venerdì 25 settembre 2015

Charlotte di marroni e mascarpone

Anche quest’anno si svolgerà a Cuneo la Fiera nazionale del Marrone 2015  dal 16 al 18 ottobre. Per tre giorni, questa splendida cittadina piemontese sarà invasa da una moltitudine di colori, profumi e sapori, con centinaia di espositori provenienti da tutta Italia e non solo. Nell’ambito di questa prestigiosa Fiera è nata un’iniziative che mi vede coinvolta, insieme ad altre colleghe foodbloggers, nella preparazione di alcune ricette nate dalla rivisitazione di ricette tipiche del proprio territorio o del territorio d’adozione. Tutte le preparazioni saranno inserite nel sito della Fiera visitabile all’indirizzo www.marrone.net



Questa è la ricetta originale che scelto:

Dolce di castagne di Cuneo ai savoiardi

Ingredienti
1 kg di marroni
150 g di burro a temperatura ambiente
150 g di zucchero
1 bicchierino di sciroppo di vaniglia
150 g di savoiardi
80/100 g di amaretti macinati

Procedimento

Fate bollire i marroni e pelateli ancora tiepidi (vi faciliterà la sbucciatura), poi riduceteli a purea con un passaverdure o un mixer.
Unite lo zucchero al burro e lavoratelo bene fino ad ottenere una crema, aggiungete la purea di marroni e il bicchierino di sciroppo di vaniglia.
Rivestite lo stampo con i savoiardi leggermente imbevuti di acqua sciroppata, riempite con la crema di marroni e coprite con i savoiardi imbibiti e mettete in frigo per almeno tre ore. Servite cospargendo le singole porzioni con gli amaretti tritati.

E questa è la mia rivisitazione.

Charlotte di marroni e mascarpone




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2014 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 4 persone ( stampo di  20 cm di diametro )

200 g di biscotti tipo "Digestive"
300 g di mascarpone
200 g di crema di marroni
50 g di cacao amaro (5 cucchiai)
30 g di zucchero a velo
50 g di burro
1 cucchiaio di miele d'acacia
1/2 bicchiere di Porto 
una decina di biscotti savoiardi
50 g di  amaretti tritati 
un cucchiaio di gocce di cioccolato 
2 cucchiai di codette di cioccolato bianco e nero (per decorare)

Procedimento

Foderate con della pellicola da cucina una teglia apribile di circa 20 cm di diametro, lasciandola fuoriuscire (vi servirà per aiutarvi ad estrarre la charlotte).
Tritate nel mixer i biscotti, metteteli in una ciotola e unite il burro fuso, il miele, le gocce di cioccolato, un cucchiaio di Porto e amalgamate bene. Stendete il composto sulla base della tortiera e premete il composto con il dorso di un cucchiaio in modo da rendere il fondo uniforme e ben compatto, mettete in frigo per mezz’ora.
Nel frattempo in una ciotola mettete 100 gr di mascarpone e tutto  lo zucchero a velo. Montate bene e tenete da parte.
Incorporate  al rimanente mascarpone  la crema di marroni e poco alla volta 2 cucchiai di cacao setacciato.
Versate sulla base  di biscotti metà della composta di marroni, sbriciolate quattro savoiardi, unite gli amaretti tritati e distribuitene la sopra la crema. Formate un'altro strato con il solo mascarpone tenuto da parte, spolverizzate con i savoiardi rimasti  e terminate con la seconda metà del composto di marroni.
Mettete in frigo  per almeno 4 ore.
Togliete il dolce dal frigo un'ora prima di servire, aprite la teglia, togliete la pellicola trasparente e sistematelo su di un piatto di portata.
Tagliate i savoiardi rimasti in tocchetti dell'altezza della torta, spennelateli velocemente con il Porto rimasto allungato con un po' d'acqua e distribuiteli attorno alla torta. Spolverizzatela con il cacao rimasto, distribuite le codette di cioccolata, mettete in frigo ancora per 10/15 minuti e servite. Buon appetito!












Cuneo è un comune italiano, situato in Piemonte, nel cuore delle Langhe, conosciuto a livello locale con l'appellativo di Capoluogo della Granda, dovuto all'estensione dell'omonima provincia. Si estende nelle valli occitane fino al confine con la Liguria e la Francia. Possiede una forma triangolare inconfondibile, abbracciata dai fiumi Gesso e Stura, con la punta protesa nella pianura e il ventaglio allargato verso le montagne. Ha una lunga storia questa splendida cittadina fondata nel 1198, pare sulle rovine della città di Auriate. Una storia di lotte e di assedi, ne subì ben sette, ma seppe sempre tenere testa agli assalitori, orgogliosa e ribelle.
Nelle dolci colline che la circondano, troviamo tutto il fascino dei castagneti, e in autunno, un tripudio di colori dalle calde tonalità rosso-aranciate che in inverno lasciano il posto allo splendore del bianco. I rami degli alberi si spogliano e rendono il paesaggio fatato, simile a un quadro di Dalì, permeato da un indefinibile mistero. Non sono solo belli da vedere questi castagneti, ma hanno sfamato intere generazioni e, nel corso degli anni, si è creata una vera e propria civiltà che ha prodotto tradizioni, sviluppato usi, tecniche agrarie e lavori fortemente legati a quest’albero. Cuneo, come tutta la sua provincia, si caratterizza per l’accoglienza e l’ospitalità dei suoi abitanti. Ricca di portici, come molte città piemontesi, aperti su strade e borghi medievali, sovrastati da splendidi palazzi nobiliari e animati da negozi e caffetterie con le tipiche cornici intagliate.


Moltissimo ci sarebbe ancora da scrivere su questa splendida cittadina, su i suoi tesori, sulla sua ricchissima  tradizione gastronomica e tanto  altro ancora, e quindi, che dire? Venite a trovarci e lo scoprirete da soli.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...