lunedì 29 settembre 2014

Torta di pane, albicocche e cocco





LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI



La sacralità del pane da millenni accompagna la vita dell’uomo e ne è diventato parte integrante. Frutto del lavoro nei campi, per millenni è stato il fautore dell’equilibrio d’ogni società. Numerose nei secoli sono state le lotte popolari nate proprio alla sua carenza legata a carestie o a motivi politici. Ben lo sapevano gli imperatori romani che dominavano il popolo con il famoso motto “panem et circenses” (pane e divertimento).
Molto meno attenti a queste esigenze sono stati i loro successori delle società medievali che, per questo motivo, erano spesso oggetto di rivolte popolari legate alla carenza di farine o all’aumento del costo del pane. In età moderna abbiamo avuto modo di assistere ad analoghe reazioni come la famosa rivolta dei milanesi del 1628 o la Rivoluzione francese che ha avuto, tra le cause principali, quella della carenza di pane.
Questo piccolo escursus storico per ricordarci l’importanza di quello che oggi troviamo tutti i giorni con facilità sulle nostre tavole e che, spesso, gettiamo perchè raffermo, dimenticando, non solo il nostro passato, ma anche chi, purtroppo, ancora oggi, muore di fame. Ho avuto più volte modo di sottolineare da questo blog l’importanza del riutilizzo degli alimenti e spesso ho postato ricette con queste caratteristiche, anche questa è una di quelle.  E’ nata con il pane raffermo, mezza bustina di cocco grattugiato secco, l’ultimo uovo in frigorifero, la confezione aperta dello yoghurt e delle albicocche secche, utilizzate in parte giorni addietro per preparare i cantuccini morbidi. Il risultato è stato questa torta morbidissima e decisamente buona: se vi avanza del pane, delle fette biscottate, provate a farla, mettendo anche gli ingredienti che vi sono rimasi in dispensa come frutta secca, cioccolato, canditi.....



Ingredienti:

200 gr di pane raffermo
350 gr di yoghurt intero
80 gr di cocco grattugiato secco
50 gr di fruttosio ( o 80 gr di zucchero)
100 gr di albicocche secche morbide, possibilmente bio.
1 uovo
2 cucchiai di pangrattato e un po’ di burro per la tortiera.

Procedimento
Spezzettate il pane e ponetelo in una ciotola, versate tutto lo yoghurt, amalgamate e lasciate riposare per 15/20 minuti, in modo che il pane assorba lo yoghurt. Nel frattempo, tagliate a pezzettini le albicocche. Trascorso il tempo, schiacciate con una forchetta il pane fino a ridurlo in poltiglia (non usate il mixer perchè il composto dovrà risultare piuttosto rustico). Unite l’uovo e mescolate bene. Aggiungete il fruttosio, il cocco e i pezzetti di albicocca. Amalgamate bene e versate il tutto in una tortiera precedentemente imburrata e cosparsa di pangrattato. Infornate (forno già caldo a 180°) per 40 minuti.
Sfornate, lasciate raffreddare su di una gratella e servite.
Buon appetito!




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...