domenica 8 gennaio 2017

Fettuccine di castagne con porri salsiccia e Provolone

“…..nelle montagne dove si raccoglie poco grano, si seccano le castagne su grate al fumo e poi si mondano e se ne fa farina che valentemente supplisce per farne pane.”
L’erbario novo” di Castore Durante  (XVI° sec.)

Nelle dolci colline troviamo tutto il fascino dei castagneti, e in autunno, un tripudio di colori dalle calde tonalità rosso-aranciate che in inverno lasciano il posto allo splendore del bianco. I rami degli alberi si spogliano e rendono il paesaggio fatato, simile a un quadro di Dalì, permeato da un indefinibile mistero. Non sono solo belli da vedere questi castagneti, ma hanno sfamato intere generazioni e, nel corso degli anni, si è creata una vera e propria civiltà che ha prodotto tradizioni, sviluppato usi, tecniche agrarie e lavori fortemente legati a quest’albero.
Il castagno o “albero del pane” come fu definito da Senofonte nel IV secolo a.C. è originario dell’Asia Minore e della Grecia: si diffuse in Italia grazie agli Etruschi e cresce spontaneamente nella fascia climatica del Mediterraneo, dalla Turchia ai Balcani, alla penisola Iberica, sulle coste del Magreb, dall’Italia alla Francia. Furono gli ellenici i primi a sviluppare la coltivazione e a selezionare le varietà di castagne pur considerandole inizialmente come una sorta di ghianda. Utilizzavano questo nutriente frutto per preparate le pietanze più disparate, come il pane nero di Sparta, sfarinate, minestre. Greci, Ebrei e Fenici con i loro commerci le diffusero in tutto il bacino Mediterraneo.





LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

Per le fettuccine

200 gr di farina di castagne
200 gr di farina W260 per panificazione
4 uova
Sale q.b.
1 cucchiaio d’olio extravergine d’oliva

Per il condimento
2 porri
400 gr di salsiccia
Qualche rametto di prezzemolo
½ bicchiere di vino bianco secco
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Un pizzico di sale
100 gr di Provolone dolce grattugiato

Procedimento


Mettete le farine in una ciotola ed inserite al centro le uova, il cucchiaio d’olio e il sale.


Partendo dal centro, inglobate lentamente tutta la farina, poi  versate l’impasto su di una spianatoia e impastate fino ad ottenere un composto omogeneo. Mettetelo a riposare, coperto con la pellicola, per mezz’ora.


Nel frattempo preparate il condimento.
Lavate i porri, togliete le radichette, la prima foglia e tagliateli a  rondelle oblique.
Tagliate la salsiccia a rondelle.
Lavate, sgrondate e tritate il prezzemolo.
In una padella versate 4 cucchiai d’olio, fatelo scaldare e unite i porri.


Lasciate soffriggere dolcemente per 5 minuti poi unite la salsiccia e fate dorare a fuoco vivo 


per qualche minuto, salate,  sfumate con il vino e fate cuocere ancora per qualche minuto, unite il prezzemolo , miscelate e spegnete il fornello.
Riprendete l’impasto e tiratelo a sfoglia sottile,



poi ripiegatela in più parti e tagliate delle strisce di mezzo centimetro.


Mettete le fettuccine ottenute su della carta da forno e spolverizzate con la farina normale.


Mettete a bollire abbondante acqua salata con un goccio d’olio (impedirà alla pasta di attaccarsi), al momento del bollore tuffate le fettuccine e fate cuocere per circa 10 minuti.
Riscaldate leggermente il condimento e unite le fettuccine scolate grossolanamente, unite anche due  o tre cucchiai dell’acqua di cottura e fate saltare per un minuto. Spegnete il fornello, spolverizzate con il Provolone e servite subito.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...