domenica 9 gennaio 2011

Faraona al limone

La faraona o gallina faraona è originaria dell’Africa, da cui fu introdotta in Europa nel XIII secolo d.C. ad opera dei marinai e dei mercanti che provenivano da quelle zone.
Possiede carni magre, gustose   e ricche di proteine ad alto valore biologico, di ferro e di vitamine del gruppo B. 



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

1 faraona
2 limoni non trattati
2 spicchi d’aglio
3 rametti di rosmarino
Qualche foglia di salvia
1 bicchiere d’acqua calda
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.

Procedimento

Pulite,  fiammeggiate, lavate e asciugate  la faraona. Tagliatela in 4 parti e mettetela a dorare in una teglia con l’aglio e tutti gli altri aromi.
Nel frattempo pelate i limoni, mettete da parte la buccia, spremeteli e  filtrate  il succo. Togliete tutta la parte bianca delle bucce, sbollentatele per 1 minuto e lasciatele asciugare. Tagliatele a striscioline.
Quando la faraona  sarà ben colorita aggiungete il succo dei limoni, il sale e il bicchiere d’acqua calda. Portate a cottura a fuoco bassissimo  e a pentola coperta per circa 1 ora.
Se dovesse restringersi  troppo il fondo di cottura aggiungete qualche cucchiaio di acqua calda.
Dieci minuti prima del termine della cottura unite metà delle bucce dei limoni.
Impiattate e guarnite con le striscioline rimaste.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...