domenica 4 settembre 2016

Torretta di pesca e salmone


 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

E’ tornata l’estate e con essa, tra le altre cose, sono tornate anche le pesche. Questo frutto vellutato, carnoso e succoso nasce dall’albero del pesco (Prunus persica) e appartiene alla categoria delle drupe come la ciliegia e l’albicocca. Ha forma tondeggiante, con una polpa profumata e dolce, possiede un nocciolo ovoidale, grosso e molto duro, con solchi profondi, che racchiude un seme a mandorla. Il pesco è originario della Cina, dove era considerato simbolo d’immortalità, e i cui fiori furono celebrati da poeti e pittori.
Il frutto arrivò a Roma nel I secolo d.C. grazie ad Alessandro Magno che, durante la spedizione contro la Persia lo importò, e si diffuse in tutto il bacino del Mar Mediterraneo con il nome di persica perché erroneamente considerato originario della Persia.
In Egitto, la pesca era sacra ad Arpocrate, dio del silenzio e dell’infanzia, ancora oggi, infatti, le guance dei bambini sono paragonate alle pesche, per la loro carnosità e morbidezza.
Sul piano nutrizionale il contenuto calorico della pesca è molto basso (circa 39 calorie ogni 100 grammi) ma essendo ricca di fibre insolubili, possiede un indice di sazietà elevata, non solo ma queste fibre sono benefiche anche perché riducono il rischio di tumori al colon.
E’ particolarmente succosa, gustosa e dissetante per l’alto contenuto di acqua e di pectina.
La pectina è una fibra solubile utile alla regolazione dei livelli di colesterolo e di glucosio nel sangue.  La pesca contiene zuccheri facilmente assimilabili e acidi organici che le donano il suo sapore particolare, come l’acido malico, citrico e tartarico. Notevole è il quantitativo di potassio contenuto nel frutto insieme alle vitamine B1, B2, C, discreto è il quantitativo di carotenoidi che nell’organismo si trasformano in vitamina A: questa, oltre ad aiutare la nostra capacità visiva, è fondamentale per la produzione di melanina che ci protegge dai raggi solari e ci fa abbronzare più rapidamente. Ha un’importante azione diuretica e leggermente lassativa.
La Toscana ha un rapporto particolare con questo delizioso frutto presente sul territorio fin dal 1500 grazie ai Medici che introdussero i “pomari” nelle ville toscane.
Oggi Londa, delizioso comune Toscano assolutamente green che porta avanti nuove idee verdi pur rimanendo nella tradizione, 


ha fatto della sua antica Pesca Regina  uno dei punti di forza del territorio dedicandole una festa che si svolgerà a  dal 9 all’11 settembre 2016. Situato nel parco delle Foreste Casentinesi, su antiche vie, Londa è il paese di montagna vicino alla città che offre percorsi naturalistici di grande interesse e prodotti di qualità a km zero.






Ingredienti per 4 persone
2 pesche Regina
15o gr di salmone affumicato a fette
Basilico q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Succo di un limone

Procedimento
Mettete a macerare il salmone con l’olio d’oliva, un po’ di limone e qualche foglia di basilico tritato per una decina di minuti in frigorifero.
Trascorso il tempo,tagliate le pesche a fettine mantenendo la buccia e irroratele con il rimanente succo del limone per evitare che anneriscano.
In un piatto da portata distribuite sul fondo in senso rotatorio qualche fettina di pesca, distribuite sopra una fettina di salmone, di nuovo qualche fettina di pesca e terminate con una fettina di salmone arrotolata. Distribuite un po’ di olio extravergine d’oliva e servite subito.







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...