mercoledì 23 febbraio 2011

Ragù di carne

Ingredienti per 6 persone:

4 etti di carne di manzo tritata
400 gr. di pomodori pelati
1 cucchiaio di conserva
1 carotina
1 cipolla
1 gambo di sedano
1 rametto di rosmarino
2 foglie di salvia
2 foglie d'alloro
1 spicchio d'aglio
1 quarto di bicchiere di vino rosso corposo 
1 bicchiere di acqua calda
Sale e pepe q.b.
Olio extravergine d'oliva q.b.

Procedimento

Lavate e tagliate a cubettini la carotina, la cipolla, il sedano e l'aglio (o lasciatelo intero se preferite e toglietelo a fine cottura), tritate gli aghi del rosmarino e la salvia.
Mettete tutto in una pentola con 4 cucchiai di olio extravergine e fate dorare  a fuoco dolce per 5 minuti, aggiungete la carne tritata e fatela rosolare a fuoco vivo.
Quando sarà ben rosolata e tutta l'eventuale liquido prodotto sarà asciugato, aggiungete il vino e lasciate sfumare sempre a fuoco vivo per 2/3 minuti.
Aggiungete i pelati tritati, il cucchiaio di conserva, le foglie di alloro,il bicchiere d'acqua, il sale e il pepe.
Coprite e fate cuocere a fuoco bassissimo per 25/30 minuti.
Ottimo per condire gli agnolotti, la pasta, le fettuccine ecc.ecc. (questa precisazione è utile per gli amici  stranieri che seguono questo blog)
E......Buon appetito


agnolotti alla piemontese

lunedì 21 febbraio 2011

Ratatouille a modo mio

Questa ricetta partecipa al Contest per Bene:
Si tratta di un contest con una finalità particolare.” Fare informazione per creare consapevolezza” è il motto dell’ dell’ A.P.E. Onlus . Questa associazione è nata nel 2005 quando un gruppo di donne, con esperienza di endometriosi hanno deciso di mettere al servizio delle altre donne le loro esperienze, con la profonda convinzione che un’associazione di donne affette da endometriosi deve basarsi principalmente sul reciproco sostegno, conforto ed aiuto per rendere la propria vita, complicata da una malattia cronica, un cammino migliore da percorrere insieme.
ILLA for people ha deciso quest’anno di sostenere l’APE Onlus e spera con questa iniziativa non solo di sostenere economicamente questa associazione, ma vuole anche diffondere informazioni su questa patologia poco conosciuta ma che colpisce 3 milioni di donne in Italia..
Nel mese di marzo, in concomitanza di questa campagna informativa, in occasione della VII Settimana Europea della Consapevolezza dell’endometriosi, verranno messi in commercio presso negozi e centri commerciali dei padellini salta-uovo ILLA for people  e parte del ricavato della vendita sarà devoluto all’Associazione .
Con questa ed alte ricette cerchiamo di creare una raccolta  dedicata alla particolare alimentazione che devono seguire le donne colpite da questa malattia in quanto la giusta alimetazione è d’aiuto nel controllo del dolore.

Ingredienti per 4 persone:

1 peperone rosso
1 peperone giallo
1 grossa cipolla di Tropea
1 melanzana media
2 carote
4 zucchine
2 coste di sedano
2 cucchiai di prezzemolo tritato
origano q.b.
olio extravergine d’oliva q.b.
sale q.b.

Procedimento

Pulite, lavate e tagliate i peperoni , le carote e le zucchine a julienne, la cipolla a spicchi , il sedano a rondelle e melanzana a dadini
Mettete 4 cucchiai d’olio in una padella e fate rosolare dolcemente le cipolle, i peperoni, il sedano   e le carote per 15 minuti, toglieteli  dalla padella, aggiungete (se è il caso) un po’ d’olio e le zucchine. Fatele cuocere per altri 10/15 minuti, toglietele ed aggiungetele alle altre verdure già cotte. Fate anche i dadini di melanzana per 5 minuti.
Rimettete in padella tutte le verdure, aggiungete il prezzemolo, l’origano, il sale e lasciate insaporire per 5 minuti.
Volendo potete aggiungere anche dei ceci e 2 cucchiai di passata di pomodoro.
Buon appetito!

mercoledì 16 febbraio 2011

Quiche di spinaci e pasta di pane

Per una variante un po’ particolare e meno calorica della classica quiche, ho sostituito la pasta brisèe con la pasta di pane, la panna e la groviera con la ricotta, il Parmigiano Reggiano e la Casciotta d'Urbino, la pancetta con il prosciutto crudo, le uova di gallina con le uova di quaglia che contengono meno colesterolo. Questo è il risultato, provare per credere!

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 6 persone:

Per la pasta:
250gr. di farina di farina tipo “O”
10 gr. di lievito di birra
1,5 dl di acqua
½ cucchiaino  di sale
un pizzico di zucchero

Per il ripieno:
800 gr. di spinaci
200 gr. di prosciutto crudo tritato
1 carota  piccola
1 cipolla piccola
1 gambo di sedano
225 gr. di ricotta
100 gr di Casciotta d'Urbino
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
10 uova di quaglia (o se non le trovate 3 uova di gallina)
3 cucchiai di latte.
Sale q.b.
Olio extravergine d’oliva p.b.




Procedimento

Mettete il lievito sbriciolato in un recipiente. Aggiungete metà dell’acqua necessaria, tiepida, lo zucchero e poi mescolate bene  per sciogliere il tutto.
Lasciate riposare per 10 minuti.
Nel frattempo setacciate in un recipiente la farina con il sale. Formate una fontana al centro e versatevi il lievito con l’acqua restante.
Mescolate il tutto con un cucchiaio di legno fino ad ottenere una palla di pasta.
Spolverizzate con la farina la spianatoia, posatevi la palla di pasta poi appiattatela con le mani stendendola leggermente.
Ripiegate i bordi opposti uno sopra l’altro poi appiattiteli nuovamente con le mani. Ripetete l’operazione più volte ( per circa 10 minuti) facendo girare la pasta sulla spianatoia .
Quando la pasta sarà diventata elastica e liscia, ricopritela con un panno pulito e umido, al riparo dalle correnti d’aria e dal freddo (l’ideale è porla nel forno spento) e lasciatela lievitare per 30 minuti.
Rimettete la pasta lievitata  sulla spianatoia infarinata, impastatela tirando in tutti i sensi allo scopo di aerarla per 5 minuti.
Confezionate una palla  girandola tra le mani infarinate, ricopritela nuovamente con un telo e lasciatela lievitare per 1 ora.
Se non avete tempo o voglia per farvi la pasta di pane, potete sempre acquistarla già pronta.

Nel frattempo lavate, cuocete in pochissima acqua salata, strizzate e tagliate grossolanamente gli spinaci.
Tagliate la carota, la cipolla e il sedano a piccoli dadini e metteteli a soffriggere con un po’ olio in una padella. Quando saranno dorati aggiungete gli spinaci e fate insaporire ed asciugare il liquido in eccesso.
Lasciate intiepidire e aggiungete il prosciutto crudo tritato e la Casciotta d'Urbino tagliata a cubetti Mescolate bene.
Stendete la pasta di pane e ricavatene un disco di circa mezzo cm. di spessore e ponetelo in una pirofila.



Versate il composto di spinaci  e livellatelo.


Sbattete le uova, unite la ricotta setacciata e amalgamate bene. Versate il tutto sopra gli spinaci, Richiudete i lembi della pasta e spennellate con il latte



Spolverizzate con Parmigiano Reggiano  e infornate in forno già caldo (180°) per 40 minuti.
Buon appetito!


Filetti di trota alla mugnaia

Il Piemonte, dove vivo,è una bellissima  regione  ricca di fiumi, di laghi e di torrenti dove le trote sono rintanate dietro i sassi, in attesa della preda, dove l’acqua fa la schiumetta: lì si ossigena ed aspetta il nutrimento. Oppure, se sono in caccia, si trovano ovunque.
Parlando di laghi, la trota, a seconda della stagione, ama stazionare dove l’acqua è più fresca, d’inverno più verso la superficie e d’estate più sul fondo. Quelle utilizzate per questa ricetta arrivavano dalla Valchiusella.
#PiemonteinBocca #trote #pescedacquadolce #pranzo





LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI



Ingredienti per 2 persone:

2 filetti di trota
30 gr. di burro
Prezzemolo q.b.
Farina q.b.
Vino bianco secco sale q.b.

Procedimento
Infarinate i filetti di trota ed eliminate la farina in eccesso poi poneteli in una casseruola con metà del burro e fateli dorare, spruzzateli con il vino bianco e lasciatelo evaporare. Togliete i filetti dal fuoco e teneteli al caldo. Nel fondo di cottura mettete il rimanente burro e un cucchiaio di farina e fate dorare. Versate il sugo sui filetti, spolverizzate di prezzemolo e servite subito.
Accompagnate con una insalatina mista.
Buon appetito!


domenica 13 febbraio 2011

Coppette di San Valentino

Ma se l'amore non ha anche un pizzico di peperoncino, che amore è?




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 2 persone

100 gr. di cioccolato fondente
20 gr. di fecola di patate
2 dl di panna fresca
1,5dl. di latte
1 bicchierino di rum
10 gr. di burro
50 gr. di zucchero
2 cucchiai di zucchero vanigliato
3 tuorli
un pizzico di peperoncino

Procedimento

Stemperate la fecola di patate con il latte versato  a poco a poco per evitare grumi, aggiungete metà della panna e portate lentamente ad ebollizione, spegnete il fuoco. Sciogliete il cioccolato a bagnomaria e incorporate il burro e il peperoncino. Mescolate bene.  Montate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema morbida, amalgamate al composto di uova e zucchero e aggiungete il liquore.Incorporate lentamente il latte con la fecola e la panna mescolando continuamente. Ponete il tutto  sul fuoco bassissimo e continuate la cottura mescolando fino a quando la crema sarà densa. lasciatela intiepidire.
Aggiungete lo zucchero vanigliato alla panna rimasta e montatela leggermente.
Distribuite la cioccolata in due coppette, versate la panna e servite subito.
Buon appetito e Buon San Valentino.

sabato 12 febbraio 2011

Cous cous alle verdure e pollo

La carne di pollo è ricca di proteine nobili indispensabili all’organismo per rinnovare i tessuti, e di  aminoacidi ramificati utili nel metabolismo dei muscoli e nell’aiutare allo smaltimento delle tossine che si formano quando si svolge un inteso lavoro fisico. Se eliminiamo la pelle, come in questo caso, risulta relativamente povera di grassi  e con un discreto contenuto di vitamine del gruppo B e di ferro.  La ridotta presenza di tessuto connettivo ed il diametro ridotto delle sue fibre rendono la carne di pollo facilmente digeribile. 




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

400 gr. di cous cous precotto
1 petto di pollo
4 dl. di brodo di pollo
1 peperone rosso
1 peperone giallo
2 carote
4 zucchine
1 melanzana piccola
2 cipolle
3 gambi di sedano
3 cucchiai di passata di pomodoro
3 cucchiai di prezzemolo tritato
2 cucchiai di origano
peperoncino q.b.
olio extravergine q.b.
50 gr. di burro
2 foglie di alloro
sale q.b.


Procedimento

Bollite per circa 40 minuti   il petto di pollo in un litro di acqua con una carota, una cipolla, un gambo di sedano, le due foglie di alloro e il sale.
Nel frattempo tagliate a julienne i peperoni , la carota, il sedano, la cipolla a rondelle e metteteli in una padella con 4 cucchiai di olio. Fate dorare il tutto ,  toglietelo dalla padella e versatelo  in una terrina.
Nella stessa padella mettete  le zucchine tagliate a tocchetti e fate dorare, dopo 5 minuti aggiungete anche la melanzana e fate cuocere ancora per 10 minuti.
Rimettere nella padella le altre verdure, aggiungete il peperoncino, l'origano, la passata di pomodoro, il prezzemolo e il sale. Mescolate bene e lasciate insaporire per due minuti.
Tagliate a tocchetti il petto di pollo e unitelo alle verdure.
Riportate ad ebollizione 4 dl. di brodo di pollo, toglietelo da fuoco e unite il cous cous lasciandolo cadere a pioggia. Dopo un minuto spegnete il fuoco, coprite e lasciate riposare per 5 minuti. Trascorso questo tempo unite il burro e sgranate con una forchetta il cous cous.
Ungete una cocotte per ogni commensale e mettetevi il cous cous con le verdure, il pollo e qualche fiocchetto di burro. coprite con un foglio d'alluminio e passate in forno preriscaldato a 200° per 15 minuti.

Buon appetito!






giovedì 10 febbraio 2011

Mostarda di frutta

Questa ricetta si ispira alla mostarda piemontese chiamata cugnà. E’ ottima  servita con i formaggi stagionati e con le carni.


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti:

2 litri e mezzo di mosto d’uva
1  mela cotogna
1 pera martin
100 gr. di zucca (già pulita)
250 gr. tra noci, nocciole e mandorle sgusciate
50 gr. di zucchero di canna.
1 buccia d’arancia non trattata

Procedimento
Fate bollire a fuoco dolce il mosto fino a ridurlo della metà, aggiungete la mela, la pera, la zucca, la buccia dell’arancia tagliate a pezzetti e fate cuocere per almeno un’ora.
Quando saranno sfatti e la salsa avrà raggiunto una certa densità unite tutta la frutta secca tritata e fate cuocere ancora per 15 minuti.
Consumatela qualche giorno dopo. Se volete conservarla per più tempo  dovete invasarla ancora calda e sterilizzarla per 20 minuti nell’acqua bollente avendo cura di interporre degli stracci tra i vasetti per evitare che sbattendo si rompano.
Buon appetito!










mercoledì 9 febbraio 2011

Penne al salmone

Ingredienti per 4 persone:

350 gr. di penne
250 gr. di salmone affumicato
200 gr. di panna da cucina
1 spicchio d’aglio
due cucchiai di prezzemolo tritato
olio extravergine d'oliva  q.b.
sale q.b.

Procedimento
In una padella capiente dorate lo spicchio d’aglio in 5 cucchiai d’olio. Nel frattempo spezzettate grossolanamente il salmone.
Togliete l’aglio, aggiungete il salmone, fate dorare dolcemente  per 1 minuto, versate metà della panna, amalgamate, fate cuocere per 2 minuti ed eventualmente aggiustate di sale. Scolate grossolanamente la pasta molto al dente e versatela nella padella con il salmone e la panna. Aggiungete la panna rimanente e fate saltare per 2 minuti. Spolverizzate con il prezzemolo tritato e servite subito.
E…..buon appetito!

venerdì 4 febbraio 2011

Gateau napoletano

La scamorza è un formaggio prodotto con latte di vacca a pasta semicruda e filata.
Questo delizioso formaggio, riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale delle regioni Campania, Abruzzo, Molise e Puglia, è prodotto da latte vaccino crudo o pastorizzato fatto coagulare con un sieroinnesto (il siero della lavorazione del giorno precedente) e caglio di vitello. La pasta è lasciata maturare, poi è immersa in acqua bollente, fatta filare e modellata a mano o a macchina. La scamorza è quindi immersa in una salamoia e messa in commercio subito o dopo una breve stagionatura di qualche giorno.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di patate
2 etti di provola affumicata
2 etti di prosciutto cotto in una sola fetta
50 gr di Parmigiano Reggiano
30 gr di burro
2 uova
Sale e pepe q.b.

Procedimento

Fate lessare le patate e, nel frattempo, tritate il prosciutto, grattugiate la provola e il parmigiano.
Accendete il forno a 180°
Imburrate e infarinate una teglia da forno con cerniera.
Pelate le patate e passatele al setaccio. Ponetele sul fuoco, aggiungete il burro, un po’ di latte e fate un purè. Fuori dal fuoco aggiungete 4 cucchiai di provola  e prosciutto grattugiati, il sale e il pepe. Amalgamate bene il tutto e unite le due uova (una alla volta) e mescolate velocemente.
Dividete il purè in due parti e ponete la prima parte nella teglia livellandola. Distribuite sopra il rimanete prosciutto grattugiato e quasi tutta la provola( tenetene da parte 4 cucchiai). 



Stendete il rimanente purè e distribuite sopra la provola e il parmigiano.


 
Infornate per 40 minuti.
Buon appetito!



                        



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...