Valentia. Siamo nel lembo meridionale, tra i più scenografici della Calabria, che guarda le Eolie, e anche dei più espressivi, perché questo è uno dei luoghi chiave per la nascita del modello nutrizionale della Dieta Mediterranea. In questo salume spalmabile, dal colore rosso intenso, dal nome che richiama la cultura gastronomica francese e rievoca la contaminazione spagnola, c’è dentro tutto il fascino esotico del Meridione. L’esperienza del gusto che offre non ha pari.
Si tratta di carne di maiale macinata insieme a del peperoncino essiccato e triturato, salata, insaccata nel budello naturale del maiale, affumicata e poi stagionata per due mesi. Ovviamente il peperoncino utilizzato è quello tipico calabrese a bacca lunga che viene coltivato in loco, raccolto dalla metà di agosto e fatto essiccare, in maniera naturale, al sole.
L’azienda ‘NDUJA E SALUMI DI GABRIELLA BELLANTONE,  produce, nei suoi  locali e con strumenti moderni, tra gli altri prodotti,  anche l’originale ‘nduja di Spilinga, utilizzando ingredienti di primissima qualità.
Ho trovato questa ‘Nduja particolarmente e piacevolmente morbida, con un aroma intenso di affumicatura. Il sapore è deciso e piccante. Ottima così, spalmata su crostini di pane, o utilizzata in varie preparazioni come la pasta





Ingredienti per 4 persone:

450 gr di pasta briseé
1 cipolla di Tropea
Qualche oliva verde per guarnire
Olio extravergine d'oliva q.b.

Procedimento

Mettete la pasta frolla su di un piano leggermente infarinato e tiratela con il mattarello, ottenendo un disco di circa 3 mm di spessore e con questo foderate completamente gli stampini per le tartellette. Sistemateli su una placca e cuoceteli nel forno ventilato, già scaldato a 170°,  per 20 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.


Lavate la cipolla e tagliatela alla veneziana (a rondelle sottilissime).
Riempite le cartellette con la  ‘Nduja, sistemate un po’ di cipolla su di ognuna,  mettetele in un piatto,  versate un filo d’olio extravergine d’oliva ,guarnite con olive verdi o con sottaceti a piacere.
Buon appetito.




NDUJA E SALUMI
ctr. Saramalloni – 89864 – SPILINGA (VV)
Cell: 338 8899623 – 380 2549273 |
E-mail: francescofiamingo@libero.it


martedì 6 settembre 2016

Chitarrone con uvetta, mandorle, alici e pomodori secchi


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

È nelle campagne di San Martino di Ferrara che si produce la  Pasta di Canossa.
Il Pastificio sorge all’interno della Tenuta Cuniola tra i campi di grano della Tenuta stessa, che si accendono dei colori dell’oro quando arriva l’estate. È qui che si realizza questa pasta artigianale a Km 0. Per il Pastifico Canossa, il Km 0, sono i confini della Tenuta e al suo interno si seguono con cura tutte le fasi; nel Mulino di zona, il grano duro diventa semolato per poi essere trasformato in pasta di semolato nel Pastificio.
Durante tutte le fasi di produzione della pasta, si eseguono scrupolosi controlli di qualità per essere sicuri di raggiungere gli elevati standard che l’azienda si è data: da un controllo delle temperature e delle pressioni in ogni fase della lavorazione, all’esame della pasta durante e dopo l’essiccazione, a prove di cottura per ogni lotto che è prodotto.
Perché solo se supera tutti i controlli, nasce
Pasta di Canossa.
Per la macinatura è stato selezionato il Mulino per la qualità e la cura che pone in ogni fase della lavorazione, perché il grano lo fa lavorare solo dalle “mani migliori”; così nasce il tipico semolato Pastificio Canossa. La lavorazione semi-integrale del semolato non stressa il chicco andando a pulire fino all’ultima fibra, ma gli lascia uno strato in più rispetto alla tradizionale semola, esaltandone e non intaccando le qualità organolettiche e di digeribilità.
Dopo la lenta fase del riposo, la pasta è confezionata nei laboratori dell’azienda pronta per arricchire le vostre tavole.
Trafilatura
Grazie alle trafile in bronzo si danno le forme e si conferisce un inconfondibile colore alla pasta: una consistenza corposa e una particolare ruvidità per meglio assorbire i condimenti e per valorizzarne il sapore. La pasta corta è stesa su telai, mentre la pasta lunga su speciali canne, e il tutto è caricato sui carrelli per la fase di essiccazione.
Essiccazione
#labuonapasta richiede cura e paziente amore. Si dà il giusto tempo alla pasta affinché sprigioni il suo sapore e acquisti la giusta consistenza e porosità:
senza fretta e seguendo i tempi della natura. L’essiccazione avviene lentamente: dalle 14 ore per la pasta corta sino alle 20 ore per la pasta lunga.
Confezionamento
Dopo la lenta fase del riposo della pasta, la stessa è confezionata
nei laboratori interni e pronta per arricchire le vostre tavole.
Per questo contest preparerò delle ricette di primi piatti, tipiche del Sud Italia, sostituendo il formato di pasta.
Questa è la settima ricetta  e di scena c’è la Sicilia. Il formato di pasta originale sono i vermicelli.  Con il termine vermicelli si intende un formato di pasta secca di grano duro, lunga a sezione rotonda con diametro più grande degli spaghetti.
Li ho sostituiti con le chitarrone del pastificio Canossa.





Ingredienti per 4 persone

250 gr di alici fresche diliscate
70 gr di pomodori secchi sottolio
40 gr di mandorle tritate
40 gr di uvetta
2 spicchi d’aglio
2 ciuffi di prezzemolo
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale e pepe

Procedimento

Mettete a bagno l’uvetta.
Lavate, sgrondate il prezzemolo e tritatelo.
Tagliate a pezzetti le mandorle, i pomodori secchi e le alici sfilettate. Tenetene qualcuna intera per guarnire.
In una padella con due cucchiai d’olio fate rosolare gli spicchi d’aglio tagliati a metà, unite le alici,  le mandorle, i pomodori secchi, l’uvetta strizzata e mescolate.


Lasciate cuocere per qualche minuto, regolate con pochissimo sale e il pepe, togliete gli spicchi d’aglio.
Lessate, intanto, le chitarrone  in acqua salata e scolatele al dente.
Versateli nel tegame con il sugo di alici e saltateli rapidamente a fuoco vivo.
Cospargete con il prezzemolo tritato, irrorate con due cucchiai d’olio crudo e insaporite con una generosa macinata di pepe.
Buon appetito.





“Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagrana – Food Creative Idea e Pasta di Canossa” 

#lamelagranafood  #pastadicanossa #girodeiprimi #labuonapasta #lapastachesadipasta

domenica 4 settembre 2016

Torretta di pesca e salmone


 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

E’ tornata l’estate e con essa, tra le altre cose, sono tornate anche le pesche. Questo frutto vellutato, carnoso e succoso nasce dall’albero del pesco (Prunus persica) e appartiene alla categoria delle drupe come la ciliegia e l’albicocca. Ha forma tondeggiante, con una polpa profumata e dolce, possiede un nocciolo ovoidale, grosso e molto duro, con solchi profondi, che racchiude un seme a mandorla. Il pesco è originario della Cina, dove era considerato simbolo d’immortalità, e i cui fiori furono celebrati da poeti e pittori.
Il frutto arrivò a Roma nel I secolo d.C. grazie ad Alessandro Magno che, durante la spedizione contro la Persia lo importò, e si diffuse in tutto il bacino del Mar Mediterraneo con il nome di persica perché erroneamente considerato originario della Persia.
In Egitto, la pesca era sacra ad Arpocrate, dio del silenzio e dell’infanzia, ancora oggi, infatti, le guance dei bambini sono paragonate alle pesche, per la loro carnosità e morbidezza.
Sul piano nutrizionale il contenuto calorico della pesca è molto basso (circa 39 calorie ogni 100 grammi) ma essendo ricca di fibre insolubili, possiede un indice di sazietà elevata, non solo ma queste fibre sono benefiche anche perché riducono il rischio di tumori al colon.
E’ particolarmente succosa, gustosa e dissetante per l’alto contenuto di acqua e di pectina.
La pectina è una fibra solubile utile alla regolazione dei livelli di colesterolo e di glucosio nel sangue.  La pesca contiene zuccheri facilmente assimilabili e acidi organici che le donano il suo sapore particolare, come l’acido malico, citrico e tartarico. Notevole è il quantitativo di potassio contenuto nel frutto insieme alle vitamine B1, B2, C, discreto è il quantitativo di carotenoidi che nell’organismo si trasformano in vitamina A: questa, oltre ad aiutare la nostra capacità visiva, è fondamentale per la produzione di melanina che ci protegge dai raggi solari e ci fa abbronzare più rapidamente. Ha un’importante azione diuretica e leggermente lassativa.
La Toscana ha un rapporto particolare con questo delizioso frutto presente sul territorio fin dal 1500 grazie ai Medici che introdussero i “pomari” nelle ville toscane.
Oggi Londa, delizioso comune Toscano assolutamente green che porta avanti nuove idee verdi pur rimanendo nella tradizione, 


ha fatto della sua antica Pesca Regina  uno dei punti di forza del territorio dedicandole una festa che si svolgerà a  dal 9 all’11 settembre 2016. Situato nel parco delle Foreste Casentinesi, su antiche vie, Londa è il paese di montagna vicino alla città che offre percorsi naturalistici di grande interesse e prodotti di qualità a km zero.


Nell’ambito della festa della Pesca Regina prende via il food contest Pesca & Friends il concorso  culinario, in cui protagoniste  sono le pesche, con cui creare creare piatti, e non solo dolci,  da gourmet

Pesca&firends 2016. è organizzato in collaborazione con le testate www.thetuscany.net ,   gustarviaggiando.civico20.itwww.egnews.it , il Comune di Londa (FI), la pro Loco  e tutte le associazioni del territorio.
#pescalonda



Ingredienti per 4 persone
2 pesche Regina
15o gr di salmone affumicato a fette
Basilico q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Succo di un limone

Procedimento
Mettete a macerare il salmone con l’olio d’oliva, un po’ di limone e qualche foglia di basilico tritato per una decina di minuti in frigorifero.
Trascorso il tempo,tagliate le pesche a fettine mantenendo la buccia e irroratele con il rimanente succo del limone per evitare che anneriscano.
In un piatto da portata distribuite sul fondo in senso rotatorio qualche fettina di pesca, distribuite sopra una fettina di salmone, di nuovo qualche fettina di pesca e terminate con una fettina di salmone arrotolata. Distribuite un po’ di olio extravergine d’oliva e servite subito.







martedì 30 agosto 2016

Baklava rivisitato

Il Baklava è un dolce tipico della tradizione turca. Gli ingredienti essenziali sono la frutta secca e il miele. La ricetta così come è conosciuta proviene direttamente dalle cucine del Palazzo TopKapi di Istanbul, residenza del Sultano.
Nella mia reinterpretazione ho eliminato le noci, il miele e la cannella e li ho sostituiti con le marmellate dell’azienda Calabria & Calabria di Agostino Sirianni.
Ho trovato queste marmellate veramente ottime!  Nel colore, nel profumo, nel gusto eccezionale c’è tutto il colore e il calore  della splendida terra di Calabria



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:
250 gr di pasta fillo
200 gr di pistacchi
200 gr di mandorle
200 gr di marmellata ai Quattro agrumi Sirianni
200 gr di marmellata extra di Bergamotto Sirianni
80 gr  di burro
Zucchero a velo q.b.
Per lo sciroppo
200 ml di acqua
180 ml di zucchero
Il succo di mezzo limone

Procedimento
Con il mixer tritate la frutta secca e deponetela in una ciotola.


Fate fondere il burro a bagnomaria.
Prendete una teglia da forno spennellatela con il burro fuso..  Dividete la pasta fillo in tanti pezzi uguali alla grandezza della teglia. Adagiate sulla pentola una sfoglia di pasta fillo, spennellatela con il burro fuso, di nuovo un’altra sfoglia spennellata di burro. Procedete in questo modo fino ad arrivare a 4 fogli.


Versateci sopra la marmellata ai Quattro agrumi e la metà della frutta secca. 


Ricoprite di nuovo con 4 strati di pasta fillo sempre spennellati di burro. Farcite con la marmellata extra di Bergamotto e unite la rimanente frutta secca. Coprite i restanti  fogli di pasta fillo imburrata.


Tagliate il dolce in tanti quadratini di circa tre centimetri.
Accendete il forno a 160° e fate cuocere 30/35 minuti.
Intanto preparate lo sciroppo versando l’acqua e lo zucchero in un pentolino. Portare ad ebollizione e lasciate cuocere per 10 minuti.
Spegnete la fiamma e unite il succo del limone.
Appena si sarà raffreddato, versatelo sui pezzi di dolce inzuppandolo perfettamente. Lasciatelo in frigorifero per almeno 8 ore prima di essere consumato.

In alternativa,  potete lasciarlo raffreddare completamente e ricoprirlo con lo  zucchero a velo come ho fatto in questo caso.
Personalmente mi piacciono tutte e due le versioni.







martedì 16 agosto 2016

Barchette di avocado e gorgonzola piccante



 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Il Gorgonzola piccante DOP  utilizzato per questa ricetta mi è stato gentilmente donato dalla Cooperativa Latteria Sociale di Cameri che lo produce. La Cooperativa Latteria Sociale di Cameri  aderisce al progetto di Confocooperative-Fedagri Qui da Noi.
Grazie  alla sua felice collocazione al centro del territorio più vocato per la produzione del Gorgonzola (nel novarese infatti e  prodotto oltre il 50%  di questo D.O.P. di cui buona parte a Cameri) La Latteria ha fatto di questo prezioso erborinato il proprio prodotto di punta. Nella nuova struttura produttiva sono rimaste invariate le tecniche di lavorazione tradizionale ritenendo fondamentale l’artigianalità della produzione quale garanzia di una qualità che possa eccellere rispetto alla produzione industriale standardizzata. E’ quindi una produzione che si rivolge a quella fascia di mercato che cerca un prodotto esclusivo, in grado di apprezzare un’impronta sensoriale superiore.
E’ prodotto con un particolare tipo di caglio di vitello in pasta e una miscela selezionata di fermenti e spore di penicillum. La salatura, a secco e manuale, è particolarmente curata, le fascette e tavole di stagionatura sono rigorosamente in legno in celle a temperatura e umidità modificate in base alla fase di maturazione.
Dopo la fase di stagionatura tradizionale, che dura tre mesi, passa a una cella dedicata all’affinamento dove, in un ambiente curato, viene portato a 4-5 mesi di stagionatura per la “Selezione San Lucio classica” e fino a 7 mesi per il “Riserva”.
Dire che questo gorgonzola è buono, credetemi, è riduttivo. E’ eccellente!




Ingredienti per 4 persone
2 avocadi maturi
200 gr di Gorgonzola piccante DOP Latteria di Cameri
1 bicchierino di vodka
1 mazzetto di prezzemolo
1 limone (succo)
1 peperone rosso sottaceto
Sale e pepe q.b.


Procedimento


Lavate e sgrondate il prezzemolo e staccatene le foglie.
Lavate gli avocadi, asciugateli e tagliateli a metà nel senso della lunghezza, eliminati i noccioli ed estraete tutta la polpa, aiutandovi con un cucchiaio e facendo attenzione a non rompere i mezzi gusci di buccia, spruzzateli con un po’ di limone.
Mettete la polpa nel mixer, aggiungete il rimanente succo di limone, il gorgonzola, ala vodka, le foglie di prezzemolo, il sale e il pepe. Frullate fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, con cui riempirete i mezzi gusci.
Sgocciolate bene le falde dei peperoni sott’aceto e asciugatele con della carta da cucina.
Ricavate delle striscioline e poi tagliatele della larghezza dei gusci dell’avocado.
Guarnite con le strisce di peperoni e ponete in frigorifero per almeno mezz’ora.
Al momento di servire sistemate gli avocadi su di un piatto da portata, guarnite con fette di limone, strisce di peperone e qualche ciuffo di prezzemolo.







Informazioni

Oggi la Latteria Sociale di Cameri opera principalmente nel Nord Italia ma si rivolge anche al mercato europeo, statunitense e giapponese. La Latteria Sociale serve tutti i canali distributivi pur privilegiando il rapporto con altre Cooperative. I prodotti, sia a marchio proprio sia a marchio di terzi, vengono distribuiti tramite grossisti e distributori presso cooperative, negozi tradizionali e la catena di GDO Esselunga (al banco gastronomia).


Punto vendita di via per Novara, 67
28062 Cameri (NOVARA)
Tel. 338/2833236

Orari: 8,30 - 12,30 / 16,00 - 19,00
chiuso lunedì e mercoledì pomeriggio.

Punto vendita di via San Francesco, 17
28062 Cameri (NOVARA)
Tel. 0321/518239

Orari: 7,30 - 12,30 / 16,00 - 19,00
chiuso lunedì e mercoledì pomeriggio.



sabato 6 agosto 2016

Baguette

La baguette è il nome del caratteristico pane francese. Quello originale è molto più lungo  e sottile di quello che ho preparato io, ma, se l’avessi fatto della lunghezza originale non avrei saputo come fare per cuocerlo perché nel mio forno non sarebbe entrato!




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO  PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DEI TESTI E DELLE FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti:

500 gr di farina tipo 0
1 cucchiaio di sale
1 cucchiaino di zucchero
200 gr di lievito madre rigenerato
280 ml di acqua tiepida

Procedimento

In una ciotola mescolate  la farina, lo zucchero  e il sale. Sciogliete il lievito madre nell’acqua appena tiepida (non deve superare i 35°C) e versate tutto lentamente e progressivamente nella farina mescolando. Togliete l’impasto dalla ciotola e mettetelo su di un piano leggermente infarinato e impastate a piene mani fino ad ottenere una pasta morbida e omogenea.
Formate una palla e ponetela in una ciotola pulita ricoperta con un panno umido. Lasciate lievitare la pasta per 1 ora, poi riprendetela e piegatela su se stessa svariate volta poi lasciatela riposare per un’ora.



Trascorso il tempo dividetela in tre porzioni uguali poi confezionate tre pani cilindrici. Schiacciateli leggermente con il palmo della mano in modo da formare la baguette.



Ricopritele con un panno umido e lasciatele lievitare per due ore.



15 minuti prima della fine della lievitazione accendete il forno (statico) a 210°C e sistemate all’interno un piccolo recipiente di pieno d’acqua per umidificare.
Diluite un pizzico di sale in mezzo bicchiere d’acqua e pennellate le baguette allo scopo di avere una crosta croccante.
Praticate dei tagli trasversali profondi 1 cm sulla superficie della baguette, per tutta la lunghezza.
Infornate e lasciate cuocere 25/30 minuti.
Sfornate  e fate raffreddare su di una gratella.



Procedimento con il lievito di birra
La preparazione è identica, cambiano solo i tempi di lievitazione che si dimezzano.
La dose è un panetto di lievito di birra , 25 gr.

Procedimento con il lievito madre secco

Se utilizzate il lievito madre secco (ottimo quello del Molino Rossetto), dovete unirlo alla farina dopo che l’avrete setacciata con il sale e poi unire l’acqua. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...