mercoledì 9 gennaio 2013

Risotto allo spumante

Come consumare  di quel po’ di spumante rimasto nella bottiglie dopo le feste natalizie? E di quei 3 pezzi di formaggio? Un risotto semplice semplice ma notevolmente gustoso e, per chi non conoscesse le Tome piemontesi (pochi, spero) di seguito, vi pubblico alcune informazioni.
Il formaggio "Toma Piemontese" è un formaggio prodotto esclusivamente con latte di vacca e ha origini che risalgono all'epoca romana, ma solamente documenti dell'anno mille riportano citazioni che lo identificano precisamente, figurando soprattutto nei "pastus" distribuiti ai poveri o ai lavoratori subalterni, tanto da convalidare l'ipotesi di un suo uso, almeno in questi periodi iniziali, caratteristico dei ceti popolari; pare, infatti, andassero per la maggiore formaggi particolarmente saporiti e detti "formaggi dei poveri".

La produzione del formaggio è strettamente legata all'area alpino piemontese, ed in particolare ai margari (pastori piemontesi), che vivono nelle baite e  sfruttano i pascoli montani nel periodo estivo per poi ridiscendere a fondovalle o in pianura nel periodo invernale.
Fondamentali nel determinare le caratteristiche organolettiche del prodotto sono le condizioni ambientali e di consuetudine nella lavorazione tramandatasi nei secoli.
Il formaggio "Toma Piemontese" si presenta in due tipologie: grasso (a pasta morbida) prodotta con latte intero e semigrasso (a pasta semidura) prodotto con latte parzialmente scremato.  Del  Trentingrana vi ho già parlato ampiamente in un altro post, ma se non l’aveste letto cliccate sul nome e vi si aprirà il collegamento.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 4 persone

280 gr di riso Arborio
1 bicchiere di spumante
1 cipolla bionda piccola
100 gr di Toma di Bra
100 gr di Toma di Lanzo
50 gr di Trentingrana
50 gr di burro
1 lt. di brodo vegetale salato
Olio extravergine q.b.

Procedimento

Affettate sottilmente la cipolla e fatela dorare con 4 cucchiai d’olio (fate molta attenzione perché non deve bruciarsi) per qualche minuto, unite il riso e fatelo tostare, rigirandolo spesso,  fino a quando diventerà trasparente. 
Irrorate con  il bicchiere di spumante, alzate la fiamma e fatelo sfumare per qualche minuto, avendo cura di girare continuamente il riso.
Unite il brodo vegetale caldo , poco alla volta, fino a cottura completa.
Nel frattempo tagliate a pezzetti le due tome e unitele al riso cinque minuti prima della fine della cottura. Amalgamate bene per far sciogliere i formaggi.
Spegnete il fuoco e mantecate il riso con il burro e il Trentingrana.
Servite subito e buon appetito!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...