mercoledì 25 giugno 2014

Pane margherita

 
 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2014 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Come ho già avuto modo di scrivere spesso qui , adoro preparare il pane e provare nuove forme e ricette. Adesso è stata la volta del pane Margherita preparato con il lievito madre, lo yoghurt e i semi di sesamo.


Ingredienti

500 gr di farina per panificazione
125 ml di yoghurt
200 ml d’ acqua a temperatura ambiente
1 cucchiaio di malto o di miele
10 gr di sale fino
2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
Semi di sesamo bianchi 3 cucchiai

Procedimento

In una ciotola capiente setacciate la farina e unite due cucchiai di semi di sesamo. Fate un buco al centro e unite il lievito madre, il malto, lo yoghurt e l’acqua. Impastate raccogliendo la farina esternamente e portandola verso l’interno. Togliete l’impasto e mettetelo su di una spianatoia e continuate ad impastare per almeno 10 minuti. Allargate l’impasto e distribuite il sale e l’olio, continuate ad impastare per altri 5 minuti. Rimettete l’impasto nella ciotola e lasciatelo riposare e lievitare per 2 ore. Trascorso il tempo, riprendete l’impasto e, delicatamente, formate un rotolino.


Aiutandovi con un paio di forbici, dividete il rotolino in 4 o 5 parti con dei tagli obliqui e formate con i resti dell’ estremità, una pallina, praticate un'incisione, non troppo profonda, al centro dei vari pezzi che compongono i petali.


In una teglia unta e infarinata, distribuite i vari pezzi opposti tra loro e mettete in mezzo la pallina di pasta. 



Spennellate con un po’ d’olio, distribuite i semi di sesamo  rimasti, coprite con uno strofinaccio da cucina e lasciate lievitare fino al raddoppio ( i tempi di lievitazione variano molto in base alla temperatura esterna, con 23/24 gradi bastano 4 ore) lontano da colpi d’aria.
Accendete il forno a 190/200 gradi, inserite un pentolino colmo d’acqua (servirà a formare del vapore e a rendere il pane più soffice) e, quando avrà raggiunto la temperatura, infornate e lasciate cuocere per 35 minuti o, se lo preferite più colorato, per 40 minuti.
Sfornate e lasciate raffreddare su di una gratella.
Buon appetito!


Consiglio: potete prepararlo con più o meno "petali" , secondo i vostri gusti e utilizzare il lievito di birra  secco al posto del lievito madre, in tal caso unitelo direttamente alla farina setacciata e poi versate l’acqua e lo yoghurt e unite il malto. Il procedimento seguente  è lo stesso, salvo che per i tempi di lievitazione che si accorgiano notevolmente con l'utilizzo del lievito di birra. Se utilizzate  il lievito di birra in panetto, dovete prima scioglierlo in un po' di acqua.

giovedì 19 giugno 2014

Saltimbocca con lonza e speck


 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2014 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI




Questa è una mia personale rivisitazione della classica ricetta romana, conosciuta in tutto il mondo, che prevede l’utilizzo di carne di manzo e prosciutto. Personalmente ho molto apprezzato anche questa versione, provatela anche voi e fatemi sapere.



Ingredienti per 4 persone:

8 fettine di lonza
8 fette di speck o 16 se sono piccole
8 foglie di salvia grandi
Olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento

Adagiate sopra ogni fettina di lonza, una fetta di speck e una foglia di salvia. Fermate tutto con uno stecchino. 


Mettete due cucchiai d’olio in una padella antiaderente, adagiate le fettine con la farcitura in alto e fate dorare per quattro minuti. Giratele e fatele dorare per due minuti dall’altro lato, rivoltatele, cuocetele  ancora un minuto, servitele subito e buon appetito!





venerdì 13 giugno 2014

Pasticcio di verdure e salciccia

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone:


2 peperoni (uno rosso e uno giallo)
3 zucchine
1 melanzana non troppo grande

1 cipolla 
600-700 gr di salciccia

Mezzo bicchiere di passata di pomodoro o in alternativa 4 o cinque pomodori
3 cucchiai di kechup
1 cucchiaio di capperi sott'aceto 

Prezzemolo qualche rametto
Sale q.b.
Olio extravergine d'oliva q.b.


Procedimento

Mettete 2 cucchiai  d'olio in una padella, scaldatelo un pò, poi  aggiungete la salciccia tagliata a tocchi e fatela arrostire per qualche minuto, unite i capperi.
Nel frattempo pulite gli ortaggi e  tagliate a spicchi non troppo piccoli le cipolle, a tocchetti le zucchine e la melanzana e i peperoni.
Unite alla salciccia le cipolle e i  peperoni   e fate cuocere a fiamma media per 10 minuti, poi unite, nell'ordine a distanza di cinque minuti,  le zucchine e la melanzana. Salate poco, tenendo conto che la salcciccia dona già sapidità.
Dopo 15/20 minuti aggiungete la passata di pomodoro, il kechup e portate a cottura (10 minuti circa)
A fine cottura aggiustate di sale ,se necessario,  e aggiungete il prezzemolo tritato.
Buon appetito!



venerdì 6 giugno 2014

Rana pescatrice alla mediterranea




La rana pescatrice, detta anche coda di rospo, è un pesce dalle carni molto magre e dal gusto delicato che è diffuso dal Mare del Nord all'Atlantico (fino alle coste nord occidentali africane) comprese le coste islandesi. È inoltre presente nel Mediterraneo (più diffuso nella parte occidentale) e nel Mar Nero. Abita le acque di fondale sabbiose e sassose comprese tra 20 e 1000 metri.
Dal punto di vista nutrizionale è ricco di proteine ad alto valore biologico e d’acidi grassi polinsaturi della famiglia omega-3 e di potassio. Per quanto concerne le vitamine, contiene anche Niacina (vit. PP) e un notevole quantitativo di vitamina D.

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2014 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 4 persone:
500 gr di  coda di rana pescatrice
500 gr di pomodorini pachino qualità datterino
1 cucchiaio di conserva
1 scalogno
2 cucchiai di capperi sotto sale
15/20 olive nere taggiasche denocciolate sott’olio
1 cucchiaio di origano
Mezzo cucchiaino raso di zucchero
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale q.b.
Pane tipo Altamura q.b.

Procedimento.
Mettete a dissalare i capperi per almeno 15 minuti cambiando spesso l’acqua.
Togliete l’eventuale pelle residua della rana pescatrice e tagliatela a tranci di circa 5 cm.
Lavate i pomodorini e tagliateli a metà.
In una padella versate l’olio unite lo scalogno tagliato a rondelle sottili e lasciatelo imbiondire leggermente, unite i pomodorini, le olive, i capperi dissalati, la conserva, l’origano, lo zucchero e poco sale (le olive e i capperi daranno già sapidità). 


Date una mescolata e lasciate cuocere a fuoco medio per 3 minuti, unite la rana pescatrice, abbassate la fiamma e proseguite la cottura a padella coperta per 15 minuti. Scoprite e fate cuocere ancora per 5 minuti per far rapprendere un po’  il fondo di cottura.
Servite subito accompagnato con fette le fette di pane.
Buon appetito!







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...