mercoledì 14 settembre 2016

Tartellete di ‘Nduja


 LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ho preparato queste tartellette con la n’duja gentilmente  omaggiatami da   ‘NDUJA E SALUMI DI GABRIELLA BELLANTONE, un’azienda con sede a Spilinga (VV) che aderisce al progetto nazionale di Coonfcooperative Qui da Noi
La ‘nduja è un celebre insaccato la cui produzione storica si concentra nell’agro di Spilinga, paesino in provincia di Vibo Valentia. Siamo nel lembo meridionale, tra i più scenografici della Calabria, che guarda le Eolie, e anche dei più espressivi, perché questo è uno dei luoghi chiave per la nascita del modello nutrizionale della Dieta Mediterranea. In questo salume spalmabile, dal colore rosso intenso, dal nome che richiama la cultura gastronomica francese e rievoca la contaminazione spagnola, c’è dentro tutto il fascino esotico del Meridione. L’esperienza del gusto che offre non ha pari.
Si tratta di carne di maiale macinata insieme a del peperoncino essiccato e triturato, salata, insaccata nel budello naturale del maiale, affumicata e poi stagionata per due mesi. Ovviamente il peperoncino utilizzato è quello tipico calabrese a bacca lunga che viene coltivato in loco, raccolto dalla metà di agosto e fatto essiccare, in maniera naturale, al sole.
L’azienda ‘NDUJA E SALUMI DI GABRIELLA BELLANTONE,  produce, nei suoi  locali e con strumenti moderni, tra gli altri prodotti,  anche l’originale ‘nduja di Spilinga, utilizzando ingredienti di primissima qualità.
Ho trovato questa ‘Nduja particolarmente e piacevolmente morbida, con un aroma intenso di affumicatura. Il sapore è deciso e piccante. Ottima così, spalmata su crostini di pane, o utilizzata in varie preparazioni come la pasta





Ingredienti per 4 persone:

450 gr di pasta briseé
1 cipolla di Tropea
Qualche oliva verde per guarnire
Olio extravergine d'oliva q.b.

Procedimento

Mettete la pasta frolla su di un piano leggermente infarinato e tiratela con il mattarello, ottenendo un disco di circa 3 mm di spessore e con questo foderate completamente gli stampini per le tartellette. Sistemateli su una placca e cuoceteli nel forno ventilato, già scaldato a 170°,  per 20 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.


Lavate la cipolla e tagliatela alla veneziana (a rondelle sottilissime).
Riempite le cartellette con la  ‘Nduja, sistemate un po’ di cipolla su di ognuna,  mettetele in un piatto,  versate un filo d’olio extravergine d’oliva ,guarnite con olive verdi o con sottaceti a piacere.
Buon appetito.




NDUJA E SALUMI
ctr. Saramalloni – 89864 – SPILINGA (VV)
Cell: 338 8899623 – 380 2549273 |
E-mail: francescofiamingo@libero.it


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...