domenica 5 maggio 2019

Ravioli di borragine


La borragine (Borrago officinalis) è un’erba selvatica commestibile, usata da secoli  e con molte proprietà: è ricca di mucillagini che le conferiscono spiccate qualità emollienti e antinfiammatorie  che la rendono un ottimo rimedio naturale contro la stitichezza. L’infuso dei fiori cura le affezioni respiratorie e in particolare calma la tosse, mentre il decotto delle foglie è diuretico e può aiutare chi soffre di reumatismi.
Molto usata nella cucina ligure e non solo, per la sua versatilità  si presta a numerose preparazioni,  torte salate, zuppe, frittate, ravioli, ecc.
Si consiglia di consumarla solo previa bollitura poiché contiene degli alcaloidi  ( alcaloidi pirrolozidinici) che durante la cottura si neutralizzano.

Fonte: La farmacia e la dispensa del buon Dio di Ciro Vestita e Giuseppe Bigazzi.
             Ed. Rai-Eri


 

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta:
250 gr di farina 0
50 gr di semola di grano duro macinata finissima
2 uova grandi
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale fino q.b.

Per il ripieno:
500 gr di borragine
200 gr di ricotta vaccina
40 gr di Parmigiano Reggiano
1 uovo piccolo
1 cucchiaio di  Maggiorana secca o 7-8 rametti di quella fresca
Noce moscata q.b.
Sale e pepe q.b.

Per condire:
30 gr di pinoli
60 gr di burro
Parmigiano Reggiano q.b.

Procedimento

Miscelate le due farine e formate una fontana sulla spianatoia, al centro mettete le uova leggermente sbattute, l’olio e il sale.
Iniziate a inglobare tutto e lavorate l’impasto fino a renderlo omogeneo (circa 10 minuti) poi raccoglietelo a palla e lasciatelo riposare coperto in una ciotola per circa un’ora.
Nel frattempo preparate l’impasto.
Lavate la borragine ed eliminate i gambi troppo duri.
Tuffatela in acqua bollente salata e fatela cuocere per circa 10 minuti.
Scolatela, strizzatela molto bene e tritatela finemente ( o frullatela per qualche secondo con il mixer).
Mettetela in una ciotola, unite la ricotta, la noce moscata, la maggiorana, il sale, il pepe e l’uovo, inglobate bene tutti gli ingredienti e da ultimo unite il Parmigiano Reggiano grattugiato e mescolate ancora fino a raggiungere un composto omogeneo.



Riprendete la pasta e tirate  con in mattarello una sfoglia sottile.



Distribuite sulla pasta il composto a piccoli mucchietti a circa 1 cm uno dall’altro, ripiegate la pasta su se stessa, premete bene i bordi e ritagliate i ravioli con l'apposita rondella dentellata.





Metteteli in un vassoio e distribuite sopra un po’ di semola per evitare che si attacchino.


Scaldate abbondane acqua salata e quando bolle tuffateci i ravioli.
Lasciate cuocere per cinque minuti.
Nel frattempo sciogliete il burro con i pinoli a fuoco bassissimo (non deve friggere).
Scolate i ravioli, condite con il burro con i pinoli e spolverizzate abbondane Parmigiano Reggiano grattugiato.
Servite subito.



N.B. Se non gradite il burro con i pinoli potete condirli con un sugo di noci o un sugo di pomodori freschi e basilico

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...