lunedì 2 aprile 2012

Coniglio in agrodolce con amaretti.

La carne di coniglio è indicata a qualsiasi età per il suo alto contenuto proteico e il ridotto quantitativo di colesterolo ( circa 70 mg per 100 grammi). E' ricca di minerali quali fosforo,magnesio, potassio e povera di sodio e calcio, buono il contenuto di vitamina B12.
Pur essendo una carne bianca, il contenuto di ferro è solo di poco inferiore alle carni bovine.
Per queste sue caratteristiche,  il basso contenuto calorico, la facilità di digestione, il suo consumo è molto indicato nelle diete per le  persone convalescenti, in caso di colesterolo elevato e nelle diete dimagranti (ovviamente cucinato in maniera semplice).
Spesso questa carne non è molto amata per il suo sapore un po' forte, per ovviare  a questo inconveniente vi consiglio (come nella ricetta) di tenere i pezzi di coniglio a bagno nell'acqua fredda acidulata con il succo di due limoni per dieci minuti.
Il coniglio si può cucinare in vari modi, in caso di convalescenza, è ottimo bollito con cipolla carota e sedano.  Il suo  brodo non solo  è molto delicato, ma corroborante.
Altre ricette con il coniglio:



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.



Ingredienti  per 4 persone

1 coniglio da 1 kg. circa tagliato a pezzi
10 cipollotti novelli medi
1 bicchiere di ottimo aceto bianco
3 bicchieri di vino bianco (Vernaccia di San Giminiano )
30 gr. di amaretti piccoli secchi
2 limoni  grandi (succo)
5 chiodi di garofano
2 cucchiai di zucchero
1 spicchio d’aglio
6 rametti di timo
20 gr. di burro
1 cucchiaio di senape
Olio d’oliva extravergine q.b.
Sale  grosso q.b.
Pepe q.b.

Lavate velocemente i pezzi di coniglio, metteteli  in una ciotola con abbondante acqua fredda  e il succo dei limoni. Lasciateli  in ammollo per 10 minuti, poi scolateli e asciugateli bene.
Nel frattempo pulite i cipollotti eliminando le radici e parte del gambo (lasciatene circa 4 cm), lavateli e infilzatene metà con i chiodi di garofano (1 per cipollotto).
Mescolate 3 cucchiai di olio in una ciotola, unite una macinata di pepe e massaggiate i pezzi di coniglio con l’emulsione ottenuta.
In una casseruola mettete 3 cucchiai di olio, lo spicchio d’aglio  e lasciatelo rosolare per un minuto, toglietelo e aggiungete i pezzi di coniglio.
Fateli rosolare a fuoco vivo da ambo le parti per 5 minuti , spolverizzateli con  lo zucchero, abbassate la fiamma e continuate a rosolarli, girandoli spesso, fino a che avranno preso  una bella patina lucida (circa 5 minuti).
Aggiungete l’aceto, il vino bianco e 4 rametti di timo, portate a bollore e lasciate la fiamma alta per 3 minuti per far evaporare l’alcol, salate.
Abbassate la fiamma e aggiungete i cipollotti, coprite e proseguite la cottura per circa 1 ora a fuoco bassissimo, voltando delicatamente un paio di volte sia i pezzi di coniglio che i cipollotti.
Sbriciolate gli amaretti finemente (io uso il tritatutto), uniteli al burro ammorbidito e al cucchiaio di senape e amalgamate bene fino a formare una crema.
A cottura ultimata togliete i pezzi di coniglio e i cipollotti e sistemateli in un piatto al caldo, filtrate il fondo di cottura, rimettetelo sul fuoco e unite la crema di amaretti e senape, mescolate bene per amalgamare e addensare il sugo (1 minuto).
Versate il fondo su di un piatto di portata, adagiatevi sopra i pezzi di coniglio, i cipollotti, i rametti di timo rimasti tagliati a ciuffetti. Guarnite con qualche amaretto intero e servite subito.
Buon appetito!



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...