giovedì 25 giugno 2015

Treccine di pane farcite


Come ogni sabato, ho preparato il pane con il lievito madre, ma, questa settimana, avevo proprio tanto lievito, e  siccome detesto gettare il cibo, ho utilizzato parte dell’impasto per preparare queste treccine farcite. A noi sono piaciute moltissimo e qualcuna l’ho surgelata per poterla gustare durante settimana.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Per la sfoglia

400 gr di semola rimacinata di grano duro
1 cucchiaino di malto d’orzo (o di miele)
200 ml d’acqua appena tiepida
2 cucchiai di erbette di Provenza
3 gr di sale


Nota: In sostituzione del lievito madre, potete utilizzare, il lievito di birra ( ovviamente si riducono notevolmente i tempi di lievitazione), o per velocizzare ulteriormente, potete acquistare 500 gr. di pasta di pane lievitata dal fornaio e aggiungere le erbette.

Per il ripieno
100 gr di paté d’olive nere q.b.
150 gr di salame tagliato a fettine
100 gr di Asiago tagliato a cubettini
1 tuorlo d’uovo   
2 cucchiai di latte o di acqua
Semi di sesamo bianchi e neri q.b.


Procedimento

Scaldate il latte a 35°C e scioglieteci il lievito madre e il cucchiaino di malto aggiungete lentamente la semola e le erbette di Provenza e amalgamate , quando l’impasto risulta un po’ solido,  versatelo sulla spianatoia e impastatelo fino a ragiungere una consistenza omogenea ed elastica (circa 15 minuti), allargate l’impasto, distribuite il sale, versate l’olio e impastate fino ad inglobarlo completamente.
Mettete un po’ di olio in una ciotola, infarinatela e deponeteci l’impasto. Lasciatelo  lievitare in un luogo caldo e lontano da colpi d’aria o repentini abbassamenti di temperatura (l’ideale è all’interno del forno spento). Dopo due ore (o quando è aumentato del 50%) riprendete l’impasto, ben lievitato, e stendetelo delicatamente in una sfoglia rettangolare di circa tre o quattro millimetri.


tagliatela nel senso della lunghezza, formando delle strisce.



Distribuite su una striscia il paté d’oliva, sull’altra il salame e sulla terza i cubetti di Asiago.


Arrotolate le strisce e intrecciatele tra loro.


Mettetele su di una leccarda rivestita con della carta da forno, leggermente imburrata, e lasciatele lievitare fino al raddoppio del volume (3/4 ore). Questi tempi, valgono per una temperatura dell’ambiente di 24/25 gradi, se inferiore si allungano, se maggiore ci accorciano.
Accendete il forno a 190° C e ponete un pentolino con dell’acqua sul fondo (servirà a rendere più soffice la preparazione).
Mettete il rosso d’uovo in una tazzina e unite due cucchiai di latte (tutto a temperatura ambiente), mischiate bene e spennellate delicatamente le treccine, distribuite i semi di sesamo e infornate nel forno statico, già caldo, e fate cuocere per 20/25 minuti (dipende dal vostro forno), dovranno risultare ben dorate.
Sfornate e fate raffreddare su di una gratella.
Buon appetito!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...